Archivi tag: sala d’attesa

Arrivederci, Salento

20150826_115610Lecce.Il treno i.c.night proveniente da Torino, (notturno), è un pochino in ritardo: un paio di ore. Un po’ invidio chi scende, in tutti i sensi, nonostante la stanchezza e la rabbia mal celata. Più di due ore di ritardo. Motivi? “Guasto alla rete elettrica e motrice”  mi dice chi scende rabbrividendo per il caldo guardando a Sud Est. Consumo velocemente il mio pasticciotto accompagnato da un buon Quarta caffe’ e sfoglio il Quotidiano di Lecce: mi mancherete nell’ordine. Lentamente le porte della Freccia Bianca si aprono. Salgo su e ripongo dove posso trolley e zaino. La voce metallica di trenitalia snocciola tutti i dati possibili lungo i 1200 km circa che legano Capo a capo: città, stazioni, orari. Armaroli  del Tg 5 non informera’ quanta gente, sulle strade e quelle ferrate,  la coda ai caselli e i treni con tutte le sue domande a e su e come e quando,e nessuno sapra’ se ad Ancona si sorridera’ come una volta se sulla Senigallia Marotta Mondolfo pure e se a Bologna…Chissa’ perche’ torno indietro negli anni: piccolo, bambino, i miei, i nonni…Io che guardo fuori, sulle terrazze, sulle “chianche” bianche baciate dal sole, appena catramate ai lati , poco  umide o quasi mai bagnate. Fichi secchi e pomodori spaccati e panni stesi al vento. Sono una meraviglia, a pensarci. Quest’inverno apriro’ i “vasetti” e uscira’ tutto il Salento.  Sara’ la mia lampada e dentro una sorta di mago asciughera’ umor acquei. Fuori e’festa: Sant’Oronzo, il patrono di Lecce. Luminarie si o no ma che importa? Guardate la grande bellezza che avete! Tutto l’anno senza strofinare “du cazzu te vasettu cu bitite nu picca d’estate”. Da voi è sempre estate. E’ il momento dei saluti. Abbraccio forte mio padre e mia madre. Le porte del treno si chiudono.

Poi, il treno comincia a sferragliare. Lentamente. Al suo interno nessuno parla. E chi ne avrebbe voglia? Guardiamo tutti fuori, dal finestrino, come i bamnini, quasi a voler trattenere il tempo

.Tutti indietro, e indietro tutta, solo che non fa ridere e viene voglia di piangere. Penso alla bellezza dei giorni appena trascorsi. Penso a quelli passati, penso ad una sala d’aspetto vuota e una banchina altrettanto vuota. Penso al mare ai miei…un selfie, si, un selfie. 23 8 2015 Porto Cesareo, Le.foto Borrelli RomanoArrivederci, Lecce, arrivederci Salento e salentin*: Voglio ricordarvi così: belli e bellissime.Torre Lapillo, Le, 24 8 2015 Borrelli Romano

La storia, in un momento.

Torino, 26 novembre 2014, piazza Castello, foto, Romano BorrelliLa storia, in un momento. La vedo. Una macchina, un cellulare, una macchinetta digitale, un film il digitale, che e’ un “atto” rivoluzionario, la stampa. Tutto in un momento. La piazza è dentro o fuori? Fuori-dentro. Tutto concentrato. Uno scatto. Un fermo immagine. Sala d’attesa,Www, telefono, poesia, stampa, un’automobile e “Festa Mobile” una macchina e una macchina da presa e la presa per la corrente, chi se la prende per niente e chi invece non se la prende e fa spallucce, chi la prende e chi non la prende per niente e chi si prende per sempre, insomma, la storia in una pillola. Luci d’Artista e riflettori sotto la Mole.  Torino è in una vetrina. Trascino il trolley, una vita li dentro. In piazza, in tanti. Pochi minuti alla mezzanotte. Seduto, in attesa, sfoglio altra storia, la leggo. La storia, di Elsa Morante. Qualche pagina ancora, fino a mezzanotte, almeno 28-29…anche di più…se mi “infinito”, volendolo.

E poi, tanta fantasia, che avra’ il grande merito di prenderla per mano, la storia, di ciascun*. Il nastro, i fotogrammi, “poesia” da “svolgere”.

Facce da puntini di sospensione….ognuno con la sua. Di storia e di faccia.

