Archivi tag: Sergio Mattarella

Costituzione, Lavoro e buon 2018

Torino 31 12 2017 Romano Borrell fotoE così, lentamente, ci si avvia ad archiviare il 2017. Per le strade del centro, nel pomeriggio, passeggiate, chiome lucide, cappottini e vestitini, rivestono e ornano  strade “pettinate” da torinesi e turisti, nella camminata pre “aperitivo” del cenone. Al fondo di via Garibaldi si apre piazza Castello, col suo albero “elettrico” ed il presepe.Sullo sfondo svetta maestosa la Mole Antonelliana “vestita” a festa, illuminata ed illuminante. Oltrepasso le bancarelle e un paio di “cantanti” al ritmo della musica “Regia”.  Entro nel cortile della Cavallerizza, e lo spettacolo e’ affascinante, oggi come ieri. Mi dirigo sotto la Mole Antonelliana, un paio di foto  e faccio ritorno. Rasento gli uffici Rai e riconosco il cancello, dove Diego un giorno lascio’ in una notte bianca la sua rosa per la sua Marilisa.  E mentre penso a tutto cio’, a Dostoevskij e agli innamorati, alle pagine della Stampa e la storia e le cronache su quella benedetta rosa senza saperne l’epilogo, mi passa vicino il Presidente della Regione Chiamparino.  Penso di augurargli un buon anno ma sabaudamente non dico nulla, taccio, e osservo l’Universita’ e tutti gli esami sostenuti, la Laurea e i trionfi. Da qualche balcone “piove” nonostante il divieto  qualche “petardo”, ma si sa che…In alcune citta’, Torino compresa, piazze blindate e cin cin a casa. Unica “guerra” ammessa, tra Panettone e Pandoro e intanto, nell’attesa, tv e Fantozzi, un classico da sempre. Prima del solito trenino e dell’ormai inflazionato “pepepepepe’….”alla chiusura del 3-2-1….

Alla tv, il  Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha da poco concluso il suo discorso agli italiani, a reti unificate. Nel discorso, i punti fondamentali, sono il riferimento alla Costituzione, carta fondamentale, bussola di una comunita’,  fondata sul lavoro. Proprio 70 anni fa, come in questi giorni, i Padri Costituenti avevano terminato il  loro lavoro, donandoci questa bellissima carta fondamentale,   dalla sovranita’ appartenente al popolo che la esercita nei modi e nelle forme stabilite dalla legge. Il decreto, appena firmato, relativo allo scioglimento delle Camere, e di conseguenza, le elezioni il 4 marzo, rappresentano l’ appuntamento per esercitarla, la sovranita’. Il lavoro: che ve ne sia uno almeno in ogni famiglia. Il ricordo a chi non puo’ o/e non riesce a festeggiare, per poter garantire i servizi essenziali. Devo dire che mi è molto piaciuto il discorso del Presidente. In alcuni frangenti mi ha ricordato quelli bellissimi, di Sandro Pertini.

Per quanto mi riguarda, ho concluso questi momenti di vacanza terminando alcuni libri (per la verità letti a suo tempo): “Cristo si è fermato a Eboli” ( Carlo Levi); “Fontamara” (Ignazio Silone); “Il giardino dei Finzi Contini” (Giorgio Bassani). Di questi libri, parlero’, scrivero’, dato che saranno proposte per le loro tesine.

Che dire? Un augurio di un 2018 migliore con tanta serenità e gioia nel cuore.

70 anni Repubblica

20160602_1139522 giugno 2016. Torino si risveglia a festa, con un bel corso. Inghilterra. Nuovo di zecca. Porta Susa, stazione a due passi o…a qualche gradino. Dove c’era banchina e binario il Mercato Metropolitano. Si preparano per il pranzo. A dopo.  Viabilita’ che muta. Parole che evocano acqua e questa non tardera’ ad arrivare. Nel pomeriggio. L’acqua insistentemente si riversa sulla nostra citta’ per un paio di ore buone, come un copione ormai ben  conosciuto da qualche giorno.  Siamo sempre contenti quando il sole splende sulle nostre teste ma spesso scordiamo di sorridergli e non proviamo mai tanto impulso nel guardarlo come quando la luna lo eclissa. Forse siamo troppo “homo videns” a casaccio. Meglio sarebbe tornare al “sapiens”. Prima che tutto abbia inizio (pioggia) i balconi che ho davanti sono un grande palcoscenico dove il silenzio e i gesti parlano comunque. Sono donne, ragazze, tre, quattro, cinque, tutte intente nel raccogliere con grazia i panni stesi. Raccolgono e piegano accuratamente con cura come una scena gia’ vista. Non un uomo. Lego questa scena alla pagina quotidiana del presente e a quella storica di 70 anni fa. Repubblica, una bella signora di 70 anni. In tv Marco (Revelli) scrive e dice di non riconoscerla piu’. Forse si. In tv passano le immagini delle donne nell’intento di raccontare la loro scelta di 70 anni fa. Meravigliose le immagini di quel giorno che cirestituiscono quel loro protagonismo. Poi, immagini di Roma, I giardini del Quirinale, il Presidente della Repubblica, Mattarella.

