Archivi tag: Fabio Sebastiani

Guglielmo Epifani: “La giornata del 12 marzo la prima di una lunga tappa”

di Fabio Sebastiani

”Non è che l’inizio”. Lo slogan del maggio francese da oggi entra ufficialmente, anche se un po’ in sordina, nella storia del movimento dei lavoratori e delle lavoratrici del Bel Paese. ”Non è che l’inizio”, detto dal segretario generale della Cgil Guglielmo Epifani, potrebbe voler dire tante cose. Speriamo valga quella “interpretazione autentica” che indica nella giornata del 12 marzo la prima di una serie di tappe di lotta e di mobilitazione a sostegno di una piattaforma sindacale contro la crisi economica e per respingere l’attacco all’articolo 18. L’arrivo dell’avviso comune sul “Collegato Lavoro” sugella, semmai ce ne fosse ancora bisogno, la fine di ogni dialogo unitario con Cisl e Uil, che ormai praticano un modello di sindacato basato sugli iscritti e sui servizi. Un modello nettamente diverso che più che mettere in discussione il sindacato più grande d’Italia e la sua etichetta, mette in discussione il ruolo dei lavoratori.

Sulla strategia unitaria, l’attuale segreteria guidata da Epifani ha basato la sua iniziativa politica. Ora si tratta di trarne le dovute conseguenze. E il sedicesimo congresso sarà sicuramente la sede giusta. I contenuti non mancano, come è noto. Dalla democrazia alla contrattazione, passando per il welfare e i migranti: c’è solo l’imbarazzo della scelta. Il punto non è “cosa”, ma “come”. Per questo è molto importante che questo periodo di mobilitazione non sia solo un ”pro-forma” in attesa che l’ennesimo scandalo sul giro di estcort o il solito de-cretino spazzino via quel che rimane del centrodestra. Stavolta le mobilitazioni, vista anche l’alta partecipazione alla discussione e al voto nei congressi di base, soprattutto al Sud, devono sapere trasformare la quantità in qualità. Se non ora quando? Per poter dare un senso a questa fase storica di vera e propria svolta sociale non basta una Cgil “solo sulla carta”. Serve una Cgil viva, nodo ineliminabile di un paese che non trova più risorse per uscire da una crisi che da economica si sta trasformando in culturale, sociale, storica, morale.

I congressi di base hanno dimostrato che questa vitalità c’è. E’ il momento di usarla. Milioni di pensionati pronti a far valere i loro diritti. Decine di migliaia di giovani, figli soprattutto della “primavera pugliese”, che vogliono davvero chiudere con un passato fatto di precarietà e di sfruttamento. E dire che il Sud ne avrebbe tanto bisogno di una Cgil giovane e piena di idee.

La lotta è di lunga durata. E il tatticismo non solo non è utile ma rischia di bruciare le risorse che si hanno a disposizione.

a cura della cooperativa editoriale LIBERAROMA

Quando la solidarietà bussa alle palpebre dei nostri occhi

Torino, 14 febbraio 2010. Questa mattina non il sole, ma fiocchi, copiosi, di neve, hanno bussato alle palpebre di molti innamorati. Una giornata romantica per loro. Per altri, alle porte di Torino, la giornata si consumerà con lanci di arance nel famoso Carnevale di Ivrea. Per altri ancora, la giornata sarà di speranza: speranza di avere o riavere un lavoro. Altri cercheranno di sperimentare ancora una volta una forma di solidarietà con lavoratori che da mesi non percepiscono “il becco di un euro”: la solidarietà ai lavoratori Eutelia-Agile. Una solidarietà cercata, grazie alla vendita delle “arance metalmeccaniche”, in un luogo, piazza Castello, a Torino, che vede girovagare coppie di innamorati felici. Presenti all’iniziativa, il segretario della Federazione, Paolo Ferrero, e alcuni consiglieri regionali di Rifondazione Comunista. Molto attivo fra questi ultimi, Juri Bossuto. Presenti inoltre il segretario regionale di Rifondazione Comunista, Armando Petrini, il segretario della Federazione di Torino, Renato Patrito, il consigliere di circoscrizione 7, Giuliano Ramazzotti, il segretario del circolo Centro, Elio e tanti, tantissimi compagni, tutti pronti a dare una mano in una giornata in cui, Torino, si è svegliata imbiancata dalla neve. La vendita continua anche in questo momento. Al mattino, breve incontro con Fabio Sebastiani, giornalista di Liberazione: incontro a cui hanno partecipato altri compagni e, fra questi, il già citato segretario del circolo Centro, Elio, e Maurizio Pagliassotti. Lotta alla precarietà; sicurezza sul lavoro; lavoro internazionale gli argomenti trattati. Oltre a qualche accenno su quanto capita in rete.

La giornata, continua con momenti di festa. Speriamo in un’ottima riuscita.

Dalle porte chiuse alle porte aperte.

