Archivi tag: Cappella Sistina

Arazzi di Raffaello in Cappella Sistina

20200222_170244Non volevo perdermi, a nessun costo, l’esposizione degli arazzi egli Atti degli Apostoli con le storie di San Pietro e Paolo di Raffaello, in Cappella Sistina, per celebrare i 500 anni della morte dell’artista Urbinate. Raffaello ne realizzò  i cartoni poi spediti a Bruxelles per la realizzazione, giunti poi in Vaticano tra il 1519 ed il 1521. Ma la storia da raccontare sarebbe troppo lunga e forse complessa (Come è  risaputo, non sono permesse foto).

20200222_165918Pochi giorni di esposizione degli Arazzi nel luogo simbolo della Cristianità, la Cappella Sistina,  e per nulla al mondo avrei voluto perdere questa occasione. Così, dopo una maxi coda e attesa per entrarvi il tempo è  stato ingannato nell’ascoltare  una babele di lingue e una altrettanto babele di amuchina  formati globalizzazione. Ma il  tempo passa velocemente, anzi,  ressa e confusione che si trovano anche all’interno  del museo, per  ogni opera d’arte non permettonoquella giusta dose di concentrazione per collocarsi mentalmente nella dimensione storica di quel tempo. Pochi minuti, certo, ma ogni volta scopro elementi nuovi, dal Giudizio Universale alla Creazione. E del Perugino, del Botticelli…

Un salto nella Pinacoteca mi permette poi di ascoltare, data la confusione e la ristrettezza, più voci di guide che rappresentano un sussidio non richiesto ma di grande aiuto.

Musei Vaticani

Roma, h.7.45, metro, direzione Battistini. Fermata: Cipro, Musei Vaticani.

H.8.00 Musei Vaticani. Pensavo di essere uno dei primi, questa mattina, alle 8, e invece…E invece è  successo che non soltanto in molti, avevano fatto lo stesso mio ragionamento, e quindi, in coda per accedere ai Musei Vaticani eravamo davvero TANTISSIMI, ma, sulla corsia di destra eravamo ripetutamente sorpassati da chi la prenotazione l’aveva fatta su… internet! Sembrava di essere sull’autostrada, io, una piccola panda superato da altre cilindrate. Per fortuna avevo portato da leggere, non uno, ma due quotidiani, cosi, tanto per…Nel frattempo, intorno, si creava un bazar ad itinere: c’era chi cercava di vendere di tutto: acqua gelata a due euro, biglietti supera code, biglietti senza supera coda, guide di Roma, biglietti di ogni tipo,  barzellette per intrattenere…Poi, qualche poliziotto o vigile ripristinava lo status quo. Ma erano solo momenti. La fila era lunghissima e controllare tutto è  davvero non facile. Sulla destra intanto correvano quelli col “telepass”. E non uno, ma…altre folle oceaniche muniti di lascia pasdare stampato. Beati loro, ho pensato. Come che sia, raggiungo il portone d’ingresso dei  musei alle 9 e 15. Biglietto, audioguida e pinacoteca il primo obiettivo. Si, d’accordo, c’ero già stato, ma, come si fa a non tornare, magari esigendo da se stessi più attenzione, magari muniti di penna e blocchetto? E poi, l’arte, davvero non ha prezzo. Perché così mi sono palesato questa volta, munito di tutto punto. Giotto, e il trittico, Perugino, Raffaello, Caravaggio…e giu con appunti. Alle 12, come da scuola, intervallo, un caffè,  veloce, ecologico (presumo bicchiere di carta paletta riciclabili, e allo stesso tempo, un pochino “amaro”: si, un euro e 20 mi è  sembrato davvero…ripeto, l’arte non ha prezzo, ma questo, con l’arte poco ha a che fare!). Restiamo in tema, dopo il caffè   andato “di traverso” via verso tutte le altre bellezze qui presenti per approdare poi alle stanze di Raffaello, le stanze dei Borgia con i capolavori del Pinturicchio, il pittore appunto dei  Borgia, (queste mi erano “scappate” nelle altre visite, eppure avevo interesse a vedere la ragazza dalle sembianze di Lucrezia Borgia e la Madonna col viso, si dice, di Giulia Farnese, e ovviamente, Alessandro VI Borgia e suo figlio Cesare) e la stanza della segnatura di Raffaello, la Cappella Sistina. E qui si è  concluso il secondo tempo della visita. Meraviglia delle meraviglie. Trovato un posticino dove sedermi lo difendo con tutto me stesso per un’ora circa. Le figure rappresentate sulla parete dal grande Michelangelo nel suo Giudizio  sono 300 e per osservarle e studiarla davvero tutte occorre del tempo, tanto…Per trovare tempo?Bhe, qui si che si potrebbe lavorare…