Archivi tag: Milano Rogoredo

Il rientro

Insieme alla malinconia e alla tristezza che sempre accompagnano chiunque sulla via del ritorno, questa volta, in treno, a Lecce, sale anche dell’altro: almeno 2 mascherine (da cambiare ogni 4 ore), lo spry igienico, da passare sul sedile, quello sulle mani, guanti plastificati. Per la cronaca: nessuno ha misurato la febbre a qualcuno!Il treno,  ad una delle tante stazioni, (anche se Frecciarossa ne farà  davvero abbastanza) una coppia si saluta, si abbraccia, mentre il treno decelera e si posiziona attestandosi in direzione di parallelepipedi numerati, poi, le porte si aprono, lei sale, lui resta, sulla banchina. La stazione è  una di quelle di mare, ancora Sud, gente che passeggia, infradito ai piedi, e non sai mai se viaggiatori o per un caffè,  al bar della stazione. I due, tra quei 2, tutto il messaggio e la comunicazione passano  dagli occhi,  le dita, un cuore, di quelli tanto cari e postati sui social. Un vetro, quello del finestrino, li divide, e così il treno è così la temperatura: lui al caldo, lei al gelo, nell’aria condizionata della Freccia che non conosce mezze misure. Poi il treno parte, la distanza tra i due aumenta, la forbice si allarga, lui rimpicciolire, fino a scomparire, mentre lei resta,  invia un  messaggio, toglie la mascherina, indossa un golfino, spoglia  il panino dalla sua  stagnola. E mentre lui è  stato inghiottito la città di mare rimpicciolire, sbiadisce e sparisce. Case e alberi volano via, il treno sfreccia. Molto si perde, altro fa la sua comparsa. Il mare si allontana e si avvicina, tutto in pochissimi secondi. E della ragazza, a scacchiera  due posti in là, si scopre che ha delle lentiggini, due occhi chiari,  gli occhialetti capelli rossi, carina.  Ha il suo panino tra le mani e…dopo una rapida occhiata si decide…Anche altri che  indossano le mascherine, la imitano, come avesse dato il la, srotolato la  stagnola e facendo cominciare le danze delle mascelle. Già  perché al bar del treno non ci si potrà andare. Chissà fino a quando. Era un modo per fare una passeggiatina, e  anche di sguardi. La posizione dei sedili è  “a scacchiera”, due posti occupati, due liberi. Zig-zag. Ad un metro e piu da “rime buccali”  viaggia con me una signora anziana, con la mano ingessata. Conosco esattamente la storia di come è  capitato,  da Termoli o giù di lì fino quasi alla stazione d’arrivo, talmente tante le persone cui racconta l’evento. Poverina. Nei vari intervalli fra una chiamata e l’altra sgranocchia e gentilmente vorrebbe offrirmi qualcosa. Il treno sfreccia via, e riconosco Porto Recanati, on le sue casette colorate, sbircio per individuare l’oratorio (ex di don Bosco) Loreto e la sua bellissima Chiesa, Osimo (e un pensiero s san Giuseppe da Copertino che veglia sempre sugli studenti!) e il campo dabasket e le colline de” la stanza del figlio”, la galleria, Ancona, il suo Duomo, Senigallia, la spiaggia di velluto, la Rotonda. Avrei voglia di un caffè e riavvolgere il nastro ma il bar è  chiuso e qui, il treno non si ferma. Il treno corre. Riconosco molti posti e mi piace immaginare la vita in questa estate che lentamente torna a giganteggiare sullo Stivale del Bel Paese. Qui, da queste parti, iniziava sempre la Bella Estate. Son certo sia ancora cosi. Il treno corre d fischia e dei 15 o 18 minuti di ritardo che  aveva tra una stazione e l’altra di Milano (Rogoredo e Garibaldi) scompaiono drl tutto. Alla faccis della velocità cosi alta!. Il tempo di sbirciare fuori e nel giro di 40 minuti si intravedono Settimo e Superga. Il treno infila il tunnel, la voce mettalica ringrazia di aver viaggiato con loro. Il treno si ferma. Scendo e con la coda dell’occhio intravedo la ragazza  con gli occhialetti e le lentiggini. Era torinese anche lei.  Pochi secondi e ci si perde tutti, nelle viscere di Porta Susa A.V., ognuno verso le proprie vite. Verso altre destinazioni.