Partito al lavoro. Militanti, al lavoro. Anche ieri, domenica 31 gennaio, a Torino, presso la “Fabbrica delle E”, ha avuto luogo l’incontro dei delegati della Conferenza nazionale delle lavoratrici e dei lavoratori. Interventi al mattino: operai e impiegati narravano la propria condizione. In fabbrica. In ufficio. Quel che rimane della fabbrica. Quel che rimane degli uffici. Non starò qui a riassumere gli interventi che saranno raccontati sicuramente meglio del sottoscritto, domani, dal giornalista di Liberazione (presumibilmente Fabio Sebastiani). Quel che posso riferire è stata la ripetizione di questo concetto: “Porte chiuse”. Triste, ma reale. Porte che si chiudono, per molti. Fabbriche dichiarate inefficienti e per la logica del capitalismo, da chiudere. Un capitalismo che continua a premiare il grande capitale.  “Torniamo a riempire le valigie. Di diritti”. In questi giorni, in cui molti tessono le lodi per l’alta velocità, vorrei ricordare come continuamente “i treni della vergogna” diretti ad Aosta, al mattino, rassomigliano sempre piu’ a delle “ghiacciaie”, come successo questa mattina, come sabato, come ormai da molto, troppo tempo. Per non parlare dei treni soppressi (o di quelle di altre linee ancora più disagiate in Piemonte come altrove). Come oggi pomeriggio. Da Ivrea per Chivasso, soppresso (delle 14.25). Treno sostituito da bus, certo, che ha percorso lo stesso tragitto, in piu’ di un’ora. Treni in forte ritardo. (a Chivasso, oggi). Quelli dei pendolari. Crisi, dicevo. Migliaia di persone, famiglie intere, ridotte “al lastrico”. Figure di donne, uomini, inghiottite dalla crisi. Spremute, quando andava bene. Spremuti come i lavoratori di Rosarno. Ma da questa ex fabbrica, una prospettiva di lotta, di vertenza, fa bene sperare. Non è più possibile aspettare. Donne, uomini, famiglie, ricordate anche dalla Chiesa: “garantire a tutti una condizione di lavoro e di salario dignitosa. “Fare di più per i lavoratori”, è stato anche l’appello del Papa. Porte chiuse, dicevo, concetto che conferisce l’idea di “mancanza di prospettiva”. Quella che pare mancare a molti giovani di questa città, privi di identità, ma pieni di appartenenza. Al gruppo. Un’appartenenza fumosa, di breve durata. “Giovani senza prospettive”, pareva essere questo il tema dominante sulla stampa cittadina e nei tg, dopo il grave episodio che ha visto proprio a Torino un ragazzo accoltellato. Torino, come accennato altre volte, terra di santi sociali. E proprio ieri, se ne festeggiava uno in particolare. Molto attento a suo tempo ai giovani e al lavoro. “Ascolto, gruppo strutturato, mettersi a disposizione della collettività, con spirito di servizio”, questo era il messaggio proposto ai giovani. Porte aperte. Speranza. Per il futuro. Anche qui, un rimando a “valigie” da riempire, di diritti. Come una volta. Concetti che rimandano a valori. Quali quello della solidarietà. Che non è passata di moda. Speranza rinnovata anche nel giorno della festa di questo santo, don Bosco. Per tutti. Quindi, per tornare al discorso iniziale, relativo alla Conferenza, dei lavoratori e delle lavoratrici, subito soluzioni. Aumento di pensioni, salari, unificare tutte le lotte, stabilizzare i precari, abolizione della legge 30. Soluzioni, che vorrebbe dire, finalmente, porte aperte. Speranza per il futuro. Per i lavoratori, per i disoccupati e per i giovani.

“Gig” lancia i componenti: a meno di mille euro.