Buonanotte Torino.

Verso l’incontro. Dei 2 mari. Santa Maria di Leuca

20140807_100503Proviamo a muoverci nell’interno. Prima da Torre Lapillo verso Porto Cesareo (Lecce), dove il giovedi si svolge il mercato. Il bus è azzurro.20140807_101303 Copio gli orari dei passaggi tra Porto Cesareo e Torre Lapillo e li riverso sul blog,   potrebbero essere utili nell’eventualità che qualcuno decidesse di passare qualche giorno di vacanza da queste parti. L’attesa poi, a Porto Cesareo, in attesa del bus, direzione Lecce. L’edicola -tabaccaio dove si possono comprare i biglietti è in via Cilea. Poco distante. Scopro anche che con una applicazione da scaricare sul cellulare è possibile munirsi da casa del biglietto. L’autista leggerà poi sul cellulare l’avvenuto pagamento del biglietto.  Potenza delle “App”. Una modalità che permette anche di risparmiare qualcosa. Partenza, in “Salento in bus“: Leverano, Copertino, poi Lecce.  Il bus, Chiffi, verdino, e’ arrivato ora.20140807_10204720140807_120135Quasi 40 minuti di tempo mi concedono la possibilità di una breve visita di Lecce, prima di rimettermi in cammino, anzi, di risalire sul bus, diretto  “verso l’incontro, con i due mari”. La Cattedrale, il Campanile, l’anfiteatro, Piazza Sant’Oronzo. I balconi dei palazzi leccesi, le corti. Lecce, Estate 2014. Foto, Romano Borrelli Lecce barocca trabocca di turisti.La cartina del Salento. Foto, Romano Borrelli Poi, di corsa verso il gazebo, luogo di informazioni e fermata per i bus che si manifesta con  puntualità. Salgo. I nomi dei paesi che si attraversano  hanno qualcosa di magico, evocano ricordi, profumi gradevoli. Di tanto in tanto si comprende che nei paesi è in atto qualche festa, una sagra. Il cielo  è nuvolo la temperatura non eccessivamente calda (almeno fino a questo momento).20140807_11283820140807_11322020140807_134336Siamo in pochi, sul bus. Un paio di studenti universitari (uno di Brindisi che durante l’anno accademico fa la spola tra la provincia leccese e Brindisi e una studentessa universitaria di Roma, di ritorno a casa) e un’altra coppia. Peccato non sia molto utilizzata questa forma di mobilità. Mi informo se è sempre così, la risposta è che “i tempi sono cambiati ed ora, in quasi tutte le famiglie ognuno ha la sua macchina”. Peccato. Non che abbiano la macchina, ma che non approfittino di questo servizio. Migliorare le indicazioni, le paline dei bus, luoghi di interscambio con le bici per un’attenta mobilità. Si riuscirebbe a gustare “lentamente” il tutto. Dopo un’oretta di viaggio, tempo ridotto rispetto al altra linea che  attraversa i paesi e ci impiega più tempo, sono quasi a destinazione. Gagliano è uno degli ultimi paesi. Un campeggio rinomato, la ferrovia, terminale, un ospedale trasformato a presidio (mi è stato detto),  qualche km e sono a destinazione.20140807_133123 Scendo dal bus, mentre questo continua a percorrere la sua corsa. Un attimo e mi trovo davanti ad un piazzale, grande. Con una chiesetta. Entro, un po’ per cercare un attimo di pace e fresco, un po’ per un attimo di raccoglimento. Santa Maria di Leuca. 7 agosto 2014. La Chiesa, interno. Foto, Romano BorrelliSanta Maria di Leuca. 7 agosto 2014. La Chiesa. Foto Romano BorrelliUna fontana. Acqua, tra le acque.Santa Maria di Leuca. 7 agosto 2014. La fontana. Foto, Romano Borrelli  Un’altura. In questo momento mi trovo su questa piazza, all’estrema punta della Puglia, dell’Italia. Il mare in basso.O forse, i mari. L’incontro e’ servito.  Una carezza del vento, del sole, del mare, di questa terra che ci apre al mondo. Un vero peccato accampare scuse su euro da centellinare e costi vari, pur di evitarne l’incontro. Non dare la giusta importanza ad una tale bellezza ad  un paesaggio così  ricco di storia e’ davvero un peccato.Santa Maria di Leuca.  7 agosto 2014. Foto, Romano BorrelliDella piazza e di questo lembo di terra. Il faroSanta Maria di Leuca. 