Archivi tag: Charles Dickens

Giulia, la sua calza e Giuseppe il veneziano

  • torino-6-1-2017-foto-borrelli-romanoNella calza della Befana,  Torino ha trovato numeri in grande,  e cosi, tutti in coda,  alla grande,  chi a guardare,  chi a comprare,  chi a sognare: 50-70 per cento. I saldi son tornati. I soldi,  mica tanto.  Quelli spesi (chi li aveva faticosamente  risparmiati e negli anni attinto) e quelli no,  perche’ semplicemente mai entrati. Spesso i conti non tornano. Numeri da tombola. Quanto sarà la spesa media per ciascun torinese? 100-200 euro, ma molto… dipende. Dal gelo,  che picchia l’economia ed è  pungente da un po’ su quasi tutto il territorio nazionale.  Imperversano freddo, neve e ghiaccio e i soldi non sono molti. L’ultimo giorno di vacanza ha conosciuto il suo dolce e qualche fortunato avra’ avuto il giusto premio con la sua fava. Calza dolce e dolce far niente   “consumato” comodamente nella lettura del libro “Canto di Natale”,  scritto da Charles Dickens,  in previsione del “rientro”. Fantasma,  spettri,  Natale del passato,  del presente e del futuro. Un viaggio,  librati sulle miserie umane,  dove le lontananze dall’ascolto, dall’ empatia,  dalla simpatia umana, solidarieta’,  sincerita’,  generosita’ appaiono ancora piu evidenti e gli uomini distanti. Concentrati su di se’ fino alla possibile redenzione. Un bellissimo libro,  di condanna e di speranza. Di condanna all’egoismo,  avarizia,  individualismo. Speranza di un cambiamento. Di redenzione. Di viaggio. Di meraviglia che poi è  il saper rinascere ogni giorno davanti ad ogni bellezza.  Un mondo diverso è  possibile,  insomma. Quattro passi fino alla fermata metro Principi D’Acaja,  dove una Giulia ha affisso un biglietto indirizzato ad un tal Giuseppe di Venezia.  Il biglietto ha inoltre un disegno,  una gondola,  che “trasporta la richiesta” di un incontro. Possibile. Anche Giulia sulla gondola dei sentimenti lancia e rilancia  un Sos:tutti i mesi in un quel giorno sara’ in tal posto. È  una nuova riedizione della storia di Diego e Marilisa? Allora porgo un assist al quotidiano torinese chiedendo di occuparsi della storia: chissà  se questo incontro andrà  in porto. Anche Giulia nella sua calza torinese vorrebbe trovare un veneziano: Giuseppe. Nuovi “canti di Natale”,  presenti e futuri,  viaggiano in metro.