Archivi tag: Processione

Incontro dei 2 mari un anno dopo: Santa Maria Di Leuca

14 8 2015 Santa Maria d Leuca foto Borrelli RomanoLe parole hanno un loro peso specifico, un loro valore. Sprecarle ora in un “sali e scendi”continuo di bus e treni sarebbe fare un torto a questa grande bellezza. Attreversata e solcata con ogni mezzo. Ho deciso di “”sviscerarla” per alcuni giorni partendo da Santa Maria Di Leuca, raggiungendo quest’ultima in bus, da Porto Cesareo con Salento in Bus,  (con cambio a Gallipoli). 20150814_190729Bisogna raccontarla tutta,  ma raccontarla proprio tutta con calma. Dal finestrino o declinato al plurale, finestrini, si distendono atlanti geografici e libri di storia. E’ l’Italia che si distende, non solo sulle spiagge, (con turisti provenienti dal Nord al Sud come ampi rotoli di carta geografica) quella  che fuori, paese dopo paese, si mostra i nomi delle vie e materializzano città e paesi: via Torino, Milano, Trento, Genova e Pesaro e via cosi. E lingue e dialetti che si confondono e impastano. Sul bus.  E “lu”,( articolo salentino anteposto ad ogni discorso), Panama sventolato un po’ per fare sria un po’ per salutare e’ di ogni tipo e  cosi visiere a go go calate. E calcato su trecce, code  e “rape”. E storia con nomi di Torri che richiamano pagine di storia e saraceni e Carlo V: Torre Mozza, Torre San Giovanni e altri ancora.

E lidi. Da Porto Cesareo a Gallipoli, l’apoteosi. E’ Salento sold out. Impossibile provare a descrivere le meraviglie. Occhi incollati ai finestrini del bus e olfatti sviluppati. I ragazzi programmano gia’ la serata, tutta da ballare. Non da sballare. Dormono ora approfittando della nenia del bus  stracarichi nel loro “pendolare” per 11 volte al giorno. Passano velocemente, ai nostri occhi, paesi come S.Isidoro, Porto Selvaggio, Le 4 Colonne…fino a Gallipoli per un viaggio inizia o alle 10 e 20 e terminato un’ora dopo per il cambio. Ma è Santa Maria Di Leuca,14 8 2015Sants Maria D.Leuca foto Romano Borrelli oggi, la mia meta. Una Santa Maria Di Leuca “Total white”, in bianco dalle parti di “Gibo'”. Poi saranno sagre (Spongano, Sagra della “cunserva amara”, ad esempio), e cultura e paesi da set cinematografici come Spongano, Tricase…E per questi posti utilizzerò il mitico treno diesel tante volte oggetto di lamentele: arriverà o non arriverà con l’aria condizionata? Ci faranno cambiare? Sarà pieno? Bho’ così ho sentito ma sono qui e verifico con alcuni viaggi. E poi spazio per Otranto, “in processione” per i martiri e lungo i suoi “Sentieri del gusto”.

Poi sara’la volta del trenino,.da Gagliano-Leuca, a 4 km da Leuca.(ultima stazione). E gia’ immagino il sole che entra dai finestrini stendendosi, spandendosi, avvolgendo ogni cosa contro ogni volere di verde tendine. Avvolgendo ogni cosa, pensiero e parola. 14 8 2015 Gagliano (Le) foto Borrelli Romano14 8 2015 Gagliano, Le.Foto Borrelli Romano

Anche queste poltroncine marroni di questo treno diesel che molti snobbano per vari motivi hanno una storia, un’anima, tante stagioni .Diciamoci la verita’: sono qui anche per voi, poltroncine adorate. 14 8 2015 treno sud-est foto Borrelli RomanoHo la penna dello zio,  e il blocco dove appuntare le emozioni, gli incontri, le parole, il piu’ il meno. Allora, possibili lettori, vi saluto momentaneamente. Per me è passato un anno da quando da quassù, dal santuario di Santa Maria Di Leuca, o da quaggiu, sotto la macchina della luce (il faro) 14 8 2015 Santa M.D.Leuca, Le,foto Borrelli Romanomi dissi:” Faremo un’impresa, quest’anno, senza se è senza ma. E tornero'”. Perche’ negli anni si cambiano numerosi vestiti ma quelli primordiali, delle prime emozioni, odori, colori, questi quelli, no. Resistono, in fondo a ciascuno di noi. O, per meglio dire, “in Capo”.  Nel Salento. Qui, Santa Maria di Leuca ha la “febbre”: fa caldissimo. Sono giorni festa, la Madonna, la Basilica, la devozione, i fedeli, i colori. Entro nel bar del piazzale: un caffè con ghiaccio, per dissetarmi. Ora però… Ora davvero uso la penna. Passo al blocchetto e annoto, per non distrarre gli occhi, il cuore, mente.