7 agosto 2014. Foto, Romano Borrelli con la sua luce,  dall’alto dei suoi 48,60 metri, (e la sua collocazione a 102 metri sul livello del mare) anche in questo caso, prendendo a prestito pagine del libro Gilead, oserei affermare, Luce nella luceSanta Maria di Leuca, con quest’acqua e la sua colonna. Quella corinzia, del 1694, recentemente ristrutturata, posta sul piazzale, che segnala il ricordo di un passaggio.Santa Maria di Leuca, 7 agosto 2014. Il faro.Foto, Romano Borrelli. Passaggio, a quanto si afferma, di un santo, San Pietro, arrivato dalla Palestina diretto a Roma. Passaggi di uomini in cerca, alla ricerca.Mi piace molto l’ idea, leggenda,  che sia stato il primo approdo di Enea.  Era da tempo che immaginavo “questa discesa”, e “salita”, meta, simbolo. Un faro, che iilumina la luce che e’ in noi. Un cammino. Difficile dipanarne pensieri, emozioni. Semplicemente, luce. L’emozione e’ indescrivibile. Un vento ti avvolge, coinvolge, stravolge. Ma non e’ un cioccolatino da scartare, con una di quelle poesie che si attaccano sul diario e  convivono con noi un anno intero. E’ un Bacio Perugina antropologico che aderisce e si presenta congiuntamente al nome. Santa Maria Di Leuca, bellissima. E’ “tipa” ideale, non solo amore metafisico. Davvero, quassu’, “clima” da vertigini.  A sinistra di questa piazza, dalla parte opposta rispetto alla “vista” santa Maria di Leuca, i colori piu intensi, il  verde dei fichi d’indiaSanta Maria Di Leuca, 7 agosto 2014. Foto, Romano Borrelli, quello del mare, con  l’azzurro del suo cielo. Panorama da musica, fondamentale per ogno uomo, ideale per incontri come questo, anche se, a dire il vero, questo incontro e’ musica  che si autogenera. Friedrich Nietzche sosteneva che l’ esistenza umana senza musica sarebbe un errore, come vivere senza contemplare questo paradiso musicale. Musica di questo “tenore” e’ un linguaggio dell’ anima per giungere al cuore. Delle persone, del cielo, della terra, in ogni genere di cose. Santa Maria di Leuca:” E vide che fu buona cosa”, pare un pezzo di Genesi. Santa Maria di Leuca. 7 agosto 2014. Foto, Romano Borrelli (2) A gruppi ci scambiamo apparecchiature fotografiche e tablet, per immoralare il momento, per scrivere un pezzo. Di storia, personale. Sono convinto che se esiste un’altra vita, eterna, tutta questa bellezza ne fara’ parte.20140807_13530820140807_13531920140807_13425520140807_13414320140807_13403420140807_133437Il sole si affaccia continuamente e quando aderisce alla pelle, brucia, ma e’ un calore ed un bruciore gradevole, al tessuto, all’anima, spesso stracciate dopo averle offerte a chi avrebbe dovuto proteggerle da intemperie.  Questo contatto, a questo punto, è più che un cerotto. E’ una seconda pelle che aderisce.  Rinnova. Acqua e luce. Santa Maria di Leuca.  Il sole che ci avvolge ha l’effetto di bloccare la melatonina, l’ormone che induce il sonno. I raggi che si irradiano sul nostro corpo fanno aumentare il livello di serotonina, l’ormone della felicità, che quando è carente lo si associa ad uno stato depressivo. Il sole ci rende diversi, giocosi e gioiosi. Più estroversi. Spensierati.   Per mesi l’ho cercato, nascosto, ora tra una nuvola, ora dalla pioggia.  Cercando i suoi raggi per un nuovo corso. Migliore. Diverso. Eccolo. E “la pioggia è una cosa che succede nel passato“, disse Borges.  Una meta desiderata, da tempo. Vedere l’incontro, le orme, di altri che ci hanno preceduti. Una ricerca. interiore e di una terra,  comune e in comune a molti. E in tanti affondano le loro braccia e mani nell0 zaino per una pesca particolare, alla ricerca di un qualcosa su cui scrivere, blocchetti e  penne che ne tracciano  pensieri.  Gli strumenti moderni, sono insufficienti a qualcosa di più profondo. Sguardi persi, altrove, come pensieri. Oltre il mare, oltre la colonna. Occhi verso lo Jonio. O verso l’Adriatico. Occhi verso l’incontro, perenne. In questo caso due innamorati che si accolgono. Rifletto su alcuni ombrellini che servono da riparo per un paio di coppie. Ecco, quella sorta di cupola che unisce, per questi due mari, non ve ne è bisogno. Vanno a braccetto anche senza. Una quota aggiunta di romanticismo. Anzi, la cifra del romanticismo. Per due che si sono fortemente voluti non possono restare che braccia accoglienti. Trovo gentilezza in questo incontro, rispetto e disponibilita’.E’ l’ora del pranzo, ma davanti ad un incontro così desiderato, voluto, cercato, non esiste piatto di pasta che chiami.  