Archivi tag: Questione sociale

2 Dicembre in piazza Castello….tra Albero, Presepe, lavoro e lavoratori

20141202_181355La partita si sta giocando “di schiena”, nella stessa piazza, ma, allo stesso momento, su piazze contrapposte. Il pallone potrebbe essere lo stesso, una lettera, a sinistra, dalla parte della Regione ( a volte l’uso dei termini…), con la speranza che non sia “la lettera” di Capodanno e dall’altra, l'”abbassamento”del numero 2, la casella del Presepe, che accorcia la strada e la distanza, dalla e della letterina verso il Santo Natale20141202_175658. Bimbi e famiglie riunite intorno alla tavola e magia delle magie…letterina sotto il piatto.In piazza, ora,  Spalle contro. A destra si e’appena levato un applauso. La casellina, complice un vigile del fuoco, e’ andata giu’. Un aiutino, di tanto in tanto…ci siamo capiti, no? La partita, da queste parti, e’ terminata. La gente lentamente lascia il catino.A sinistra, il gruppo si fa piu numeroso, ma la partita deve ancora cominciare. Speriamo si formalizzino le proposte per il lavoro e tornare al lavoro.20141202_175538Insomma, che sia un buon Natale, anche senza letterina ma con la continuita’del lavoro. Uno dei lavoratori piu anziani, si vede che ha scritto addosso anni di fabbrica, prende il microfono e dice: ” ma lo sapete che siamo licenziati tutti, vero? Sembra che siamo qui per una passeggiata…” Speriamo escano solo buone notizie, per tutti.

20141202_174626Lavoro, questo “benedetto” lavoro. Questa “questione sociale”….

ps. Dal 2015 entra in vigore quella parte di  legge Fornero,  e  l’Aspi che fa passare (per coloro che hanno 50 anni di eta’) il periodo di mobilita’ da tre anni a due anni creando cosi gravi danni e “obbligando” i lavoratori stessi ad “uscire”pur di non perdere quell’anno.

Nuove vecchie attività

DSC00113

DSC00112Certo esistono anche attività  riportate alla luce,  delle quali si erano perse le tracce, luci non dalle vetrine, ma dalla necessità. Certo il lavoro è una “questione tanto antica” da scomodare Genesi, o, più recente, una “questione sociale” che genera Encicliche. Oggi, chi dovrebbe “riparare” l’assetto sociale del lavoro, crea solo confusione, che è al massimo grado. Solo vociare cacofonico. Cento anni fa, parlare di “questione operaia” faceva venire l’orticaria, ma il tema,  resta sempre all’ordine del giorno. E “trolley” o no, certi lavori hanno bisogno di essere rilanciati. Di tutto un po’, anche “accorciare ginsi“. In tempi di crisi, non si butta via nulla. Tutto deve essere recuperato. E se non si accorciano, si strappano, per creare effetto “tapparelle”. Certo sembrano lontani i tempi in cui si andava in quella certa fabbrica, che produceva ginsi confezionati “alla moda”, sponsorizzati da una ragazza stupenda, e,  chi la amava, la seguiva. Tempi di “ginsi” corti, anzi, cortissimi. Ma, attenzione. Dietro i ginsi da riparare si apre un mondo. Come la Bibbia. Stratificazioni. Un mondo dove le pennellate non mancano, insieme ai colori, alla musica. Pentagrammi compresi. Chi la amia, la cerchi, una vita colorata e musicata. E chi la amava, la seguiva, la donna della pubblicità dei “ginsi”. E tutti a guardarla. E seguirla. Una pubblicità forse che Oltretevere magari non piaceva molto. E comprarli, o farseli comprare, quei ginsi, così, a scuola, ci si dava un tono. Perché, quella ragazza, se “la amavi, la seguivi”. Già, ma forse era la marca dei ginsi, che dovevi amare.  E allora, tutti in quella via della nostra città, con il nome di una cittadina pugliese. E poi, faceva “figo” avere quel simbolo cucito addosso. Così come faceva figo avere il simbolo della coppietta sulla maglietta. Robe di…. “Lo avevano anche i giocatori” di pallavolo.  Quando uscivi da quello “spaccio“, con le mani cariche di pacchi contenenti “ginsi”, magliette, maglioni, si sentiva un profumo incredibile, proveniente da altro posto, così caro ai torinesi, poco distante da dove si cucivano in ginsi. (Ma ora, questi benedetti ginsi, dove li cuciono?). Forse era  il mercato dei fiori?. Ah, che bello sentire quel profumo….. E certo poi,  lavori antichi ritornano, e traslocare,  se non all’estero, si continua a farlo……..Dopo i traslochi delle aziende, altri traslochi sulle strade. Paradossi, a senso unico…..