A dopo.Ps.Davvero difficile scrivere in determinate condizioni: in piedi sul bus e connessione che va e viene.

La mia Torino. A Valdocco, la notte prima della processione di Maria Ausiliatrice

Torino 23 maggio 2014. Ore 22.30 circa. Momento di forte devozione. Interno Maria Ausiliatrice.Torino 23 maggio 2014. Interno secondo cortile Maria Ausiliatrice. Bus in arrivoAlcuni lettori del blog, incuriositi da quanto descritto in precedenza e impossibilitati a muoversi hanno richiesto di poter documentare alcuni tratti di devozione della nostra città, della nostra circoscrizione, di fedeli in genere alla Madonna. All’ Ausiliatrice, cosi’ cara a don Bosco tanto che per lei eresse, su sua indicazione, eresse tutto cio’.

La sera è oramai scesa sulla città. La notte sta per calare. Sul territorio di Valdocco.  Qui intorno, quasi tutto è illuminato a giorno.  O così pare. Bus in continuo arrivo, carichi e stracarichi di fedeli. Ognuno di loro, portatore o portatrice di una storia diversa, provenienti da paesi diversi con  lavori altrettanto diversi. Targhe di provenienza:  Borgomanero, Novara, Domodossola, Milano, Alessandria. Sud. Difficile contare i bus immessi e costretti nel cortile. Ogni anno sempre più difficile capire come facciano ad entrare lì dentro.  Una solidarietà di classe degli autisti che pur di ricavare un prezioso centimetro sarebbero capaci di chissà cosa. Anche di tenere una ciambella” in mano per ore. Pur di arrivare all’obiettivo principale. Non lasciare nessun bus, nessun collega fuori da questa cittadella. Solidarietà di classe che si esprime e si applica. Talvolta è nella classe che non si applica. Oggi, in molti luoghi, o no luoghi, lasciare qualcuno indietro, o non ricordarselo affatto pare essere lo, sport preferito. E ci si consuma e lacera anche quando nel ragionamento si apportano temi di indubbia comprensione.   E su questo punto,  almeno in questo cortile, quanto capita, rende davvero tutto questo un altro mondo.  Raggiungo una scala. Salgo, per osservare meglio i bus in arrivo. Ascolto i consigli degli autisti arrivati in precedenza. Consigli millimetrici per “fare posto”. A quanti   si apprestano ad entrare nel cortile per “ricoverare” questi “bestioni” da strada carichi di umanità. Provo a contarli, i bus. Dieci, venti, trenta. Mi fermo. Impossibile. Noto solo che alcuni, all’interno, cominciano ad alzarsi, smaniosi di scendere, dopo un lungo viaggio e carichi a loro volta di fatica. Nel loro ridiscendere, qualcuno ha mani occupate da qualcosa. Chi un rosario, chi una bottiglietta d’acqua chi un seggiolino pieghevole di quelli buoni per l’estate, durante l’esodo estivo, degli anni duemila e “tot”.  Ridiscendo. Lungo il colonnato qualcuno  ha già aperto il suo seggiolino e ne approfitta per mangiare un panino, una pizza, un piatto di qualcosa portato da casa o avanzato dal lavoro.  Prima che scendano tutti gli altri compagni di viaggio. E’ gente che passerà la notte qui.Torino. 24 maggio 2014. Basilica di Maria Ausiliatrice aperta con funzioni quasi ad ogni ora. Pensionati, ragazzi, lavoratori.  