Bus e macchine arrivano dandosi il cambio. Tutti a cercare qualcosa, in questo incontro, come fosse il racconto di una storia, di un destino, di un amore. La storia che passa e ripassa e viene ripassata, quassu’.  I colori indescrivibili, blu, azzurro, verde in ogni luogo dove lo sguardo si posa e riposa.  Passeggi, avanti, indietro e pensi come sarebbe bello fermare il tempo, abitare in questo faro, eleggere a domicilio questo luogo e il suo perimetro. Qui si fa la storia. Qui  si e’ scritta e si scrive la storia. 20140807_133658Dispiace prendere questa discesa, per andare verso “Le Terrazze”,  luogo di ripartenza. Qui sopra, ti senti padrone, di te stesso, una volta tanto. Ci si riprende da dove ci si era interrotti, dopo la trascuratezza che gli eventi portano ad avere verso se stessi, interrompendo ogni confronto con se stessi. E non sara’ il vento o  una bugia  a  spostarti di un centimetro.  Non saranno mai abbastanza forti, quelle onde, a tenerti in balia. Si riparte da qui, riprendendo i fili di una relazione trascurata, quella con se stessi.  Dal piazzale, un balcone dove poter ammirare l’incontro, e dove l’ho gustato il giusto abbastanza,  mi muovo, lentamente, scendendo gli scalini, dopo averli percorsi, faticosamente, prima giù, poi su, poi ancora giù,  con la gioia e l’entusiasmo di un bimbo. A volte sembra non giungere mai, su una vetta, un obiettivo,  faticosamente raggiunta, raggiunto, solo col tempo. Ora li ridiscendo, ad uno ad uno, direzione colonna. E’ semplicemente stupendo, tutto. Meraviglioso. Genera davvero dispiacere lasciare questo posto. Ma sono sicuro che sara’ solo un arrivederci. Restituiro’ gran parte di quanto ho respirato, in termini di emozioni. Tra poco il bus mi catapultera’ in altro posto, in altra piazza. Dopo aver percorso la scalinata, mi dirigo presso Le Terrazze. Domando e cortesemente qualcuno si offre di accompagnarmi. I titolari Sailorman, addetti alle visite guidate alle grotte, mi offrono un passaggio e indicandomi la biglietteria per una eventuale visita guidata alle grotte, in futuro. Ecco un tratto che accompagna la gente salentina, la gentilezza e l’ ospitalita’ che non viene mai meno. Tratto questo che si ripetera’ anche a destinazione, quando una famiglia gentilmente mi offre un passaggio per il ritorno. Davvero cordiali, e questo vuole essere un modo per dire grazie. Tra Santa Maria Di Leuca e Gallipoli, la strada e’ panoramica. Penso che nei primi km di questo tragitto esista il piu’ bel mare sulla faccia della terra. Va bene, per non offendere alcuni, uno dei piu’ bei mari. Un consiglio: cercate di venire. Col cuore. Come accennato, opto  per Gallipoli.20140807_14545020140807_15081720140807_14405820140807_14525920140807_145249Lngo il percorso si attraversano una infinità di campeggi. 20140807_150948Un gruppo, è piemontese. Si presenta. Di Novara, esattamente. Chi si siede affianco, mostra di gradire la musica del bus. Mi fa notare come “l’acchiappa e la trattiene”.  Nuove diavolerie che catturano, “Baby I dont’t  know just i love you so”.  Molto. Mi illustra come poter fare.  Si muovono dal campeggio al mare con questo bus o con la navetta. Un po’ di traffico, ma, mi dice, ne vale la pena. E’ insieme ad un gruppo di amiche. Staranno qui, nei pressi della città bella, per una quindicina di giorni.  Non appena scendono, mi salutano: “ciao. A presto”.  Si, siamo ancora a scuola o università, molto più  probabile, anche sotto questa cupola di lamiera che si chiama bus. La fermata dei bus, a Gallipoli è una sorta di interscambio con altri bus, e’ appena fuori la cittadina. Un dieci minuti a piedi e si trova la stazione, la Sud Est, che come una vetrina di un negozio del centro ne approfitta per mettere in bella mostra il treno nuovo di zecca. Non ci crederete ma il mio intento era quello di montare su una littorina datata.20140807_171040 E andare dove il caso avrebbe voluto. In una sala d’attesa, alcune turisteGallipoli 7 agosto 2014, Stazione Sud-Est. In attesa del treno, sotto l'orologio. Foto, Romano Borrelli attendono il loro treno.Gallipoli, 7 agosto 2014. Stazione Sud-Est, il trenino. Foto, Romano Borrelli20140807_170957Il colore che ne indica l’arrivo o la partenza, “Gallipoli” e’ in verde. Gallipoli, 7 agosto 2014. Orologio della stazione Sud Est. Foto, Romano BorrelliCome accennato, una rapida occhiata all’interno, all’orologio, 20140807_171121“saggio” da quando si e’ cominciato a “saggiare” il gusto di andare su e giu con il treno. 