In questi giorni ho pensato spesso ad alcuni personaggi “resistenti”: al capitale, alle avversità, alle delocalizzazioni. Uno di questi  personaggi è Rosanna Nardi, lavoratrice presso la Stabilus di Villar Perosa, una azienda metalmeccanica distante circa 20 kilometri da un’altra azienda in difficotà, la Indesit di None, e in prossimità di un’altra azienda, la Skf di Airasca.  Rosanna è una donna che sta lottando, per non “farsi portare via la fabbrica”, come si poteva leggere su Liberazione. Portare dove? Verso altri “lidi”, magari dove il costo del lavoro è più basso, magari dove si possono percepire 350 euro al mese, senza tutele. Già, perchè a quanto pare, le tutele si apprestano a diventare degli optional. Ma gli optinonal un tempo non erano riservati ai soli manager, quelli che ora si vorrebbero “salvare”, magari come oggi affermava Sergio Bonetto, avvocato di Torino, con una norma anticostituzionale”? (Liberazione, Fabio Sebastiani). Gianni Rinaldini accosta a questo tema una similitudine già usata in altri frangenti: “Un’altra porcata”. Cosa? “L’articolo salvamanager” il 10-bis, contenuto nelle modifiche al Testo unico, oggetto in questi giorni del confronto alla Conferenza Stato-Regioni. A detta degli esperti si manomette l’istituto dell’obbligo di impedimento”. ‘E’ interessante la lettura dell’articolo che paragona questo “salvamanager” al “Lodo Alfano”. “Con questa sorta di lodo Alfano introdotto da Sacconi, come si legge nel testo, – il non impedire l’evento equivale a cagionarlo,- ma solo alle seguenti condizioni”: che l’evento non sia imputabile ai soggetti di cui agli articoli dal 56 al 60 compreso del presente decreto legislativo per la violazione delle disposizioni ivi richiamate. I soggetti sono: preposti, medico competente, progettisti, fornitori e lavoratori’. Da queste righe si può interpretare come sostiene Cremaschi “una sorta di bonifica dei processi“. A partire da quello Thyssen. Ma in questa giungla “metropolitana globale” parrebbe che il mondo stia andando davvero alla rovescia. Mentre lungo le periferie del torinese, e non solo, molte bandiere rosse  nei pressi dei cancelli delle fabbriche indicano “stato di agitazione ” o delocalizzazione in atto, molti si stanno affannando a parlare di “sglobalizzazione”. Possibile? Certo non possibile seguendo le parole lanciate come slogan da alcuni: protezionismo, o addirittura autarchia. I segnali degli ultimi tempi ci indicano di navi container mezze vuote, aerei nelle identiche condizioni; addirittura una notizia di alcuni giorni fa indicava, in un posto lontanissimo da noi, dei ragazzini che smontavano pezzo per pezzo per pochi centesimi di compenso i container non più utilizzati. Con gravi rischi e conseguenze per la propria salute. Tutto questo mentre nel nostro Paese, di rimbalzo dall’Inghilterra, sempre più persone, donne e uomini, si protendono a vivere in prima persona da “gig”. No, non è in atto una “ri-proiezione” del famoso cartone animato.  Gig,  che significa “estemporanea”, e da qui, forse dopo aver lanciato “un paio di componenti, quando va bene, perchè a volte ne servono tre”, si arriva al “giganomo”, un neologismo inglese che indica il precario a vita. Quindi, in sintesi, i “componenti lanciati” dovrebbero fare “una unità”. Tre per uno? Si direbbe di si. Disponibilità, sempre e garantita e flessibilità, come al self service: “24 ore aperto”.  Ma questa realtà fa assaporare i suoi frutti anche nel nostro Paese. E non è un fenomeno dei soli professionisti, ma di gente comune. Magari non sotto i riflettori, ma in carne ed ossa comunque. Fortunatamente, una volta tanto “siamo stati scippati di un primato”: i mammoni sono domiciliati in Inghilterra, terra dove incide maggiormente la loro presenza.  Un primato “perso” a cui fa da controaltare il gran numero di “master-card” da ottanta euro ogni bimestre” che gli anziani riescono a sfoggiare. Ma, per tornare ai personaggi che riescono a resistere ed essere da stimolo ed esempio per molti compagni di lavoro e di lotta, non posso non pensare ai commenti arrivati sul blog, e in via riservata nella mia e-mail, riguardanti le elezioni sindacali imminenti alla SKF. Si è parlato di filosofia, e Barbara devo dire che è stata molto chiara nell’esprirmere un concetto di un filosofo. “Sbagliano quelli che pensano che la vita si spiega con la filosofia. Per quanti sforzi il pensiero faccia, il risultato è sempre lo stesso: la filosofia arranca dietro la vita che ride” (Volpi). Pur non facendo parte di “conventicole” particolari, di “non avere santi in paradiso”, di non avere “sponsor di quelli che contano” e che quando ci sono soffiano “sulla vela che per altri migliore” ma solo in apparenza, credo che Barbara meriti questo piccolo riflettore, un blog, (ma che ormai non  solo più questo) che dica a tutti, in modo chiaro e forte, che la sua candidatura è solo e soltanto di “servizio al compagno di lavoro”. Un servizio e non uno strumento di potere o “trampolino” di quelli che si costruiscono sovente, ma che molto spesso non hanno nessuna utilità. Coraggio Barbara.

Domande disoccupazione

A seguito di errori dovuti al pc ripropongo, anche grazie all’aiuto di Sante Moretti, giornalista di Liberazione, alcuni quesiti che mi erano stati posti.
Non mi occupo di cassa integrazione e di sussidi di disoccupazione se non per la contribuzione che ha un effetto sulle pensioni. Per poter dare risposte puntuali è necessario conoscere ad esempio se l’azienda in cui si è lavorato aveva più o meno di 15 dipendenti, le categorie di appartenenza: ad esempio nel settore agricolo vige una specifica normativa. Un consiglio, i sindacati, le CDL, il Patronato garantiscono una tutela attiva per garantire i “benefici” previsti dagli amministratori sociali. Il patronato , consiglio l’Inca-CGIL, è tenuto a tutelare gratuitamente anche i non iscritti al sindacato ed è in grado di aiutare i lavoratori e le lavoratrici a districarsi tra norme diverse che hanno subìto e continuano a subìre modifiche. Una sola considerazione politica: le casse integrazione ed ancora di più il sussidio di disoccupazione sono uno sconfitta: va difeso il posto di lavoro ed il diritto al salario contrattuale! Le aziende di fronte alla crisi si liberano della manodopera, chiedono ed ottengono soldi veri dallo Stato, non rinunciano ai profitti. Fra qualche anno verificheranno che le Banche e le imprese sono diventate più forti e più ricche e contemporaneamente sarà minore il salario, la pensione e, facile profezia, non riassumeranno quei lavoratori e lavoratrici che hanno licenziato. Inoltre, grazie a Fabio Sebastiani che mi ha illustrato la condizione attuale riguardante la caduta libera dell’occupazione nel nostro Paese e la conseguente richiesta di disoccupazione. Ben 117 mila senza lavoro in più a febbraio rispetto 2009 rispetto allo stesso mese del 2008. In pratica, mi dice e scrive Fabio Sebastiani, “stando a quanto comunicato dall’Inps, tra gennaio e febbraio 2009, ben 370.561 lavoratori hanno perso il posto di lavoro e hanno presentato la domanda di indennità: il 46,13% in più rispetto a dodici mesi fa”.

