Archivi tag: pinocchio

A Padova: Scrovegni e Giotto

Torino 5 11 2016. E’ ancora buio quando esco di casa. La notte avvolge e la pioggia si fa sentire,  addosso e sulla strada creando quell’ effetto lucido che piace tanto. Devo raggiungere velocemente Porta Susa,  la moderna stazione torinese,  sotterranea,  in vetro e acciaio,  che sembra la balena e noi tantissimi “Pinocchio alla ricerca di Geppetto”;  e cammino rapidamente non per il tempo che stringe  ma per  quel semplicissimo fatto che oggi, giorno di semiliberta’ da dedicare al recupero “psico-fisico” ho dimenticato (cosa che nei giorni lavorativi faccio abitualmente) di allungare la visuale oltre le finestre della cucina al fine di comprendere “il che tempo fa”. Quindi,  appena sceso le scale di casa e appena oltre il portoncino che segna il confine fra privato e pubblico,  scopro che piove e,   onde evitare di bagnarmi decido che saltero’ tra una goccia e l’altra fino aala balena.  La freccia bianca che  tra poco mostrera’ sui binari i bellissimi occhi chiari e il suo musetto areodinamico raccogliera’ nel suo grembo,  un po’ come la balena vetro e acciaio,   un bel   po’ di gente. Verso Milano,  Verona,  Padova,  Venezia. Tempo 4 ore e si è  a Padova. La pioggia scende obliqua sul vetro dell’enorme finestrino mentre osservo i colori della vegetazione,  che muta in continuazione. E’ il senso del viaggiare.   E’ da un po’ che manco da questa “direttrice” e un po’ meno a. . . viaggiare in treno. Ne sento il bisogno. Come una medicina. padova-5-11-2016-foto-borrelli-romanopadova-5-11-2016-foto-borrelli-romano20161105_14343220161105_154023-1Una mezz’ora in piu’ alle 4 ore e si e’  al mare,  meglio, in  Laguna. A Padova piove. Compro un ombrello  e “un caffe’. E . . . come oramai si sa,  cerco il quotidiano locale:”Il Mattino”. Poi la via centrale,  un giardino,  sbaglio strada,  ma arrivo ugualmente alla “meta”:padova-5-11-2016-foto-romano-borrelli La Cappella degli Scrovegni”. Per passione e formazione,  anche se non “certificata”. Resto incantato davanti ai cicli narrativi di Anna e   Gioacchino,  Maria,  Giuseppe,  Gesu’,  il giudizio universale. Davanti ad alcune narrazioni cerco e colgo gli intrecci. Da restare meravigliati perennemente. La meraviglia,  lo stupore,  la lettura visiva dopo quella approfondita con il testo di Chiara Frugoni. Niente da fare: la storia dell’arte mi affascina da… “morire”. Come si accede? padova-5-11-2016-foto-romano-borrellipadova-scrovegni-5-11-2016-borrelli-romano Una prenotazione e via, e poi  a studiare i cicli del Giotto.  Il Crocefisso poi e’ davvero uno spettacolo. 20161105_123955In questo modo,  dopo il campanile di Firenze,  Assisi e la Cappella degli Scrovegni è  stato predisposto un bel po’ di materiale per gli studenti. Unico neo: troppa pioggia ben bilanciata dalle bellissime e buonissime pasticcerie della citta’. La città  è  davvero bella e così ogni aspetto religioso e civile. Non mi sono fatto mancare neanche il viaggio su un tram unico,  con una rotaia e senza pantografo aereo. Ci tornero’ con la speranza di un clima più  clemente. Intanto il tempo stringe e il ritorno si avvicina.

A Vernante (Cuneo)