Altri, giornale aperto su “sedili in pietra” ne approfittano per dare un’occhiata alle notizie politiche. Domani è un’altra vigilia. Di votazioni. Mi sposto nell’altro cortile. Coda ai servizi igienici stile stadio o concerto. Bar affollati. Gente in coda e volontari improvvisati baristi alle prese con panini e indicazioni ben “farcite”. Dove c’era il negozio dei ricordini a grappoli si raccolgono donne addette alla vendita. Su un cartello, posizionato all’estremità,  vi è scritto, Cooperatori Salesiani. All’interno della Basilica centinaia e centinaia di mani passano oggetti di ogni tipo, affinché vengano posati per pochi istanti sulla statua della Madonna. Meglio, a contatto con la Madonnina. Alcuni volontari, avranno questo compito, per tutta la notte.Momento di meditazione e riflessione. Interno Basilica Maria Ausiliatrice. 23 maggio. Ore 19 circa. Foto, Romano Borrelli Ogni oggetto un ricordo, una speranza, una preghiera. Lacrime rigano il viso. Immagino dietro quei visi, storie personali, di sofferenze. Difficile accedere su questo lato. Meraviglia. Una improvvisa sorpresa dell’ anima. E davvero in questo caso, ci sta. Senza fare ricorso a Cartesio. Osservo l’orologio. Lentamente ci si avvicina alla mezzanotte. E la gente continua ad arrivare. Qui, a Valdocco, nella vigilia della festa di M.A. Decido di Torino 23 maggio 2014. Ore 23 circa. Ragazze e ragazzi nel cortile Basilica Maria Ausiliatrice.uscire e recarmi in uno dei due bar. La coda alle macchinette è davvero impossibile sostenerla. Forse una ventina di persone che attendono in religioso silenzio all’interno di una giornata religiosa e di festa. Decido per il bar. Scambio qualche parola con un gruppo. Solite cose. Provenienza, lavoro, professione, studi. Alcuni sono molto giovani. Il tempo passa, così, da un cortile all’altro, da un tavolo all’altro. Ex allieve, anche se quell’ex denoterebbe una certa saggezza, in realtà non lo sono. Maturate, solo da qualche anno.Torino 24 maggio 2014. Cortile Maria Ausiliatrice. Coppia di fedeli. Foto Romano Borrelli Studentesse, laureande, specializzande. Studenti. Un pochino in disparte un paio di ragazzi si fanno compagnia con un libro. Leggono, ripetono, si interrogano a vicenda.Uno catechizza l’ altro. E mi rendo conto di come il linguaggio abbia preso a prestito molto da queste realta’. Il mio pc, ad esempio, salvera’ con nome questo file. Salvera’ con nome, mentre i fedeli, i credenti vorrebbero essere salvati nel nome, mentre il piu delle volte, noi, esseri mortali, sappiamo solo la via per cestinarci.  Provo ad avvicinarli. Quei ragazzi. Per un attimo mi pare di non essere mai uscito da scuola. Mi informo. Lunedì avranno l’interrogazione e tenuto conto che, questa notte non chiuderanno occhio, all’alba andranno in giro, così, da un cortile all’altro, al massimo,  si affacceranno per Torino, almeno un pochino e poi, dopo la Processione, il viaggio del ritorno, domenica praticamente non studieranno. Liberi portati in “processione”. Ricordi personali, si  dischiudono. Quei ragazzi sembrano alcuni studenti che durante la gita si accompagnano sempre con il libro per il giorno dopo. Una sorta di reperto archeologico, qualcosa di fuori moda. Ma lì, era un’altra storia. Prima di fare ritorno a casa, riprovo ad entrare. Ai piedi della Statua, pare di essere in una delle rappresentazioni al Calvario. Ancora un pensiero e rientro. A casa. Comincia a farsi alba. I devoti continuano ad arrivare. Senza ricambio. Senza “sliding doors”. Si entra solo. Ci sarà posto per tutti. Nessuna escluso. Fuori si vendono ancora candele. Serviranno per il resto delle prossime ore. Ad illuminare questo pezzo di notte che slava e  anche per accendere una speranza.

Torino 23 maggio 2014. Ore 22.30 circa. Interno cortile Maria Ausiliatrice. Foto Romano Borrelli