Sostenete e comprate Liberazione.

compriamo-liberazione-giornaleConsiglio tutti di telefonare e contattare il patronato Inca Cgil, dove troverete persone (come Roberta: grazie) davvero disponibili e molto preparate. Ovviamente io conosco i lavoratori di Torino, Inca.

Seguono le risposte di cui sopra.

Buongiorno, sono Franco, attualmente sono disoccupato(data assunzione  ottobre 2004 ; data lic. ottobre 2008) percepisco l’assegno di disoccupazione ordinaria,volevo chiedere se devo fare anche la domanda per la disoccupazione con i requisiti ridotti. (lavoratore edilizia)

Risposta. Non Può richiedere la disoccupazione a requisiti ridotti in quanto sta percependo quella ordinaria. Per i lavoratori dell’edilizia esiste il trattamento Speciale per i lavoratori Edili pari all’80% della retribuzione che ha la durata massima di 90 giorni e successivamente, questi lavoratori possono chiedere la disoccupazione ordinaria. Dovrebbe verificare con La Fillea Cgil se questo lavoratore rientrava nella disoccupazione speciale.

Buongiorno, volevo un chiarimento a proposito dell’indennità di disoccupazione. Lavoro da 11 anni a tempo pieno presso un’azienda che a causa della “crisi” ha perso molto lavoro. Dal prossimo mese dovrò ridurre il mio orario da 38 ore settimanali a 20 ore. Mi chiedevo in caso di trasformazione da full-time a part-time (farei tutte le mattine) mi spetterebbe una indennità di disoccupazione con requisiti ridotti.

Risposta. Anche con un rapporto di lavoro part-time, a tempo indeterminato, spetta sempre la disoccupazione ordinaria. La Disoccupazione a Requisiti ridotti viene erogata ai lavoratori a tempo determinato che hanno svolto attività lavorativa per almeno 78 giornate, nell’anno precedente la presentazione della domanda.

Sono una docente con contratto a tempo determinato e titolare di partita I.V.A. come libero professionista che esercito in maniera limitata ho diritto alla disoccupazione con i requisiti ridotti. Sono una docente con contratto a tempo determinato e titolare di partita I.V.A. come libero professionista che esercito in maniera limitata ho diritto alla disoccupazione con i requisiti ridotti. Antonietta

Risposta. Ha diritto all’indennità di disoccupazione a requisiti ridotti se ha svolto almeno 78 giorni di lavoro subordinato (dipendente) l’iscrizione alla gestione separata non e’ di ostacolo per il diritto alla prestazione, ma i periodi di lavoro parasubordinato (partita Iva) coincidente con un rapporto di lavoro subordinato non può essere preso in considerazione ai fini del diritto e della misura.

Salve, sono Giovanni ho lavorato per un anno e mezzo, da ottobre 2007 a febbraio 2009, poi mi sono dimesso volontariamente, ho diritto alla disoccupazione con requisiti ridotti, anche mi sono licenziato io?

Risposta, in caso di dimissioni non spetta la disoccupazione a requisiti ridotti. Ma se nell’anno di riferimento esistono altri rapporti di lavoro cessati per licenziamento si ha diritto alla prestazione, 78 giorni, escludendo i rapporti cessati per dimissioni.

Salve, volevo solo un informazione, sono di Calabria e ho fatto la domanda ridotti a Calabria se come fino adesso non riescono fare la mia domanda li giù volevo solo chiedere se possibile fare la domanda qui al nord comunque avevo lavorato qui al nord per quasi 3 anni.. quale sarebbe le cose che serve a fare la domanda qui al nord? perché siamo gia quasi fino mese di marzo 2009, magari perderò di nuovo la domanda. Ho già perso la disoccupazione di 2007.. cosa devo fare?? grazie mille aspetto la vostra risposta…

Risposta, può presentare domanda in qualsiasi ufficio Inca che inoltrerà la domanda alla sua sede Inps di Residenza.

Salve Mi chiamo Francesca volevo sapere gentilmente se mio marito che percepisce l’indennità di disoccupazione deve richiedere il bonus famiglia all’Inps o all’ufficio delle entrate? Grazie

Risposta deve fare richiesta diretta all’ufficio delle entrate, anche attraverso un Caf.

