Forza Senigallia!

il tempo passa, velocemente, e pare essermi dimenticato di molte cose, che certamente in seguito scriverò. Oggi però un pensiero lo vorrei dedicare a Senigallia e ai suoi cittadini e alle Marche in genere. Una vicinanza ad una terra, un mare, e spiaggia di velluto, cittadini che tante emozioni e sentimenti che generano.

I ricordi personali sono molti, e in ogni stagione.

Forza Senigallia

Le vacanze “volano” …via

Il rientro, in aereo, è davvero diverso. Dal treno. Non si ha neanche tempo di ripensare e rivivere le emozioni di un tempo piccolo e allo stesso tempo grande. Nienre lacrime, o poche, in tutti, in partenza. Tesi, contratti, irrigiditi, ansiosi, dopo aver preso posto e allacciato le cinture di sicurezza, si aspetta che l’aereo cominci a correre, s rullare come una F1, Dopo i mimi , gli annunci, il decollo e poi da lassù cercare di riconoscere strade, case, sparsi, poi città che sembrano puntini, che solo apparentemente “volano” via anche loro, mentre signorine r signorini, per la par condicio, vendono, o ci provano, profumi d gratta e vinci. E un occhio al tempo e un occhio fuori e sotto,”come nelle nuvole” cerchi di riconoscere,”saranno le Tremiti”? L’unico arcipelago adriatico a poche miglia da Vieste, dal Gargano. Come è profondo il mare. Chissà le spiagge, i trabucchi, le stradine, il faro, ausilio importantissimo per la navigazione. il porto. Verrebbe da gridare alla Pizzul che è tutto molto bello.Il tempo di una lezione di geografia che le vacanze si porta via.

Sotto la torre

Mi piace molto osservare il tutto dai piedi di questa torre. Non entro nel merito storico,della costruzione e di molto altro, potrei sbagliare, anche se a livello generale, 2 cosette da interrogazione potrei provare a dirle e ricavarne un 6 pulito, ma entro nelle sensazioni che da queste due panchine, seduto, sdraiato, appisolato, capo chino, si possono avere. Vedo due occhi, un naso e bocca laterale, una frangettina, nuvole, fresco. Mancherebbe una fontanella, e purtroppo ne mancano da queste parti. Peccato. Si potrebbe provare a chiederne una. Mi manca molto il mio torto verde torinese, sempre generoso e mai avido. La torre, dona fresco e ombra, insieme alle nuvole che da un paio di giorni non sono più passeggere, come certi amori estivi. Come in un film vedi passare gente di ogni genere e provenienza dialetti, lingue, muniti di ogni cosa. Al loro seguito in molti sembrano avere casa e dove la piazzeranno è un bel dilemma. I bimbi poi, con i loro attrezzi, qualcosa senza fondamenta la costruiranno pure, utile per scenari futuri, un pochino come abbiamo fatto tutti. I più giovani, parole, fiumi, o mare, e qualcosa, la costruiranno pure loro, dove, non è dato saperlo. Mozziconi di frasi, discorsi, buttati qui e là a intermittenza, cose piacevoli da appuntare e se si fosse capaci a scrivere, magari un libro. Difficile trovare altri momenti come questi dove la libertà è davvero elastica e negli incontri e nell’esprimere, in pochissimo spazio. Forse capita a Natale ma non certamente in fusione e vicinanza così ridotta. Quante cose e persone è storie, e presente da stabilizzare e futuro forse da ipotecare ci potrebbero stare e ci stanno. Nei discorsi c’è di tutto. Manca ancora la politica. Forse è nella borsa frigo. Chissà. In ogni caso, sotto la torre è piacevole stare anche se non è come le altre, essendo priva di scala esterna. Piacevole però, stazionare e immaginare di scrivere riposando.