Intanto ha smesso di piovere. Mi affaccio e osservo, sui balconi: son tornate,  ancora loro, le donne,  a ridistendere i panni precedentemente ritirati, sui balconi.

Buon compleanno cara Repubblica.

Auguri per un buon 2016

Torino 1 1 2016, foto Borrelli RomanoPuntuale come ogni anno l’anno nuovo e’ arrivato. “1.01.2016”. Una puntualita’ svizzera. Anzi. Mondiale. Olimpica. Europea. Il tempo di vedere allontanarsi il 2015 ed ecco il nuovo venuto,  bello e splendente ricco di 20151231_232809promesse. Una fetta di pandoro, un buon bicchiere e “musica” (esterna, prodotta da “bombe” varie) e luci di sottofondo ma in misura ridotta. Un ripasso al discorso del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e la ricerca su internet di quelli degli ex in particolar modo, quello di Sandro Pertini.  Discorsi di fine anno. “Discorsi dal caminetto”, lunghi e asciutti, e da tre punti come l’attuale. Uno, quello del lavoro, questo benedetto assente anche nel suo voler segnalarne la sua presenza con  una “timida ripresa”. Poi solidarieta’ e migranti. La piazza centrale e la centralita’ della piazza per una nuova nascita. Fiocchi rosa e azzurri.Torino 1 01 2016 foto Romano BorrelliLa sua nascita e’ stata salutata con minor uso di botti rispetto agli anni passati. Ci vorra’ del tempo per “debellare” quelle “bombe insensate” ma son certo ce la si fara’. Sulle strade le tracce di quelli “sparati” a mezzanotte precisa. Nel pomeriggio vie del centro affollate  tra slalom di giubbotti, borsette e ogni altro oggetto depositati sul selciato della strada pronti per essere venduti da qualche povero Cristo. Una marcia tra via “Gari e Roma” con la speranza di dare una mano alla lenta e…lunga digestione. Cappelli calati sulle orecchie e tutti, a sentire i discorsi, divenuti esperti nel gioco del “tempo che fara’”. Domani piovera’ o nevichera’?  Da poche ore conclusosi quello della “persona schifo” o “persona sorpresa dell’anno” (continuando poi con libri, film, ecc. schifo/sorpresa dell’anno). Intanto tra le mani sfoglio altre buone letture in attesa di nuove e dolci “notti bianche”. Presenti miei e altrui, ben accolti e stretti e “attenzionati”che come diceva Agostino all’attenzione” che e’ la presenza del presente in noi. Accogliere la realta’ resa trasparente da parole selezionate. Chi e’ attento, sta in attesa e  attende di ricevere il suo…presente. Dal cuore, a tutt*, buon anno.Torino 1 1 2016 foto Borrelli Romano

Tempo

Torino, Piazza Statuto. Foto, Romano Borrelli.Tempo. Che passa velocemente. Nove anni, la prova per la cerimonia di apertura delle Olimpiadi invernali. Qui, a Torino. Passion lives here. Tempo, più recente. Mattarella Presidente della Repubblica. Che fa, “Big snow”, neve su Torino (fiocchi che si son fatti strada lentamente tra minuscole goccioline d’acqua), l’influenza che si prende il suo posto affianco al mio e riempie i “pronto soccorso” (o i letti: chi non ha un conoscente in questo periodo che a domanda”come va” ci risponde, “a letto, con l’influenza”), dal petto un colpo, di tosse, nel petto, una passione nel tempo, e tempo di dolce Sida, “dolce, in principio, fin dal mattino”  per  i 99 di Torre Giuseppe, il più anziano sacrista salesiano, forse d’Italia.Torino 3 febbraio 2015. Per i 99 anni di Torre Giuseppe. Foto, Romano Borrelli Tempo. Che passa. Di riflessione. Ne rivorrei un pochino indietro. Di tempo. Che sarà. Dolcezza che verrà. Tempo al tempo. Intanto, che tempo fa?

ps. Auguri di buon anno ai cinesi.Torino, Piazza San Carlo sotto la neve. Foto, Romano Borrelli