20140807_171245E giusto per restare in tema, di saggiare, gusto e felicita’ per le papille gustative, a quattro passi da qui, cerco, appena dietro una scuola superiore, la pasticceria residenza del grande pasticciottino. (ArteBianca, pasticceria). Appena messo piede, la felicita’ e’ tutta davanti i miei occhi. Pasticciottini di ogni tipo: pistacchio, ricotta, mandorle, caffe’, nutella, classsico. Opto per il pasticciottino al  pistacchio e un caffe’. Gallipoli, 7 agosto 2014. Il pasticciottino ArteBianca pasticceria, Foto, Romano BorrelliForte, come la gente del Salento. 20140807_172101Basterebbe avere tempo e non avere viceversa problemi di linea. Poi, una visitina al teatro, e anche qui, davvero uno spettacolo. Per la visita ci tengo a ringraziare il signor Antonio, che mi haconcesso la possibilita’ di visitarlo e sentire direttamente dalla sua voce, con l’ausilio di alcune immagini, il racconto della nascita di questa bomboniera di Gallipoli. 20140807_173844Una emozione intensa. Teatro vuoto e la fantasia mi faceva percepire quel luogo, pieno, sentirne il fragore degli aaplausi, musica, teatro. 20140807_173409Un posto in prima fila, d’onore. Un teatro tutto per me. Gallipoli. 7 agosto 2014. Foto, Romano Borrelli20140807_173403Per alcuni minuti. Per un evento importante. Rincorso. Un applauso di mani, non battute. E doppiezze.  A volte, ne basterebbero solo due, di mani, che battono davvero, sinceramente.  Ad un incontro. Un appuntamento. Al ritrovarsi. Come i due mari. Che si attraggono. Non si chiede mica un teatro intero. Stupendo davvero questa bomboniera. Grazie sig. Antonio. Perquanto riguarda la stazione di Gallipoli i ringraziamenti vanno a coloro che nel pomeriggio prestavano servizio in stazione,  mostrandomi  vecchie relazioni ferroviarie e il famoso orologio, che viaggia ormai fisso sui muri della stazione  da cento anni e  mai un   ritardo. Anzi. Poi, la visita contempla il porto, alcune esibizione di tuffi, di alcuni ragazzi che davanti ad un mare da sogno non si annoiano mai.Gallipoli, 7 agosto 2014. Il tuffo. Foto, Romano Borrelli il castello, Gallipoli, 7 agosto 2014. Il castello. Foto, Romano Borrelli20140807_174348 con le sue “aperture per ferie”, Gallipoli, 7 agosto 2014. Foto, Romano Borrelli il centro storico20140807_174700i suoi locali,Gallipoli, 7 agosto 2014, Foto, Romano Borrelli passeggio molto altro, compresa una fontanaGallipoli, 7 agosto 2014, La Fontana. Foto, Romano Borrelli che è la fine del mondo, nel suo complesso e nei suoi dettagliGallipoli, 7 agosto 2014. La fontana, particolare.Foto, Romano Borrelli.  E’ la fontana greco-romana. Pare che prima di trovare qui, in questo luogo,  la sua dimora definitiva, ne abbia cambiate altre due. Qui dovrebbe trovarsi dal 1560. Una fontana composta da due facciate. A me è piaciuta molto la facciata con i decori, quella “Sud-Est”.. Dovrebbe avere un’altezza di circa 5 metri.. E’ composta da tre blocchi. I bassorilievi raffigurano le metamorfosi delle mitologiche Dirce, Salmace e Biblide20140807_18344320140807_17490320140807_174756Appena si scende dal bus,nel grande p4iazzale e attraversata la strada, un cartello elettronico ci conferisce il suo il benvenuto. Appena sotto, il trincerone della ferrovia. Il richiamo per quanti approfittano di un sonnellino durante il viaggio. Ma farlo, sarebbe davvero un attentato contro questa grande bellezza. Nel suo movimento cangiante, ma sempre fedele a se stesso, fa il paio con il datario e  la temperatura. 20140807_183436Una fedelta’ a se sresso che a sua volta trova l’ alter ego. Nei pressi, una ragazza in maglietta bianca esibisce il suo motto:”sono fedele solo a me stessa”.