Antonio Salve, io sono stato volontario nelle forze armate per un anno, se faccio domanda di disoccupazione, ho diritto a percepirla?…

Risposta. Non in questo caso non c’è diritto alla prestazione di disoccupazione.

egregio signor Romano  le espongo il mio caso: assunta il 07/01/2005 a tempo indeterminato e licenziata il 31/07/08. Ho chiesto la disoccupazione ordinaria e mi e’ stata accordata dal 01/08/2008. Tuttora sono disoccupata. Mi hanno consigliato di richiedere anche quella con requisiti ridotti ma mi e’ stata respinta con i seguenti motivi: ”IL CALCOLO EFFETTUATO IN BASE ALLA LEGGE N. 160 DEL 20/05/1988 NON HA PRODOTTO ALCUNA GIORNATA INDENNIZZABILE.” Non ho capito cosa significa. Secondo lei ho diritto o no alla DRR? la ringrazio infinitamente se vorrà rispondermi. mery27 MERY

Risposta. La disoccupazione a requisiti ridotti viene erogata solo per i lavoratori che hanno svolto almeno 78 giornate di lavoro subordinato, le giornate indennizzate dalla disoccupazione ordinaria non sono valide.

Per Mary che mi chiede se “chi lavora dal primo settembre al 30 giugno annualmente”, (di fatto) puo’ fare domanda, la risposta è si: è quella ordinaria (si ha i requisiti ridotti).

Cash for trash o “persone da spazzare”?

operai-indesitIl mio pensiero va ancora una volta all’Indesit; ad essa e ai suoi lavoratori sono dedicati numerosi articoli dei giornali di ieri. Liberazione e il Manifesto su tutti. Liberazione: “Prosegue la lotta, ma la chiusura è vicina. Ferrero: Errore del partito interclassista”; “Indesit, il Pd impantanato sulla delocalizzazione”. Entrambi gli articoli, di Fabio Sebastiani e Maurizio Pagliassotti, indicano, evidenziano le contraddizioni dei deputati Pd, (con il Pd e con i lavoratori, ma nello stesso tempo, colleghi di una “proprietaria dell’azienda”) e della forte conflittualità espressa con i picchetti da parte degli operai Indesit. Ferrero e altri di Rifondazione Comunista erano presenti ieri (ndr 23 marzo) davanti ai cancelli della fabbrica. “L’idea del partito interclassista è una cazzata” (Ferrero). Il Manifesto, titolava “La Regione avverte: se l’azienda chiude perderà il capitale investito”. (Sara Farolfi).
Nel frattempo si scopre che a Torino e in Piemonte sempre più gente non riesce a pagare l’affitto e che altre aziende sono sempre più in crisi. E’ di ieri anche una comunicazione di un collega della Denso di Poirino il quale mi dice che presumibilmente a maggio ci saranno 70 persone in mobilità. Come e chi, ancora non me lo ha riferito. Approfondirò.

Foto della manifestazione Indesit del 20 marzo 2009 a Torino

Se qualcuno gioca con noi come a monopoli

bipolarismo-affariQuesta mattina, uscendo da casa e sfogliando velocemente i giornali,  un termine in particolare ha suscitato in me forte attenzione: “raddoppio”. Il termine era riferito ad un titolo che aveva come oggetto i precari. “Precari, raddoppio indennità. Cgil: elemosina.  E Sacconi scuote i giovani: c’è la crisi, accettate anche i lavori umili. Subito la memoria corre ad un messaggio lasciatomi dall’amica Barbara, dove ci parliamo della potenza dei media, e, un’altra riflessione apre la strada al mio modesto ragionamento. Che differenza ci sarà tra i seguenti termini: aumentare, accrescere, incrementare e raddoppiare? Proprio da quest’ultimo termine prende avvio un auspicio, che l’entità delle somme rivolte ai giovani potrebbero essere consistenti: “Rendere doppio”. Ma un conto è raddoppiare uno, un conto è raddoppiare dieci.  Il raddoppio previsto è davvero scarso. Non po tendo scorrere il contenuto dell’articolo decido di acquistare ulteriori giornali. Liberazione: “Precari disoccupati; arriva l’aiutino. Pochi soldi in più ai co.co.pro, ma il 90% degli atipici resterà senza sostegno” (articolo di Roberto Farneti). Con questo titolo, pur non entrando nel merito, mi pare di aver già capito tutto. (Sempre molto chiara Liberazione! Complimenti a tutti i giornalisti). Un articolo che fa il paio con un altro di Castalda Musacchio: “Ires Cgil: la precarietà è donna. Siamo lontani dal modello Europa”.  Il contenuto, a mio modo di vedere, si inserisce pienamente nella scia “propagandistica”. Propaganda: “attività rivolta a diffondere nell’opinione pubblica determinate idee….”. Perché propaganda? Perché dopo giorni e giorni che si è parlato di ronde, di provvedimenti sugli immigrati, di “probabile aumento di superficie edificabile”, di chi propone “un aumento percentuale   (“tassandoli”)sui personaggi più ricchi, al fine di aiutare i più poveri, arriva un provvedimento sui precari. Il contenuto consiste nel “raddoppiare per tutti i disoccupati ora, l’indennità di disoccupazione per i collaboratori a progetto con un solo committente; per il Nidil Cgil sono circa 80 mila i co.co.pro. con “un committente”, cioè un unico datore di lavoro con un guadagno riferito all’anno scorso tra “5 mila e 13.800″ euro che abbia operato in un’area di crisi e avere tra i tre ed i dieci mesi di versamenti”: in conclusione del sussidio potrà usufruire solo il 10% degli 800.000 interessati “. Fino a ieri l’indennità per i co.co.pro. rimasti disoccupati valeva il 10% di quanto guadagnato nell’anno precedente fino al limite di 1.300 euro: ora la soglia massima salirà a 2.600 euro“. Ora non è tutto più chiaro?

