Archivi tag: Cnos

Primo giorno di scuola

torino-23-6-2016-foto-borrelli-romanoE alla fine,   ma che poi è  l’inizio,  “scuola aperta”. Tutti  dentro. Terminata la lunga pausa estiva,  riappaiono loro,  i protagonisti di questo lungo viaggio che si chiama anno scolastico. Penso che tutte le emozioni base fossero presenti all’interno dell’edificio scolastico,  sulle scale,  prima del suono delle due campanelli,  sull’uscio. Un blocchetto,  visi nuovi e gia’ conosciuti,  mischiati,  confidenze che prendono l’avvio ed esperienze condivise. Una seconda,  una quarta,  una terza,  una seconda. Un blocco,  una penna,  un foglio. In classe una giapponesina si presenta. Si racconta e parla. Pronuncia qualche parola,  incomprensibile,  tra la curiosita’ dei compagni. Che la sollecitano:”e questo come si dice? E il mio nome come si scrive? ” E’ un bell’inizio. Anche trovare le parole,  non è  stato semplice,  poi,  una dopo l’altra hanno trovato il loro corso e hanno cominciato a rimetterle insieme,  a comporre frasi,  musica, a formare ponti. I primi. Ci sarà  tempo,  per altri.  Tra le cose su cui mi piace riflettere è  l’aver trovato in classe i ragazzi con cui siamo stati qui,  in uscita didattica in questa circoscrizione, la sette,  la mia (ma si parla ancora di circoscrizioni? ) in terra di Valdocco.  Il volontariato,  la pastorale migranti,  la formazione al lavoro al tempo di d. Bosco e l’800. La cura e l’assistenza: comunita’,  responsabilita’,  ospitalita’. Alcuni mesi fa,  che era l’altro anno scolastico. Che era una terza e non la quarta di oggi. Forse per via del gioco espresso insieme,  quello stesso gioco su di un campo,  un tempo spelacchiato,  quando avevo la loro eta’,  con la brecciolina, a terra e fra le ginocchia,  quando cadevi,  le buche,  i primi “filarini” nelle partite miste,   quelli banali e quelli piu consistenti, poi,  piu’ grande,  che non avevano mai termine,  come le partite e quelle frasi “smozzicate” in area di rigore,  sul finire del tempo: “Come sorridi tu non sorride nessuno”. Rallenty e gioco fermo,  per noi e tutti gli altri a guardare. Non so se sia stato questo ricordo o quella partita disputata con loro,  insieme a loro, che ha riacceso,  di come e’ stato e cosa e’ stato ed e’ Valdocco,  o il fatto di aver mangiato  un panino con loro,  rendendoci compagni,  a prescindere dalle differenze,  ma questa mattina,  loro,  quei ragazzi,  hanno portato un pochino di luce,  nella luce. La loro. Si,  certo che sono bellissimi. Come dicono in molti che li hanno visti. E allora,  pronti,  via. Fischio d’inizio. Passione,  felicita’,  responsabilita’,  educazione,  ospitalita’: in fila.

Last day

Torino 29 7 2015.foto Borrelli RomanoTempo lento, tempi lenti.Poi, vacanze.Tempo dilatato, tempo sospeso, vuoto e un progetto con cui riempire. Treno, sole, mare, natura, sali, scendi, su e giu’ natura e viaggiare con gli occhi. Fra poco, dopo le 7 ore e 12 di lavoro ci pensero’. O mettero’ in pratica.

Ultime “spolverate”  (come zucchero a velo sul pandoro come carta assorbente per pulire) di ricordi indelebili come pennarelli utilizzati dai ragazzi che scoperchiano (in modo sbagliato: poveri collaboratori scolastici) il proprio stato d’animo:  sentimenti “segnati” ai posteri sui banchi che raccolgono, hanno raccolto e raccoglieranno,  5 anni di “briciole” vere e di vita. Banco da lavoro, banco di studio, banco per una frugale e veloce merenda. “Annuso” ancora per qualche ora e poi trarrò  le conclusioni…”copio e incollo” a memoria qualche “traccia” di tema, spicciola, “da banco”.

Il fiume, a due passi,  “sbatacchia”  qualche residuo di ramo  proveniente dai monti… Oggi l’orologio corre e l’occhio  osserva e vuole la sua parte…e di occhiata in occhiata una scorre sul cellulare in attesa di un “drin” ….e una alla mail. Un “cittadino” torinese ha apprezzato “il traguardo” della laurea, tempi e modi. Tempi brevi e “al lavoro” come il titolo della tesi…”la formazione al lavoro…”. Modo: ottenuta lavorando. Modo, mi permetto di aggiungere ancora ( se mi permettono), senza mai avere una cattedra prima del titolo. ..

L’orologio segna la meta’ della giornata lavorativa….Il.cielo è coperto di nuvole ma le coperte non sono mai “troppo abbastanza”….Un pallone sale nell’aria e gli scrittori a due passi da qui roteano penne. Poi, il tempo solo di un sorso d”acqua e un caffè….” prima della ripresa del lavoro: “tu  se puoi donami un sorso del tuo sorriso”…dal banco, “senza barista” e “scrittore” (autore del “pensiero-tema)…

Da qui ad ora una radio accesa “nella mia testa” canta i Pooh…”la mia donna….”  e  un tempo migliore proprio ora che non è più la sua donna; mi alzo…..un sopralluogo ed  un saluto là dove prima dei temi c’erano persone…..

H. 15. 15:  è terminata. Se fosse una canzone sarebbe….”Bye bye love, bye bye happiness.Hello loneliness think I ‘ m gonna cry..Bye bye love bye bye sweet caress Hello emptiness…”

Ciao “love“…è finita…e sono felice….e vorrei lo fossi un po’ con me….

Ciao ciao ciao a tutt* i ragazz*.che ho incontrato e conosciuto.un abbraccio.

Scrivo nell’aria, senza nuocere a banchi e collaboratori scolastici: “Sono stato qui”.

Buone vacanze!