Archivi tag: atrio stazione Torino Porta Nuova

Sapore di un bacio

Torino Porta Nuova18 12 2015.Foto Borrelli Romano“Massiiiii che son felice!”…di poter vivere in pieno le emozioni, i sentimenti, gli stili di vita quando i ragazz* te li comunicano e ti rendono partecipe della loro vita. E comprendi meglio quanto stia capitando nei momenti piu’ “dolci”, di convivialita’,  quando infili sotto i denti una fetta di panettone per scambiarsi gli auguri e nell’aria ormai Natale e’ alle porte. Diciamoci la verita’: “e’stata dura. Tre mesi e tot in cui alcune giornate sono state pesanti, faticose, e ci si demoralizza, e poi le incomprensioni, le regole da far rispettare e i no che si devono quando non si vorrebbero, l’altalena degli alti e bassi, gli umori, i giudizi ma poi… Poi ti consegnano i loro lavori, i loro desideri, aspirazioni da portare sull’albero, li leggi mentre li hai tra mani, come bimbi tra le braccia  e in quel momento comprendi  di quanto sia necessario per loro un punto di riferimento. Tutto il resto, non importa. Ti vedono rientrare , ti corrono incontro e domandano “prof. lo ha messo il mio lavoro sull’albero?” E tu rispondi si, e quando nei loro occhi spunta un dubbio, allunghi il cellulare e fai vefere la foto con i lavori a destinazione. E i loro occhi si illuminano e in quei pochi secondi capiscono di essere importanti davvero, che valgono, che meritano. Nell’ora di  “liberta’”  ho infilato velocemente il mio parka, fogli loro alla mano, due fermate di metro, Marconi, Porta Nuova, scala mobile ed eccomi al centro dell’atrio di Porta Nuova. Tempo zero e ho consegnato all’albero altri fogli, altri lavori.  Qui ne ho trovato uno che meriterebbe pagine e pagine di giornale: un ragazzo, una ragazza, frequentano la scuola, si amano, si promettono, dediderano …hanno le idee chiare. Salutano come facciamo spesso con un bacio stampato, sulla loro missiva.  Rientro, trafelato.  Ho il mio libro “La Ferocia”20151218_063207 sotto il braccio, appena ultimato in questo “pendolo” metropolitano:  giornalisti, medici, ingegneri, avvocati, giudici, fratelli e sorelle. Personaggi letti e riletti che li tieni ancora un pi’, con te, sotto braccio. Clara, in particolare. Alla fermata della metro Nizza un incidente particolare, a tratti curioso: un’auto per evitare altra auto ferma sulla careggiata (via Nizza) devia sulla destra distruggendo qualche sparti traffico. Nessun ferito. Solo paura. Per un passante che vedendo la  scena sviene e…l’autoambulanza, poverino,  sara’ per lui. Immagino la presenza di  un “galoppino” che tenra di recuperare informazioni tra i presenti che ingigantiscono e deformano  nel loro passaparola quanto visto e sentito, da altri.  Un “fotografo” scatta, probabilmente per il giorno dopo, per la carta o per la “faccia”: libro. Per la carita’, meglio il mio lavoro. Le vivo, le emozioni. Non consumo. Penso: “ah come sono felice di questo mio lavoro. I ragazzi  sono tutto, anche nelle loro contraddizioni”. In fondo hanno sempre il sapore di un…bacio. Anche sulla carta. Non li dimentichi.

Torino…Porta Nuova della felicità

Torino 8 dicembre 2014. Dopo aver assistito “all’abbassamento” della casella in Piazza Castello mi muovo, a bassa velocità.Torino 8 dicembre 2014, Piazza Castello, Presepe, foto, Romano Borrelli  Atrio della Stazione di Torino Porta Nuova. Mi pare appropriato dare il titolo, Torino, Porta Nuova della felicità. Ho raccolto qualche biglietto (dopo aver “depositato il mio”), i più significativi, almeno per me, esposti sull’albero, da torinesi di passaggio, che vivono questo “non luogo”, anche se a me, lo sembra eccome. Ne raccolgo e condivido uno, che profuma di attesa, come l’Avvento (ne ho letti un po’ e prometto prima o poi di condividerli, ma questa sera, voglio lasciare aperta la porta, anzi, la Porta alla felicità. Meglio, una Porta Nuova, della felicità). Ha il profumo di strada ferrata che accorcia e avvicina le distanze, di sentimento, affetto e di una storia. Forse sa di mare, di Sud. Chi lo sa. Più di mille km ci dicono qualcosa. Ci narrano, probabilmente, libera interpretazione, una storia grande.Torino 8 dicembre 2014, Porta Nuova, albero. Foto, Romano Borrelli Molto, per chi vuole.  Che sa di eroi, di magia, di amore. Che attraversa una Porta, e da una delle porte di Porta Nuova, ti fa vedere un mondo, dopo avertelo fatto sognare. Attraversata la strada, anzi, il corso, Vittorio Emanuele II (tutte le grandi città hanno un corso con tale nome) intravedi le luci di via Roma, verso piazza San Carlo. Immagini i suoi caffè, i suoi negozi, le luci, altre luci. D’Artista, e artisti nella vita che progettano e mettono in cantiere un grande incontro. Sulla facciata della stazione, un stella, le luci, una panchina, e seduta, la felicità. Non attende. Ha un nome, “Noi”. Non più, io, o tu, ma, noi.  Puo’ permettersi di lasciare andare il tram. Su quello della vita si è già saliti.  Forse sono gli stessi del biglietto. Passa un tram, verde. La Torino degli anni ’70. Frugo nelle tasche, alla ricerca di 100 lire. Sono ancora in tempo. Per la notturna non è ancora ora. Porta Nuova. Che bella sei , quando “dentro”  porti tanta felicità.Torino 8 dicembre 2014, Porta Nuova. Foto, Romano Borrelli (2)Torino 8 dicembre 2014, Porta Nuova, foto, Romano BorrelliTorino 8 dicembre 2014, Porta Nuova. Foto, Romano Borrelli (3)Torino 8 dicembre 2014, Atrio Porta Nuova, foto, Romano BorrelliTorino 8 dicembre 2014, Porta Nuova, foto Borrelli RomanoTorino 8 dicembre 2014, Porta Nuova. Foto, Romano Borrelli