Come si vede, con l’aiuto di Liberazione, si capisce meglio quanti pochi siano i soggetti “beneficiati” da questo provvedimento; e come si arricchiranno ovviamente.

Ma un’altra cosa che mi ha fatto pensare è che negli articoli veniva riportata un’esortazione del Ministro Sacconi rivolta ai giovani, quella cioè di accettare qualsiasi tipo di lavoro: un giorno incrementerà le possibilità di trovare lavoro perché “abbellirà il nostro curriculum”. Già, già, mi pare che non stia leggendo attentamente la realtà, dove ci sono Ingegneri che guadagnano 1000 euro al mese, e lavorano come assistenti tecnici nelle scuole, con la possibilità, reale, di cambiare scuola nel corso dell’anno, con un affitto da pagare, (a Torino la media è stata calcolata in 650 euro di affitto) perché il mutuo non possono permetterselo perché il contratto a tempo determinato non te lo permette, le banche non ti si filano proprio; che esistono certi Laureati in Scienze Politiche Specialistica che fanno gli operai o i collaboratori scolastici e altre storie ancora). E qualcun altro, che scrive che gli “stipendi crescono più dell’inflazione”. Io vorrei chiedere se si è tenuto conto che da settembre molti sono collocati in cassa integrazione.

antiusuraVorrei solo ricordare ancora una volta alcuni numeri: “25% è l’incremento della povertà; 50.000 i poveri nella città; il 20% di questi appartenevano alla middle class; il 10% non ce la fa più con il mutuo; che gli operai, sempre più spesso si recano presso “gli strozzini” o “cravattari” perchè non hanno più un euro per respirare, e che la sola verità è l’istituzione da parte dela Fiom di uno sportello per aiutarli, oltre ad un’altra attività messa in piedi sempre dalla Fiom, della vendita di un paniere di prodotti alimentari; 28.000 sono in mobilità; 125.000 i contratti in scadenza; che le “tessere di debito” (o i famosi quaderni dei lattai o dei panettieri di una volta, sono rientrati a tutti gli effetti di moda”. Potrei continuare, ma è meglio fermarsi. Si è tanto criticato, chi vende il pane ad un euro, chi il paniere, chi altre forme di solidarietà. Questo “raddoppio”, invece? Ricordo ancora una volta che su Liberazione di mercoledì 11 marzo un articolo di Fabio Sebastiani citava: “Occupazione in caduta libera nel nostro Paese. Ben 117 mila “senza lavoro” in più a febbraio 2009 rispetto allo stesso mese 2008. In pratica, stando a quanto comunica l’Inps tra gennaio e febbraio 2009, 370.561 lavoratori hanno perso il posto di lavoro e hanno presentato la domanda di indennità; il 46,13% in più rispetto a dodici mesi fa”.  Fenomeno che si lega con l’articolo di oggi di Castalda Musacchio sempre di Liberazione: “Il fenomeno della precarietà è una questione altamente complessa. Negli ultimi anni, questa è aumentata in modo crescente di circa il 18% per le donne e del 13% per gli uomini”. La precarietà quindi è fortemente “donna”. compriamo-liberazione-giornaleUn dato che mi era sembrato interessante, e per cui, ribadisco con forza che il movimento operaio, il movimento dei lavoratori in genere, non deve dividersi, ma cercare il vero antagonista, è che, mentre tutti noi, non riusciamo a raggiungere la terza settimana ( e molti neanche un giorno), i dieci più ricchi del mondo, poverini, hanno visto assottigliarsi paurosamente il proprio patrimonio, che nel complesso rimane (la somma) pari al pil di Paesi come l’Irlanda o Israele!!! Italia, un Paese che anche nelle classifiche Ocse la voragine tra la fascia delle persone ricche e quelle povere è in progressivo aumento. La distanza fra i ricchi e i poveri si è ampliata arrivando al 33% contro una media Ocse del12%. Fanno peggio solo stati come Messico, Turchia, Portogallo, Polonia e Usa. Per non parlare poi, se il dado e la fortuna del gioco “monopoli” si sofferma in “case ed alberghi”: si vogliono aumentare le superfici delle case e non si pensa alle scuole. Il Manifesto oggi, dice che il 55,6% degli istituti è stato costruito prima del 1974 e il 38,1% ha urgenti necessità di manutenzione. Il certificato di agibilità statica? Per la metà delle scuole è un miraggio”. Io aggiungo che mancano anche i locali per i ragazzi disabili che spesso stazionano in corridoio sul banco del “bidello”; o certe scuole, che potrebbero far rispolverare certi vecchi articoli come “la scuola in roulotte”.  O, altre ancora che applicheranno i turni pur di far stare i ragazzi. Per non parlare poi se il dado del gioco si ferma a “stazioni”: Freccia “rotta” continua a lasciare a casa i pendolari.

Il Manifesto, con Antonio Sciotto oggi titola: “Precari, raddoppia l’elemosina; Cgil critica: lo avrà solo un atipico su 10. Pd e Udc: aiutino inadeguato”.

