Archivi tag: la rotonda

Sotto la pioggia, un pensiero a Senigallia

20160503_190931Sabato pomeriggio. Ripongo il libro,  appena cominciato, “La strada di Swann” e dopo aver deciso per una corsa mi fiondo verso il parco. Mi lascio alle spalle i racconti fiume e storie intrecciate e che rapiscono tra sogni e speranze. Recupero la strada. Come me altri.  Sbracciati e scalzi. Cuffiette alle orecchie. Scarpette da jogging e selciato di Parco Dora. Ultimo allenamento prima della Stratorino. Corrono veloci. Sembrano in fuga da qualcosa verso qualcosa d’altro. “La vita fugge e non s’arresta” scriveva Petrarca forse pensando un po’ a Laura. Altri sotto la grande struttura, lo scheletro della  fabbrica di un tempo, giocano  a basket, calcio o via sullo skate. Altri ancora ballano o ascoltano Carlos Gardel e Astor Piazzolla. Il fiume a sinistra i campi da gioco a destra e qualche nuvola in cielo. La pioggia fa la sua apparizione. Primo e secondo tempo. Scivola sulla pelle ma non lava via certi ricordi di un paio di primavere fa quando la forza distruttiva del mare, del fiume e della pioggia fecero le loro parti a Senigallia. In ginocchio ma non doma. Spiaggia di velluto, “gomito” sullo sfondo e le luci di Falconara e Ancona. Il rumore del treno, il suo cullare insieme al mare e il loro narrare.  Personaggi del passato e amore di quel  presente che si muovevano e muovono tra il frusciare delle tendine di una stanza d’albergo. Il ricordo dell’amore che respira e ansima. Quello della luce che filtra sotto la porta. Zaino da rovesciare sulla coperta di un letto non tuo. Cuscino sul quale trovare riparo come tra i seni di una donna. Scuola di scrittura,  sempre affacciata in prospettiva. Affacciati sull’orizzonte. Sul mare. Palestra nel narrare nuovi incontri e amori. Senigallia. Sempre pronta ad accogliere nel giro di poco  con qualche cerotto e cicatrice. Il pensiero della rotonda, coi suoi colori e profumi richiama spesso. E allora, un pensiero a Senigallia. Porto. Arrivi e partenze. Mare. Storie d’amore e amicizia con storie e nomi veri o fasulli con buone nuove da raccontare.

La scuola prestata alla politica. continua

Torino 25 maggio 2014. Ai seggiOre 01. 30. La sezione si chiude, in  classe resta poco. Le schede dei 552  “votanti” di questa sezione  , una del torinese, han preso il “largo” verso il “deposito”. Superga vista da dove c'era la stazione Dora.Dormono sonni tranquilli, suddivisi e racchiusi all’interno di pacchetti. Un fogliettino bianco, davanti, ne indica il numero e il partito. Ogni oggetto avanzato viene riposto all’interno della busta, come richiesto, dal verbale. Qualcuno conta ancora mentre si sa già chi conterà in Europa.i 49 milioni di italiani, elettrici, elettori, con il loro voto, hanno provveduto ad eleggere i 73 che andranno a formare il parlamento europeo insieme agli altri eurodeputati. Noi,  dei seggi si  torna a casa! Dopo, questa nottata. Ma noi siamo anche altro, Altra Europa. Un’ altra Europa e’ possibile. Anzi, l’Altra Europa e’possibile. Altri parleranno per giorni di referendum, plebiscito, vocazione maggioritaria, De Gasperi e brutta campagna elettorale, forse la piu’ brutta. Vedremo. Ora, buonanotte.