A sera inoltrata, il rientro. Penso che posti così, meritino davvero. Penso sia utile, raggiungere questa meta perché nella mobilità verso l’ignoto, ripensando ad Enea, si riesce  a  trovare molto, in se stessi. O ritrovarsi.

Una carezza in un incontro. Una tenerezza, un legame che aiuta. Senza un amorevole ritocco della carezza, l’ essere umano non termina la sua nascita. Ecco, Santa Maria di Leuca e poi Gallipoli, sono state una carezza sul, viso. Carezzare, carezzarsi. Caresser, se caresser. Lasciamoci carezzare, quando l’ incontro e’ di tale fattezza. Un incontro, un legame, un’ integrazione, l’ essere umano che termina la sua nascita.

Ritornare in treno a Ravenna

 

Torino Porta Susa. foto, Romano Borrelli

 

 

DSC01367

Riprendere il viaggio…fiondarsi nella stazione vetro-acciaio di Torino Porta Susa; incontrare lungo il cammino che separa casa dalla stazione solo poche anime. Anime “vagabonde”, in giro per la nostra città, al mattino presto, quando la metropoli dorme ancora e l’estate non vuole ancora bussare alle porte torinesi. Direzione stazione, per poter salire su di  uno dei primi treni mattutini e dirigersi verso Sud. Al mare. Pensare di potersi dedicare a buone letture e sorbirsi invece gli influssi e gli effetti della nuova tecnologia e cellulari ultimo grido con  cartoni animati incorporati per distrarre i bebè al seguito. Scoprire  così che in un’epoca in cui il lavoro scarseggia  per molti il treno diviene  un’appendice dell’ufficio, trasformando il ripiano posto davanti al sedile in una scrivania tipo Presidente del Consiglio (evidenziatori, penne e blocchi in ogni dove, con tablet e cellulari ultima generazione) e parlare ore e ore di finanza, condomini, polizze assicurative incuranti se tutto questo parlare ad alta voce con persone dall’altro capo del telefono possa dare o meno fastidio al vicino. Una voce di Trenitalia chiede gentilmente di abbassare la suoneria del cellulare ma in realtà, a mio modo di vedere, dovrebbe invitare molti  viaggiatori a frequentare corsi di buona educazione, di bon ton. E un mio suggerimento potrebbe essere quello di suddividere questo eccesso di lavoro con chi ancora non lo ha.  Un nonno anziano fa la spola, dal sud al nord per accompagnare i nipoti al mare.  Da anni in pensione conosce a memoria gallerie, scambi, stazioni, fermate, coincidenze. Vedo passare velocemente Reggio Emilia,  Bologna tante cittadine a me amiche. Faenza, Imola, Rimini, Cattolica, abbinando a quest’ultima  un ritardo di fine estate con continuazione del viaggio in macchina, lungo l’autostrada per uno di quei viaggi che non si dimenticano, direzione Sud, verso Ascoli. E poi ancora  Pesaro! Rimini, Ancona, la sala d’aspetto, prima, dopo, durante, persone silenziose e meno, manovratori, uomini di fatica e guastatori. Lettere scritte, consegnate e consegnate al volo su di un treno in partenza. Un giro del mare per arrivare  a Ravenna. Il pensionato ferroviere comincia il suo  racconto di una Italia che fu coinvolgendo quante più persone: di quando c’era il vagone postale  incorporato  nel treno e