DSCN3035DSCN3043Una giornata a Vernante, Cuneo. Con una piccolissima “fetta” di quello che è il mondo della scuola. Mondo piccolissimo, davvero,  variegato, variopinto, colorato, a tratti, come alcune “palline” colorate, con funzione  ferma capelli, poste fra treccine rappresentanti un mondo nuovo e vicino allo stesso tempo. Mondo piccino ma portatore di  grande  speranze come giusto che sia per chi si affaccia alla vita,  con uno zaino tutto da riempire, come quello che si trascinano dietro le loro spalle, oggi: cibo di provenienza lontana farcito da mille raccomandazioni, ricevute nell’atrio della stazione di Torino Porta Nuova, raccomandazioni che rimbombano in tante lingue, nella teste e nelle orecchie di questi giovani protagonisti, per un giorno, per la vita,  presto riposte in qualche angolo mentre il treno si allontana e fazzolettini bianchi vengono riposti nelle tasche di qualche genitore. Fin dai primi minuti successivi la partenza, canti e musica. Musica di violino che accompagna piccoli viaggiatori a raccontare il prima e il dopo, e  a raccontarsi tra mille fantasie. Violino: quando la scuola azzera le differenze. L’esperienza di una scuola, di piccoli e forse di “frontiera” ma che scommette sull’apprendimento di questo strumento per abbattere barriere e “frontiere mentali”. Si cerca di renderla migliore, nonostante le condizioni dei lavoratori non siano delle migliori. Ma questa è altra musica. Torino Lingotto, Carmagnola. Dall’altra parte la strada ferrata che porta verso Slow Food, un intreccio, molto in comune. Poi,Fossano, Centallo, Cuneo. La Granda. Studenti, studentesse, lavoratori, lavoratrici che scendono. Pochi salgono, sul treno. Poi, Vernante, un paese con le montagne davanti e case poste tra murales e bellissime facciate colorate. La pro-loco e tanta bellezza. Natura. Qualche goccia, ma, senza paura. Il museo, dipinti, giornalini.  Pranzo, passeggiata. Storie, tra la fatina, Mastro Geppetto, Ciliegia, il gatto e la volpe, la giustizia. Il campo dei miracoli, e via, tra una facciata e l’altra. Il tempo scivola via lentamente. Un saluto al Pinocchio enorme, poi, la Stazione. Si avvicina il rientro. Un treno, poi un altro. Un minuetto.  Un signore seduto, intanto a leggere un bellissimo libro: Guerra e Pace. Mi piacerebbe leggerlo, penso. Ha i baffi, ha scritto tantissimo e il venerdì è sempre presente su La Stampa. E’ diretto Verso Porta Nuova, e una bicicletta lo aspetta. Come sempre. Quasi. E’ un giornalista, di lungo corso: Bruno Gambarotta. Gentilmente ci offre compagnia, parole dolci. Scambia parole con questi giovanissimi viaggiatori. Altra musica. Una bella giornata. Tra Vernante e……………la circoscrizione 7. Le lancette corrono, velocemente. Il tempo della gita è terminato, il suo ricordo, della prima gita, non avrà mai fine.

Sciopero mensa

DSCN2663DSCN2662

Ormai, lentamente, quasi tutte le categorie volgono verso lo sciopero…Oggi, nelle scuole, vigeva lo “sciopero mensa”. Sciopero, ultima resistenza a disposizione dei lavoratori.

Lavoratori e bambini, un richiamo alla realtà del profondo Sud italiano, Taranto.

Una giornata particolare, con gli stessi orari, ma, con connotati diversi. Lo stile, già in mattinata, era da gita fuori porta. Mamme e papà affacendati nel porgere, a noi, adulti, sacchi e sacchetti contenenti pranzo e merande. Come sempre in alcuni casi, i cestini sono ri-dimensionati,  razionati da politiche famigliari stile austerity, (in verità, fortunatamente, pochi). Bambini, come sempre, pronti ad affrontare ogni novità con entusiasmo e allegria.

Un’occasione unica per vedere cibi esotici, di lontana provenienza, pensavo da ieri, con molta curiosità nel sentire, anticipatamente,  profumi e alimenti a me sconosciuti. E invece……panini, pizze e snack a volontà posizionati su quei carrelli che in altri giorni sono utilizzati per smistare primi, secondi, contorni, distinti, quotidianamente e rigorosamente, per sezione. Oggi, nessun piatto, nessun bicchiere, nessuna posata, nessun alimento fumante e  cuoche alle prese con fornelli e suddivisione fra diete, osservanti, musulmani. Tutto al sacco. Rigorosamente nominativo. Quello che i bambini hanno mostrato, pero’, è un forte senso di solidarietà e di cooperazione. Politiche redistributive.  Porzioni che andavano e venivano, e, soprattutto, andavano dove non ve ne erano o ve ne erano poche. Porzioni conservate, non terminate, da riportare a casa: “Per la mamma”. Questa volta, da loro, abbiamo imparato noi adulti. A scuola, nell’anno di pinocchio, ma non a casa di pinocchio.

Ps: la riunione per la stabilizzazione programmata per oggi, ha prodotto, ancora una volta, un nulla di fatto. Per rimanere in tema, siamo al 30 novembre…promesse non mantenute. Questione di…naso. Ma, col caldo, ad agosto, e col freddo, la bugia è servita, e quindi, una scrollata di spalle e via, alla prossima falsificazione della realtà. Messaggi che non somigliano a nulla del reale.  In teoria, per la maggior parte delle persone che mentono, l’attività non costa nulla. Sovente, neanche un pizzico di vergogna. Gli esseri umani, sono davvero gli unici a confezionarle. Talmente grosse  poi…In realtà per Konrad Lorenz, anche i gatti mentono,  ma  la loro bugia non rasenta minimamente quella prodotta da quella  umana e dalla sua complessità, e, soprattutto, senza mai raggiungere i suoi effetti, i suoi guasti; bugie reiterate, senza vergogna.