Dieci minuti alle 14. Borsoni blu e gialli a spasso per Torino. Si riconoscono i Presidenti e Segretari dei seggi, sezioni, sparsi per Torino. Ore 14 in punto. Una campanella suona, ma e’ quella riservata agli studenti, quando sono presenti a scuola. In ogni caso, porte chise e operazioni di spoglio al via. Ovviamente questo solo, per un paio di regioni e tra queste il Piemonte. La ripresa ai seggi, l’apertura, lo spoglio e lo scrutinio, potrebbero essere descritte come questa foto di Torino. E’ Torino, ma non sembrerebbe di essere a Torino.   Alcuni partiti hanno fatto davvero un buco. Qualcuno ha perso qualche  milione di voti e un elettore, attivo e passivo, e altri “non hanno vinto loro”. Si torna. A casa. Casa-casa. Per riposare. Nel frattempo osservo i cambiamenti di una zona della nostra citta’. Si riconosce la vecchia linea ferroviaria Torino-Milano.  Da un paio di anni il treno corre sotto. Sopra dovrebbe nascere una strada, fino al Politecnico. E oltre. Ritrovo il concessionario, ma “Dodo’” , con la sua uno, non arriva più da via Monterosa per “caricare” i colleghi senza auto   per recarsi al lavoro. Solidarietà d’altri tempi, che continuava all’uscita. Magari ti divideva una tessera, ma la persona, l’umanità, no.  La sala danze, idem c.s. La stazione ferroviaria Dora, non so più dove sia, o meglio, l’edificio. Abbattuto. Peccato. Era piccolina, ma riusciva a fare ancora il suo dovere. Al suo posto, una simil rotonda. Il nome, ma solo il nome, ricorda la rotonda di Senigallia. A proposito: come staranno dalle parti di Senigallia? Mi consolo guardando Superga, da questa stessa rotonda. Non è identica cosa pero’…Ho riconosciuto inoltre una cabina telefonica.”Marina fatti sentire“, c’era scritto e fatale fu in altre elezioni  con i  numeri da prefisso telefonico. Oggi i numeri sono 43%, il  dato affluenza alle urne in Europa, 60 % in Italia. Poi, il 40% al Pd, 4% Altra Europa…ecc.ecc. Li riguardo e torno al via. “Marina fatti sentire“. Forse Marina, ha “chiuso la porta. Della politica”. Uscendo dalla stazione DoraTorino-Ceres stazione. Ex stazione Dora Foto 26 maggio 2014. Foto Romano Borrelli , quella riferita alla Torino-Cers, l’altra, direzione Milano-Venezia, come edificio, è stato abbattuo, ho riconosciuto alcuni posti a me famigliari dove un tempo c’era il cavalcavia con la grande fabbrica, dove ora si trova un Ld e qualche altro supermercato.  Ho riconosciuto la scorciatoia che dava sul cavalcavia privata di questa. In fondo, i grattacieli, con la pubblicita’da caffe’ in cima. Oltre Mappano, Leini’. Qui, nei paraggi, molto e’mutato. Piove. il resto, tutto scivolato via. Come nulla fosse stato. Abituati a spettacoli teatrali, dove la fantasia eclissa i fatti.

Per la cronaca, Chiamparino “esagerato” trionfa in Piemonte. Solo ieri, sabaudamente, si scherniva dicendo “esageruma nen”.

Un pensiero a Senigallia.

DSCN3595
Senigallia. La spiaggia di velluto e il mare. In lontananza, La Rotonda.

