Archivi tag: quindicenni

Andare è bello, ma tornare, a volte, ancor più

Ora scriverò solo qualche pensiero, il tempo è tiranno, anche per me. Il titolo sintetizza un posto, una scuola, in cui ho rimesso piede questa mattina, e che solo alcuni mesi fa, pensavo di non rivedere mai più. L’aria era gelida, appena sceso dal treno; ma, quel che più conta è che fino a quel momento ero privo d’emozioni. Segno che quel posto nell’eporediese non mi aveva lasciato nulla di buono. Tranne il solito rituale buon caffè dei tempi passati preso al bar “Il Chicco” di Tiziana, che mi ha visto in altre fredde e gelide mattine insieme all’amico Domenico; e, via, verso quel luogo, simile ad una scatola, di color rosso e bianco.

Poi, la cosa più bella, una volta arrivato, è l’aver rincontrato visi  noti ma cambiati, con coscienze mutate, e tanti ricordi, tanti saluti, tante manifestazioni di stima e di affetto mi hanno fatto recepire qualcosa di bello: un segno quì è stato lasciato.

E’ stata una bella soddisfazione, sapere che in mezzo a tanta crisi, tanta mancanza di coscienza sociale, esistono persone riconoscenti, che hanno saputo individuare del bene, ascoltare e mettersi in discussione. In mezzo a tanta aridità, dove anche i sentimenti nelle relazioni non fioriscono, perchè il metro di riferimento è quello televisivo, dove le aspettative disattese portano a rompere anche una relazione, perchè  non si ha voglia di lottare, di combattere, di ascoltare, ecco, oggi, una ventata di ottimismo, di speranza, mi ha ricoperto di fiducia.

Quella coppietta così giovane, pronta a salutarmi, a chiedermi, “come stai, ora, dentro“?  Una domanda di quindicenni che mai ti aspetteresti è stata come un fulmine a ciel sereno. A loro,  Primo e la sua ragazza dedico la bella fotografia-cartone posta nel mio blog. Una coppietta così solare che ha fiducia e progettualità merita tutta la nostra attenzione.

Certo, gli altri problemi persistono e insistono nelle nostre vite, soprattutto in economia, o anche a scuola, all’Università, dove a fronte di un diritto allo studio garantito a tutti, almeno formalmente, nella mia città, ad esempio, con 30.000 studenti fuori sede, vengono garantiti solo 1.500 posti letto, naturalmente vincolati a certe condizioni (reddito, profitto…).

Forse, come commentava il quotidiano La Stampa, gli anziani, ancora una volta loro, quelli che superano i 67 anni di età e che sono 70.000 circa, potranno rispondere a questa chiamata di aiuto, un aiuto che è una collaborazione fra generazioni differenti.

Però, a fronte di un “fosco orizzonte”, questa mattina, sopra il cielo di Torino, e soprattutto nel mio cuore, c’era un  “raggio di luce spettacolare”.