dentro si lavorava (conoscendo esattamente la composizione di ogni treno, classi, cuccette, vagone lette, postale) eccome se si lavora. Delle “balille”  ( brutto nome, ma le chiama così, contenitori in ferro) in attesa alle stazioni, lungo le banchine, suddivise in posta in arrivo e posta in partenza. Il suo racconto ci ricorda che il ferroviere, quello posto nel vagone “buttava” giù  i sacchi e un altro ferroviere, sotto, lungo la banchina, “tirava” su, e poi, su, quando il treno ripartiva, si smistava.  Una catena di montaggio. Solo che a muoversi era il treno. E il pensiero correva a tutti quei pacchi, e non tanto al contenuto, che non si saprà mai, quanto elle emozioni che potevano contenere tutti quei contenitori che emanavano profumi, di montagna e di mare, di pizza e di torta, e di mille altre cose. Le attese, le speranze, l’arrivo. E poi scartarlo. Il pacco.   Chiedere al telefono se era arrivato o meno, se si faceva in tempo a prenderlo o no, prima che la posta chiudesse. E le emozioni all’atto dell’apertura di quell’oggetto che avrebbe sostituito così una relazione non a distanza. Tutto questo fino a quando non arrivo’ il pacco celere a rovinare tutto quel piccolo mondo antico…insieme ai cellulari, ovviamente. “Ci sarebbe da distruggerli sotto i piedi”. E difatti, qualcuno lo fa, o lo ha fatto. Racconta, racconta, racconta…..quanta gente ha visto viaggiare e attendere l’alba per il primo treno.  E’ un “Pozzo orario” vivente questo signore.  E’ coinvolgente, e con lui si riesce ad essere pazienti. Tutti. Racconta di quando il personale era in abbondanza e “i ferrovieri erano ferrovieri” , quando formavano una classe, fino a quando…Il mercato non impose i suoi tagli e un modo nuovo di viaggiare. “Ma chi è il mercato, domanda?” Pero’ conosce il periodo delle lenzuola d’oro e degli scandali.  Poi passa una signorina, giovane, carina, capelli ricci e rossiccia, efelidi sul viso, a controllare i biglietti, pinzarli e augurare buon viaggio a tutti. Lui le mostra la sua tessera da ex ferroviere e quindi, viaggio gratuito ma meritato. E’ raggiante. Si dichiara suo collega, nonostante abbia 80 anni. Le ricorda di come si era assunti una volta, mentre ora le signorine  sembrano tutte assunte,  appena terminato il concorso Miss Italia, direttamente da Salsomaggiore.  “Sa, signorina, lei è proprio bella, come le sue colleghe”, le dice.  Attira simpatia e pazienza e, pazienza se ripete le stesse cose. Non fa nulla. Addirittura riesce a strappare un applauso. Per aver fatto un pezzo. In questo Paese. Un pezzo importante sui binari della vita. Al riparo da massicciate. Il suo racconto per un po’ di tempo mi aveva indotto a dimenticare per quale motivo stessi tornando a Ravenna…C’era una cassettiera e una scultura che….Foto Romano Borrelli (2)

Foto Romano BorrelliRavenna. Foto, Romano Borrelli (2)Ravenna. Foto, Romano BorrelliRavenna. Foto, Romano Borrelli (3)Ravenna. Strele di  defunto Caio Cassio Seneca, in vita centurione già congedato. Foto, Romano BorrelliRavenna. Foto, Romano Borrelli (2)Ravenna, biglietti. Foto, Romano Borrelli