 

Verso Roma

20151204_162329Che bella e strana idea. Trascorrere questi giorni di vacanza a Roma. “A fare che?” Mha’, questo lo scrivero’ di volta in volta. L’unica cosa certa e’ che contribuiro’, nel mio piccolo, ad aprire una “porta”. Il tempo e’ grigio, e non so cosa stia per annunciare, se neve o pioggia. Vedremo.  Appena “strisciato” il badge” saluto la scuola per qualche giorno anche se, a dire il vero, non sara’ del tutto cosi. Un pranzo veloce, un saluto a mio padre che mi domanda “Quando torni? Quando torni?” e una occhiata veloce ai lavori di corso Principe Oddone e corso Inghilterra.

Ricordo prima di cominciare il viaggio che nella mia circoscrizione, la 7, Aurora-Rossini- Valdocco inizia oggi il Bazar, un mercatino retto dal volontariato e da volontarie che dedicano energie e tempo al servizio dei piu’ bisognosi. Fateci un salto: sara’ per un’opera a fin di bene: dove?salone parrocchiale Maria Ausiliatrice. Basilica Ausiliatrice,  a Torino. Tempo zero e passa gia’ il controllore. Dovrebbe vidimare, almeno nella mia ottica “ghutenberghiana”. Resisto ancora una volta nel mio fare tradizionale: unico a “sventolare” il biglietto cartaceo nel giro di una decina di posti. In molti infatti allungano lo smartphone come fosse una bandiera. A dopo, allora, per la restante parte del racconto, dall’interno di un treno “ingoiato” che fugge e sfugge dalle e nelle nebbie padane.20151130_174250

Per ora: Torino Porta Susa ore 16:25, lasciata da poco. La Freccia corre verso Roma.

A Milano Rogoredo il treno ha 5 minuti di ritardo. La mia vicina lavora al pc come se fisse in  ufficio e continua a telefonare…in ufficio.L’altra davanti e’ immersa nella lettura di un libro giapponese, Murakami, e chi ho davanti, indossa una felpa “North  Sails” e ascolta musica. Un gruppo di ragazze appena salite sfodera cappotti grigi spigati, altre blu avvolte in splendide sciarpe bianche all’ultimo grido con pettinature di fresco. “A Roma, a Roma” urlano felici come ragazze delle superiori in gita. La voce metallica annuncia che la prossima fermata sara’ Reggio A.V. facendo cosi economia sulle parole “non dette”.

Alle 17.55 la voce metallica annuncia “con dispiacere che oggi il servizio bar ristorante non e’ in funzione” mentre e’ disponibile un “bar mobile”.

Alle 18:15 il treno entra nella nuovissima stazione di Reggio Emilia A.V. La mia vicina continua a pigiare tasti al pc e parlare al telefono.Una “dannata” del lavoro. Beata lei che ne ha tanto.

Alle 19: 15 il treno entra a Firenze Santa Maria Novella. Passa il carretto gridando o cantando,( il che e’ lo stesso”) che “vendeva gelati”. In realta’ incontra i 4 viaggiatori della parte opposta alla mia, “lato corridoio”,  che avevano gia’ fatto scorta di birre, da lui poco prima. Ho scoperto cosi chi e’ l’uomo mobile. Si salutano come si conoscessero da una vita. Ordinano altre 4 birre. Sento “16 euro”…e immagino gole secche e….tasche vuote. Affari loro. Anzi, no. Della societa’. I viaggiatori intanto scolano. Ma scopro essere generosi.Offrono e allungano pizzette bianche farcite condividendo il loro pasto.

Il treno si rimette in marcia verso Roma.

Alle 20.30 ci avviciniamo a 250 all’ora verso Roma. Ci siamo. Quasi.

Sono le 20.45 e ci apprestiamo ad entrare nella stazione di Roma Tiburtina.

Alle 21 circa approdo a Roma Termini. Il tempo di lasciare lo zaino e mi aggrego ad una struttura di volontariato che tutti i venerdi distribuisce panini, pizzette e the ai piu’ bisognosi. Ascolto storie, bisogni, necessita’. Dal gruppo di volontariato si stacca qualcuno, borsoni alla mano, e raggiungono alcuni punti di via Marsala, dove in molti si preparano a passare la notte. Un the, un panino , un sorriso e una parola.Poi, la buonanotte. Non fa freddo ma e’ triste e stringe il cuore vedere tanta umanita’in quelle condizioni.20151204_21302820151204_21383720151204_210638.jpg