Uno fra i tanti commenti, dell’articolo più gettonato in questo blog, che mi lascia disarmato è quello di Giuliana in quanto non vi sono risposte che l’organizzazione del welfare state di quest’Italia sappia dare:

giuliana

signor romano ho lavorato dal 2006 al 2007 con un contratto a progetto, vedendo la mia prima busta i datori hanno messo come anno di asssunzione il 2007…cosa posso fare?
sono sola nn ho alcun reddito e nemmeno i genitori…possibile che nn mi spetta nulla??in questi 2 anni ho lavorato a nero
xche’ mai nessuno mi ha voluta segnare in regola all’epoca 32 anni oggi 34…sono disperata cosa posso fare???”

Disarmato, ma con una risposta che prendo a prestito dal manifesto di rifondazione comunista: “Basta con il bipolarismo degli affari“.

«Manuale di autodifesa dai contratti separati»

Nanni Alleva Docente di Diritto del Lavoro

«Manuale di autodifesa dai contratti separati»

Fabio Sebastiani

Professor Alleva, dopo la firma sull’accordo separato lei ha scritto che la disobbedienza è possibile. In cosa consiste?

immagine501Siamo stati abituati per decenni al concetto di “o mangi questa minestra o salti dalla finestra”, che sostanzialmente è un ricatto. Una volta che il contratto era stato firmato comunque si applicava a tutti di fatto. Anche se teoricamente è sempre stato possibile per il lavoratore opporre il rifiuto in virtù della non appartenenza ad uno dei sindacati firmatari. La conseguenza di questa posizione, sempre in linea teorica sarebbe che non si potrebbe godere della parte positiva del contratto.

E qui arriviamo al punto critico, nel senso che in questo accordo non sembrano esserci positività.

Arriva il momento in cui i contenuti negativi degli accordi separati superano di molto i postivi, soprattutto nella parte economica.

Concretamente come ci si oppone all’accordo separato?

Uno può sempre sostenere che per lui continua a vigere il contratto precedente. Per quello che riguarderebbe il profilo economico la retribuzione del lavoratore dipende anche dall’articolo 37 della Costituzione. La formula è dichiarare l’adesione al vecchio contratto perché il nuovo “non mi riguarda” e, peraltro, si può sempre far presente che essendo passata molta acqua sotto i ponti il salario non è più adeguato e quindi si è legittimamente autorizzati, in nome della Costituzione, a chiedere un aumento anche maggiore di quello che il contratto collettivo firmato separatamente ha dato.

Si tratta di un percorso di carte bollate e magistrati?

E’ un percorso che arriva davanti al giudice, certo. Nella parte negativa non ti faccio la domenica, è difesa pura individuale attraverso il rifiuto. Il problema sono i miglioramenti economici che si possono pretendere appoggiandosi alla Costituzione e davanti al magistrato.

Comunque gli aumenti dell’accordo separato saranno contestati.

Se te li mettono comunque in busta paga per contestarti il rifiuto delle altre parti dell’accordo separato, bisogna mandare una raccomandata in cui si dichiara di trattenere l’importo come anticipo per la maggior somma “che mi è comunque dovuta per l’articolo 37 della Costituzione”. In questo modo si mettono le mani avanti. La lotta può essere condotta in modo collettivo. E’ proprio il fatto collettivo che li mette in crisi.

Lei sostiene che anche per quanto riguarda la precarietà è possibile una via giuridica.

Questa crisi la stanno pagando pesantissimamente i precari. Ma occorre dire che nove contratti precari su dieci sono illegittimi. Non ho mai perso una causa che riguardasse i precari. Sono tutti abusivi nonostante la legge Biagi. La gente che sta a casa disperata perché ha perso il lavoro precario dovrebbe sapere che è già stabile e potrebbe fare una causa vittoriosa. Sul contratto a termine la temporaneità della causale non c’è quasi mai, per esempio. E non vengono neanche più specificate. Questi contratti sono tutti a tempo indeterminato. La stessa cosa vale per i contratti di lavoro interinale che devono avere anch’essi una causale temporanea. Sono usati come una sorta di patti di prova. L’esigenza deve essere temporanea e me lo devono dimostrare gli imprenditori. Quasi mai il datore di lavoro riesce a passare questa prova. Sul lavoro a progetto è uscita una sentenza importantissima della Corte Costituzionale che dice che non sussiste quando manca il progetto, e il progetto manca sempre. Non è che c’è una mera presunzione di subordinazione evincibile, come sostengono alcuni, ma c’è un vero e proprio divieto di collaborazione. E quindi c’è la trasformazione automatica. Così via per gli altri tipi. Attaccarli è molto facile. Ho in mente di aprire un “forum precario” on line in cui i precari mi possono mandare una scheda sulla loro condizione così si può valutare se è possibile la via legale. I contratti separati e la precarietà non sono un destino.

Vale anche per la pubblica amministrazione?

Nel caso della pubblica amministrazione vale con alcuni distinguo perché nel pubblico pubblico ci deve essere, per quanto riguarda la rappresentatività sindacale, una maggioranza misurata e certificata. Per quello che riguarda i precari, invece, la trasformazione viene vietata dalla legge con una ingiustizia clamorosa, però si possono chiedere retribuzioni arretrate e un danno per ingiusto precariato.