Sala d’attesa

DSCN3245 DSCN3248Le sale d’attesa delle stazioni somigliano sempre piu’ ad un contenitore all’interno del quale si possono raccogliere storie. E le piccole storie, sebbene interessino a pochi, riescono a produrre la grande Storia. L’esercizio è quello di estrapolare una parola da un contesto più ampio e grazie a quella provare ad entrare nelle vite altrui provando a restarci, per un pochino. La stanza è afosa, umida. Alcune zanzare disturbano  qualche corpo raggomitolato intento a cercare riposo, una siesta interrotta anche in questo caso da suonerie disparate, (una di queste, la riproposizione del suono di una macchina della polizia). Una signorina è intenta a spiegare alla nonna, cellulare alla mano “area riservata, crea messaggi, invia, tasto destro, come le istruzione per preparare una torta d’altri tempi: la torta della nonna. Una signora, lavora ad un pc come il mio, cellulare e controllo dell’orologio non appena la voce dall’altoparlante gracchia qualche treno con una manciata di minuti di ritardo. Ma le sale d’attesa delle stazioni hanno  anche il fascino di conservare qualcosa di antico, di fedeltà ai tempi. Una signora è intenta, filo e ago in mano, a rammendare un capo d’abbigliamento. Esistono ancora i sarti? Dalla sua disposizione e dal suo impegnarsi, pare che la sala d’attesa sia un modo per fuggire da casa: pare abbia elevato domicilio qui. Non mi stupirei se la consegna della maglia avvenisse qui. Una signorina è intenta a leggere un libro dalla copertina azzurra. Ogni tanto sorride. Evidentemente riesce a vivere le storie raccontate dal libro e entrare in quel tempo, in quel periodo, spaziando, velocemente. Un’altra continua la sua conversazione al cellulare. Al termine mi ritrovo con qualche conoscenza in piu’ in medicina, specializzazione ortopedia.

Anche qui, la media dei lettori non è molto alta, a dire il vero. Otto persone presenti in questo momento, tenuto conto che in questo luogo-non luogo, molto fluido, lo spazio di un momento è velocissimo. Il contenuto si muovo in maniera similare a quello di , simile  una stazione di servizio, piu’ precisamente un autogrill: si entra e si esce velocissimamente. Le porte non sono girevoli ma registrano passaggi continui.Un libro, due pc, di cui uno portatile ed uno ultima generazione.  Molto chiacchiericcio, qualche rivista. La signorina con il pc portatile, scopro ora che è una intervistatrice. Si è appena alzata e con garbo rivolge alcune domande: “Posso chiederle…?…quale treno prende? Regionale? Non ha un treno particolare?…Chiede di porre alcuni valori facendo riferimento ad una scala di valori da uno a nove…e via dicendo”…e così, si scopre qualcosina in piu’ della storia di quella viaggiatrice che incontra una lavoratrice. L’altoparlante gracchia….è ora di richiudere il pc, riporlo accuratamente nello zaino e salutare questa sala d’aspetto, di questa stazione, di questa città, di questa città di mare, che unisce due sponde, con navi che hanno delle pance enormi……….chissà quante altre storie che portano al di là del mare. Mentre annoto questo, un’altra coppi di nonna e nipote entrano, si siedono e si dedicano ad un ripasso funzioni telefonino.

Ripenso al mio libro, così solo soletto che ha provato ad intercettare, a riscoprire qualcuno, sotto qualche ombrellone, davanti al mare. Dall’incontro si evince che Il linguaggio non era sempre in sintonia. Capitoli diversi, storie diverse, personaggi che si intrecciano come nel traffico di Milano o Torino.  Pagine ingigantite, forse,  o frasi di pagine estrapolate e fuori tempo. Forse. Anche lui, in sala d’attesa. Attesa di mani capaci di leggere e sfogliare secondo la modalità giusta, e con una buona dose di empatia.  La voce dell’altoparlante gracchia “20 minuti di ritardo”, anche l’ultimo raggomitolato si alza liberando il suo posto. Ora, la sala d’attesa è veramente vuota. Ripongo il libro e rifletto che certamente  siamo lontani, molto, dal bastone, cappello, ombrello che si possono notare all’interno della casa di Dostoevskij, ma anche in questa sala, come nella vita, si intrecciano  la carità cristiana alla piu’ “torbida esperienza del nichilismo moderno”, grandi nella sofferenza e così facili da farsi abbagliare dal ciarpame umano.