Buon ferragosto

Ferragosto, ferie d’Augusto chi lo definisce una sorta di capodanno estivo e chi lo considera una sorta di Pasquetta quando in molti, scottati dal sole, come la terra bruciata dallo stesso, arida, rossa, volgono alla ricerca di un fazzoletto di spiaggia o scoglio trasformandoli in accampamento, montando tende, piazzando ombrelloni e sedie di ogni fattura. Purtroppo la ricerca non è delle più semplici avendo, gli stabilimenti balneari, “occupato” certo con licenza, molta di quella parte che era e dovrebbe essere d tutti. Gli automobilisti nelle loro macchine, incuranti del caldo e del traffico, dopo lunga ricerca e traffico sostenuto al limite del caos, cercano un parcheggio in posti impensabili, Dei 12 km di litorale che vanno da “Scala di Furno” a Punta Prosciutto, appartenenti a Porto Cesareo, ne visiono un paio buono buono e davvero la parte di spiaggia lasciata libera la vedo con la lente si ingrandimento. Se poi osservo i prezzi e alcuni cartelli che ne vietano l’introduzione di cibo e bevande bhe mi metto le mani nei capelli ripensando a quando da queste parti c’erano dune belle alte e spiaggia libera per tutti. Quanta tristezza nel vedere poi il consumo si suolo e cancelli che limitano l’accesso alla spiaggia. Possibile che i controlli non dicano nulla? Se fossi un politico mi batterei affinché la spiaggia possa è deve tornare libera nella disponibilità di tutti. Il buon senso…chissà dove è finito. Domanda per un amico: quante risorse tornano, sono redistribuite alla comunità in servizi, tipo strade, ben asfaltate, un paio di fontane, qualche panchina, docente in quei fazzoletti di spiaggia lasciati liberi? Come è che ci sono molti cartelli con “affittasi nei mesi con numero di cellulare”? Tutto normale? Come mai nessuno si occupa di queste cose e nessuno ne produce inchieste? È o non è una zona vincolata? Chiedo sempre per un amico.

Buon ferragosto

5 agosto 2022

Madonna delle Grazie, Madonna della neve, ricordi di Roma, della botola da cui si facevano scivolare e cadere via fiocchi, a ricordo di un evento straordinario, miracoloso, a Santa Maria Maggiore. Così anche oggi, la banda musicale all’uscita da messa che accoglie i fedeli e riporta ad un tempo “antico”, passato, dai sapori dolci caramellati. Ricordi poco sbiaditi, da piccoli, la festa, i nonni, i profumi, le luci, il via alle feste di paese lungo tutto il mese che raccoglie gente di ogni dove. Il ritmo della festa, l’apertura al tempo straordinario della festa, interruzione di ciò che è ordinario, in questo periodo così “tremendamente” caldo. Spazio, la Chiesa, la piazza, la musica.

2 Agosto 2022

A voler sfogliare i quotidiani tra la noia di un caldo opprimente che affatica e rende impossibili imovimenti, e le altrettanto noiose pagine politiche che anticipano simboli e loro depositi, alleanze, programmi, contenuti, contenitori, colpiscono fatti raccapriccianti e tristi. Come ha affermato un parroco, forse dovremmo cominciare ad avere più cura di noi erecuperare molto di quel che abbiamo smarrito per strada. Magari questo tempo di riposo e di ristoro potrebbe davvero aiutare a recuperare valori. Sfoglio un libro, “Uomini e no”. Molto interessante, davvero.Per fortuna ci pensano un gruppo di bi.bi a rincorrere alcuni gabbiani nella loro caccia a pelo d’acqua:”le anatre, le anatre” ” no, le papere, le papere” e comincia così la rincorsa fra bimbi dietro gabbiani e questi dietro pesci.

