Archivi tag: Fontana di Trevi

26 agosto-Roma

Il G 7 (un tempo, G 8) club informale, a Biarritz, in Francia. Biarritz, prof. dove si trova codesta cittadina? Possiamo cercare su…google map?”” No”, rispondo io, “meglio sull’atlante”. “Profumo di oceano, e “guerre di dazi commerciali” e barriere per il vino, prima francese e poi chissà,  toccherà a quello  italiano? E   ancora nuove tecnologie, Brecit, e Amazzonia che  brucia…”Greta ci aveva messi in guardia”. I  grandi, in questo cosesso, arriveranno ad una quadra? Tempo  di controesodo, di chi le ferie le ha terminate,  con  campionato di calcio alle prese con la prima e ricordi della Nazionale 82 che si intrecciano sui colloqui per il nuovo giro di consultazioni. Zoff, Gentile, Cabrini…

A proposito, mi permetto di “giocare” anche io, coi pensieri,  un pochino, immaginandomi il  giro di consultazioni del nostro Presidente della Repubblica. Di cosa parlerei? Della scuola, ovviamente, degli studenti….dei miei, in particolare.

A Roma fa molto caldo, avrei voluto fare un salto a Palazzo Barberini ma l’ho trovato chiuso, forse ero io in ritardo. Pazienza. Però  i gatti dell’altra volta erano li, dove li avevo lasciati, sonnecchiando, distesi a prendere il sole, come guardie a difendere il fortilizio. Quante finestre?Le conto, belle, in questo Palazzo che ha conosciuto scissioni. Da lì, poi,  Quirinale, via del Corso, Palazzo Chigi, Montecitorio, insomma, profilo istituzionale, politico, politicante, politichese. Chissa Forattini che avrebbe disegnato oggi. In mezzo, Fontana di Trevi,Piazza di Spagna, poi,  “molto fischiata” da chi proprio non ce la faceva piu e violava il regolamento sedendosi.  E non  ho dimenticato di fare un salto a 20190826_181635 via Margutta e apprezzarla . Era da tantissimo che non la frequentavo, molto davvero.  20190826_181533Forse dai tempi di una canzone che “amore vedessi il cielo a via Margutta….” O forse ’97 o 2000, al tempo del Giubileo, chissà.  L’ho ritrovata bellissima come sempre, molto …”artistica”. Giu fino a piazza del Popolo e via di metro, Anagnina.

A Roma

4-3-2017-foto-borrelli-romanoDi Roma è  già stato scritto tanto ma è  sempre poco comunque. Ti si apre il cuore. Talvolta lo spacca anche tanto,  che a ricordarsi bene qualcuno (Niccolo’ Fabi) ci fece su una bellissima canzone,  “Lasciarsi un giorno a Roma”. (Pero’ ae ci si lascia,  ci si “acchiappa” pure! ).  L’aria,  appena scesi dal treno,  la riconosci fra tante differenti (si perché  l’aria mica è  unica! ): e’ la stessa di sempre: ti si appiccica addosso,  come una vecchia conoscente giunta a prenderci.  Odore di pioggia e di primavera e vento marzolino che intensifica il suo vociare,  con forza,  impattando sul viso  all’uscita dalle stazioni,  Termini o  metro che siano. Era da un po’ che mancavo dalla città  Eterna e che  non solcavo la periferia romana,  gli inizi della Tuscolana,  la dove si perde la citta’ verso la finzione di  Cinecittà, e il piazzale della metro e dei bus,  Anagnina.. . (era almeno dal tempo delle manifestazioni! quelle oceaniche! ) ed e’ stato un modo per pensare al grande Pasolini. Le piante sono fiorite e qui diversamente da Torino,  sembra aprile.

Roma  ormai non sorprende piu’,  frizzantina come è. Ti avvolge e non puoi farci più niente.  Lasci che sia. Un cartello informa sul meteo di domani20170304_081838. Un altro che siamo a Roma. Un altro ancora i minuti a San Giovanni,  qui,  dalla Tuscolana. Quella cosa,  “Roma” a sfondo bianco, a dire il vero,  fa molto Lucio Battisti a cavallo con Mogol,  mentre entravano nella capitale,  anche se,  la data odierna fa tanto Lucio,  l’altro, il  Dalla.  Quanto mancate entrambi! In ogni caso,  poche cose da scrivere. Cerco Palazzo Barberini,  ecco su cosa cade la scelta odierna del cosa vedere. Un palazzo che sa di storia,  politica e arte. Tante cose da vedere ma a me interessano alcuni autori su tutti: Raffaello,  Caravaggio,  Guercino,  Guido Reni. La Fornarina di Raffaelloraffaello-fornarina-roma-borrelli-romano-foto e la Giuditta di Caravaggio20170304_155946. La meta,  seconda,  dopo l’impegno di facolta’,  in realtà  era visitare altro ma poi la voglia di vedere quelle  opere e’stata davvero determinante, decisiva,  impellente. E cosi e’ stato. Due soggetti femminili davveto belli. A starci ore a guardarli e studiarli. Probabilmente ci si potrebbe innamorare.  E cosi il pomeriggio è  trascorso in compagnia di queste bellezze.  Poi,  ancora un ripasso al San Luigi dei Francesi,  ancora per Caravaggio e…. Quirinale e roma-quirinale-4-3-2017-foto-borrelli-romanoFontana di Trevi.

.