DSCN3247A Torino, il sole si è finalmente affacciato “al balcone”, dopo giornate fredde e piovose. Speriamo  che il bel tempo tenga. Intanto, le notizie ci informano che il maltempo, ieri, si è abbattuto sulle Marche, in particolar modo a Senigallia, la città dalla “spiaggia di velluto”  conosciuta in tutto il mondo anche per il buon cibo e la manifestazione anni ’50 che si svolge agli inizi di agosto; cittadina sempre accogliente e famigliare in qualsiasi periodo dell’anno.  Le immagini della cittadina, passate in tv, non erano davvero belle. Sentire e vedere che “una bomba d’acqua” si è riversata su quella cittadina è stato triste e preoccupante. Speriamo si  possa riprendere  e  con essa, tutti i cittadini, al più presto.  Una cittadina che vive anche di turismo, ben collegata con l’autostrada e la ferrovia, colpita proprio dall’acqua mentre  si apprestava a predisporre il tutto per la stagione turistica. Merita un “fiore” e prossimamente un biglietto, per una visita,  e per chi puo’, magari un soggiorno.  Non vi è che l’imbarazzo della scelta. Il lungomare, con la sua lunghissima passeggiata, “interrotta” dalla passarella che dà l’accesso alla Rotonda, quella sul mare, il mar Adriatico, e da un’altra rotonda, questa volta stradale. In questa, che ospita una bellissima corona di fiori, ogni giorno diventa un datario. Mese e giorno in un tripudio di fiori, con il nome della cittadina scritto con tantissime pietroline. Una sorta di calendario gigante che accompagna per pochi istanti la camminata o la corsa di molti. Simpatico inoltre sentire parkare chi ti corre al fianco, con un a toccata dialettale, il piu delle volte. Un benvenuto per tutti. Una passeggiata, che dopo la fontanella nei pressi della fontana e qualche locale in cristallo, riprende il suo corso per km, all’ombra di alberi, viale costeggiato dai numerosi lidi e campi di beach volley o basket. Il sottopassaggio che immette dall’ altra parte della citta’ e i treni che passano lentamente, cosi’, per far apprezzare queste bellezze a chi e’ in transito. Dall’altra parte il centro, quello storico, con la rocca. Stupendo in ogni periodo dell’ anno. Ma e’ sul litorale che la ferita brucia e il sale rafforza le ferite,  Lidi con nomi, e numeri,  il più delle volte americani o di donna. Proprio in uno di questi, spesso, nelle serate estive, non e’ difficile incontrare ragazze, ragazzi con corone di fiori intorno al collo magari per festeggiare un compleanno o una festa di laurea. Dopo l’aperitivo, tardivo, o molto dopo, una cena leggera,  e non raramente, un tuffo in acqua, magari con il riflesso della luna sulla superficie del mare. Una grande bellezza. Anche qui. I proprietari dei lidi, proprio in questo periodo, li trovavi immersi nella loro dura e costante fatica di predisposizione dei locali e accessi al mare al fine di accogliere nel miglior modo possibile i turisti. Spiagge battute e pulite.  In molte pensioni o alberghi è facile ritrovare l’accoglienza famigliare che si ritrova nel proprio focolare domestico. Al mattino presto, dopo aver sfogliato il giornale locale, Il corriere adriatico, e’ consigliata  una passeggiata a piedi nudi sulla spiaggia. I bambini spesso li trovi gia’ al lavoro, con le loro palette, secchielli e un grandissimo quantitativo di fantasia. In pochisssimo tempo, sono capaci di costruire castelli e cuori, capaci di durare nel tempo. Durante la passeggiata, quando il cielo e’ limpido, a dire il vero, quasi sempre in lontananza sono ben visibili Falconara ed Ancona insieme ad altri paesi della costa adriatica. Il profumo del mare si mischia con quello dei numerosi caffe’  serviti nei numerosi bar a ridosso del mare…Una grande bellezza che merita sicuramente di ritornare a sorridere al piu presto, nonostante questa parentesi. Forza Senigallia.

 

Un abbraccio “resistente”. Dopo aver scartato un cioccolatino, negli occhi e nei ricordi il rumore del mare, la sabbia…”il mio dolore racchiude la gioia, ha dentro l’ attesa dell’incontro’ (Rudagi)…e allora, un buon biglietto ….per Senigallia.

Un abbraccio “resistente” ad una cittadina che ha saputo dimostrare tantissima resistenza.

DSCN3738 (2)
Un fiore e un biglietto per Senigallia.
DSCN3603
Iscrizione “resistente” sul muro di Senigallia, liberata dai tedeschi il 4 agosto del 1944. Iscrizione nei pressi del mercato di Senigallia.