Ben arrivato Agosto

Pare sia approdato nella terra più gettonata dell’anno: la Puglia, il Salento, con il suo mare e la sua terra, colori e profumi e un cappello colorato alla pescatora sulla sua testa. Puglia, meta scelta da moltissimi italiani per le vacanze un pochino “in lavatrice”, a dire il vero, ristrette, come gli indumenti quando si sbaglia candeggina, condizioni economiche, causa di tutto, inflazione importata, effetto trascinamento, costi energetici, e “diciamolo”, mancanza controlli stile conversione lira euro. Fanno la parte del “leoncino”anche residui di paure covid anche se la parola d’ordine, a guardare un breve tratto di spiaggia e mare, sono i libera tutti con i balli pomeridiani in costume, tra chi cerca un centro di gravità permanente, come nelle favole, a chi vorrebbe che a far l’amore e comincia tu e la vita senza amore dimmi tu che vita è….e la gente balla e canta e batte i piedi, avendo mani impegnate ma son sicuro che ne avesse di più di mani e braccia in ognuna di quelle son certo avrebbe un bicchiere per brindare alla tua salute, caro agosto che arrivi, caro luglio appena andato. A dire il vero cari mesi, vi somigliate molto, come giugno, nel vostro caldo africano dai nomi apocalittici che vi hanno appioppato sempre in dirittura d’arrivo. Sembrate molto ai vostri lontani parenti del 2003 a dire il vero, anzi, forse un pochino più imbruttiti nel vostro caldo. Non so come faremo e non so come faranno, in molti, nella loro campagna elettorale, da qui al 25 settembre. Vedremo.

Luglio si è chiuso con la tragedia delle sorelle scomparse, Giulia e Alessia, a Riccione. Unirsi in preghiera e un senso di vicinanza al loro papà e mamma è davvero quel poco che si possa fare.

G 8

Di quei giorni, caldi in tutti i sensi, ricordo le chiacchierate, molto animate, tra un pezzo e l’altro. Quali giorni? Genova 2001, a raccontarci i nostri punti di vista di giovani operai, maschi e femmine, uomini e donne, schiene chine sulla catena di montaggio, su tute bianche, disobbedienti, 8 grandi e 7 miliardi di persone, il fortino della zona rossa e la periferia. Poi qualcuno aveva sempre qualcosa in più da dire e da dare al contributo collettivo su globalizzazione, delocalizzazione multinazionali, profitti, sfruttamento e molto altro. Era passione pura che toccava tutti. Un altro mondo era davvero possibile. Almeno così si credeva. Oggi mi domando dove sia finita tutta quella passione o almeno una spremuta di quella. Davvero quei giorni segnarono gli ultimi residui del nostro “cum panis”? Chissà magari esistono altre e nuove passioni destinate a modificarsi, mutare nel tempo. Per esempio alcuni si sono appassionati alle norme di diritto costituzionale ai riti della democrazia parlamentare, seguendo il dibattito, che a sera (ieri) ha visto il termine del governo Draghi. Le passioni nascono, muoiono, cedono il passo, si modificano. Per esempio ricordo la passione per la lettura dei quotidiani, cresciuta ai tempi della scuola. Proprio la passione per un quotidiano, la Repubblica, maturò negli anni a cavallo della maturità, la rinuncia delle mille lire pur di avere notizie, informazioni, cultura, spendibili per la maturità, nel tema. Lo nascondevo sotto il banco ma la Prof di diritto riusciva sempre ad adocchiato e chiederle, e sfogliarlo. Così, tornavo a casa senza mille lire, senza merenda cui avevo rinunciato per Repubblica e col giornale stropicciato.

C’era una volta…

C’era una volta, o forse erano due, e fu così che con Alex Britti nella testa insieme a due bellissime note mi accingo a ridiscendere nelle viscere della nostra città. Una bella rovesciata di ricordi mentre infili, non la rete, ma la scala mobile della metro in piazza XVIII Dicembre, a Torino, e sei proiettato indietro nel tempo, mica tanto poi, quando là correvano, e fermavano, treni sul livello stradale. Un bancomat, un tabacchino, un giornalaio, cabine telefoniche e altre cabine scendendo le scale del sottopasso. Poi le biglietterie, il bar, le sale d’attesa e appena fuori i binari tronchi, 1-2 della Torino- Rivarolo -Castellamonte, coi trenini bianchi e rossi, rigorosamente a gasolio. Con le panchine per innamorati di…passaggio. O stanziali. In alto a sinistra il ponte in ferro che congiungeva corso Bolzano con corso Inghilterra, che passava appena sopra il fascio dei binari, prima che fossero inghiottiti direzione Porta Nuova. Altri tempi, quando i treni notturni correvano verso Trieste e Parigi, e per quanti ne avessero voluto ingannare l’attesa, un ristorante divenuto poi mc.Donald. Altri tempi. Quando non ci si faceva mancare nulla, in semplicità.

oggi, nella nuova Porta Susa, un toro verde è pronto ad essere visibile. E quando lo scopriremo….. Il presente che avanza.