Fonte: Liberazione 13/02/2009  manuale-autodifesa

Fiom e Fp Cgil: «Quell’accordo è illegittimo. Sarà sciopero»

Fiom e Fp Cgil: «Quell’accordo è illegittimo. Sarà sciopero»

di Fabio Sebastiani

su Liberazione del 27/01/2009

Crisi e modello contrattuale, confermata la giornata di lotta del 13 febbraio

E’ nato pochi giorni fa, e ha già un sacco di problemi. L’accordo separato sul modello di contrattazione ieri è stato impallinato da Fiom e Funzione pubblica/Cgil che nel presentare lo sciopero generale del 13 febbraio (con manifestazione che terminerà in piazza San Giovanni) lo definiscono illegittimo, dal punto di vista costituzionale, e quindi non vincolante. Come se non bastasse, anche l’Abi ha fatto sapere che il testo firmato a palazzo Chigi senza la Cgil non va bene. Intanto, è guerra di cifre tra Cgil e Centro studi della Confindustria.
Secondo viale dell’Astronomia, i calcoli della Cgil, che applicando il “nuovo modello” aveva riscontrato una perdita secca in busta paga di 1.350 euro l’anno, sono sbagliati: dal 2009 al 2011 ci sarà, invece, un aumento di 2.523 euro. La differenza è facilmente imputabile ai riferimenti temporali. no-accordo-taglia-salari
La Cgil prende in esame il periodo dal 2004 al 2008, mentre la Confindustria no. Un dato, però, è comune. «Se si fosse applicata l’inflazione depurata dalla componente energetica, prevista con la nuova intesa – sottolinea Agostino Megale, segretario nazionale della Cgil – nel periodo 2004-2008, senza mai recuperare quella reale, i contratti avrebbero recuperato 2,5 punti in meno di inflazione (8,9% con i nuovi calcoli, contro l’11,4% osservato effettivamente, secondo di dati di Confindustria) pari a una perdita di 45 euro mensili nelle retribuzioni contrattuali».
Tornando alla risposta all’accordo separato di Fiom e Fp-Cgil, il segretario generale delle tute blu Gianni Rinaldini ha insistito molto sul concetto di rappresentanza. La Fiom ha già subito un paio di accordi separati. E il problema l’ha risolto stilando unitariamente una serie di regole che subordinano sia la piattaforma che l’ipotesi di accordo all’approvazione dei lavoratori. «Siamo la maggioranza assoluta – ha detto Rinaldini nel corso della conferenza stampa in Corso d’Italia – non ci sentiamo vincolati a nulla, per noi sia a livello aziendale, sia a livello nazionale l’accordo sulla riforma dei contratti non esiste se non sarà approvato dai lavoratori». Nel settore pubblico, ha sottolineato Podda, «dobbiamo chiudere ancora il contratto sul biennio precedente e per questo le nuove regole non valgono. Non dò per scontato che faremo una piattaforma separata: proporrò a Cisl e Uil di fare una piattaforma unitaria che non tenga conto dell’accordo poi vedremo la risposta e se saremo costretti a fare un accordo separato». In caso di piattaforma separata nel pubblico impiego, ha spiegato Podda, «come riferimento quello che è scritto nella piattaforma unitaria sulla riforma dei contratti (presentata a Milano un anno fa, ndr ) e cioè l’inflazione più vicina possibile a quella reale con la valorizzazione del salario nazionale e un integrativo più estensivo rispetto all’attuale». Rimango affezionato alla piattaforma unitaria», ha aggiunto Podda. Secondo il segretario generale della Fiom, «un accordo separato sulla riforma dei contratti è inconcepibile. Un accordo separato è destinato a far crescere le tensioni sociali». Senza contare il boom della cassa integrazione tra i metalmeccanici e i centomila precari che saranno messi fuori dalla pubblica amministrazione a partire da giugno. Secondo i dati forniti dalla Fiom, nel settore si registra un +1.000% nel 2008 rispetto all’anno precedente. Con la cassa integrazione, ha sottolineato Rinaldini, i lavoratori «in realtà percepiscono tra il 50 e il 60% della retribuzione». 13-febbraio-2009-sciopero
Lo sciopero del 13 febbraio, hanno spiegato Rinaldini e Podda, vuole dimostrare che i lavoratori pubblici e i lavoratori privati non sono dilaniati così come qualcuno sostiene. Lo sciopero, hanno ricordato i sindacalisti, era stato deciso prima di quello generale del 12 dicembre indetto dalla Cgil e ne fu decisa la sospensione dopo la presentazione della piattaforma della Cgil per una politica anticrisi. «Lo sciopero – ha spiegato Podda – è a sostegno della continuità del rapporto di lavoro, è un no ai licenziamenti. Chiediamo misure fiscali sul contratto nazionale, non su quello di secondo livello destinato a diminuire in un periodo di crisi, con drenaggio fiscale e revisioni delle detrazioni fiscali». Anche se «gli scioperi in questa fase sono un sacrificio pesante», come sottolinea il segretario generale della Fiom, sono «necessari perché di fronte a una situazione drammatica dal punto di vista sociale, Governo e Confindustria utilizzano questa fase d’emergenza per fare una vera e propria aggressione: l’intesa separata sulla riforma del contratto è un atto di aggressione alla democrazia e alla costituzione democratica del Paese».