Il “pacco” della maturità

ll “pacco” della maturità (e a dirlo così, pare bruttino, il famoso terno al lotto, la sorpresa, o fattore…”c” come… caldo oppure la famosa questione di fortuna….in Machiavelli) è stato chiuso e sigillato quasi come fosse una cosa sacra, e, a mio modo di vedere, un pochino lo è. Contiene tutto, tutti, di molti abbastanza. I volti, le emozioni, i sentimenti, le storie, appena appena, a dire il vero’…però. I numeri espressi o impressi, sul tabellone, i voti, dello scrutinio finale, certo non racconteranno mai abbastanza le persone coinvolte non solo in questi giorni da colloquio finale, compresi quei numeri che trascinano il triennio, insieme come scritto, le 2 prove, italiano e igiene (almeno qui) e colloquio. Probabilmente non le rappresenteranno neanche totalmente, integralmente, quelle storie, di persone, anche se quel numero, su 100, presto, farà la differenza per poter accedere all’università o per qualche concorso in particolare. Classifiche, che noia, non mi appassiona molto. Si chiude così, con la ceralacca, il sigillo, quasi sacramentale, con le firme apposte sul pacco dei commissari e del Presidente, e poi, i saluti, i ringraziamenti, che farai domani e in quale scuola andrai, o, in che regione ti sistemerai, come capitato al collega, dopo anni di onorato servizio sempre nella stessa scuola. Si chiude così, per me, una esperienza giunta in maniera inaspettata, sulla sfortuna di una collega, in sua sostituzione a far parte della commissione di maturità. Cero avrei preferito una domanda giusta in più al concorso di maggio, posto fosse terminato tutto in quel momento e diventare commissario di diritto e per merito, mio,e non per sfortune altrui, ma, qualcuno in ogni caso avrebbe dovuto farlo, e forse, meglio io che, tutto sommato, la classe la conosco, anche se metà, anzi, diciamo tutta, dato che “si deve” tenere tutti fin quasi alla vigilia di Natale. Catapultato così su suggerimento dei colleghi, che al momento opportuno hanno ricordato la mia “disponibilità” del titolo per la A046 e la motivazione-passione a far parte di questa bellissima commissione, esperienza, formativa, costruttiva, mi son trovato a porre alcune domande sul loro programma svolto. Indimenticabile il viso di molti all’annuncio della sostituzione. Spero di esser stato capace di metter gli studenti a loro agio, tenedo un certo equilibrio tra il rispetto della collega e dei suoi 5 anni di metodo e gli studenti, che hanno introiettato quel metodo, e la professionalità che quel momento richiede. In ogni caso, cosa principale, lasciar parlare loro, i maturandi, il loro momento, il loro palcoscenico, sulla sedia della maturità. Una cosa spero l’abbiano portata a casa, insieme a quel voto, quella di non classificare mai le persone, in serie A o B, ma magari, provare ad ascoltarle tutte, lasciando sempre spazio a tutte. Perché…..beati gli ultimi che……(continuate voi). Buona maturità a tutti.

Che dire? Il pacco è stato chiuso e sigillato, e le 5 appena scrutinate già in archivio. Eppure è un lustro, composto di errori, cadute, crescite, gioie…..delle persone, ognuna per la propria destinazione, proprio come un libro. Resta l’odore di una candela che ha un sapore di speranza, e anche di fede.

ps. Grazie a tutta la commissione e al presidente che davvero mi hanno insegnato molto in questa breve ma grande esperienza

Un altro mondo è possibile!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: