Archivi tag: atrio Porta Nuova

Buon Natale

torino-25-dic-2015-foto-borrelli-romanoAnche l’ ultima casella del presepe posto in piazza Castello,  a Torino, è  “saltata”: torino-pzza-castello-25-12-16foto-borrelli-romano25 caselle aperte dal giorno in cui la Presidente della Camera Boldrini il primo dicembre inauguro’ l’accensione dell’albero. Buon Natale. Santa Messa a  mezzanotte in numerose Basiliche e Chiese torinesi come da tradizione.  Al termine della santa messa di mezzanotte,  per le strade adiacenti quelle, sembrava ancora giorno.  E cosi dalle parti di torino-25-12-2016-m-ausiliatrice-borrelli-romano-fMaria Ausiliatrice dove all’oratorio don Bosco c’e’ stato tempo anche per una fetta di panettone e un brindisi fra amici e “vecchie glorie”. torino-25-12-2016foto-borrelli-romano20161225_110329 Ovviamente dopo messa. Campane a festa,  “è  nato,  è  nato”.  In giornata poi,  in ogni casa si dava luogo a tornei interminabili di mascelle e alta cucina e giochi di gruppo rispolverati esattamente un anno dopo insieme a regole fai da te. Maratone di ogni tipo,  quindi e lunghe passeggiate,  nel pomeriggio a smaltire qualche etto di troppo e uno “struscio” a favore di una sfilata di capi d’abbigliamento nuovi di zecca.20161225_18360320161225_183845 Alla stazione gli ultimi ritardatari inoltravano la loro letterina a Babbo Natale e molti altri,  deposti i libri scartati  durante la notte,  (appena iniziati e lasciati a favore di altro), si dedicavano alla dolce lettura dei desideri piemontesi con un occhio a qualche vetrina “scandalosamente”aperta per le feste. C’era una volta “ricordati di santificare le feste”…

25-12-2016-foto-borrelli-romanoTanti auguri,  Buon Natale.

Grazie dei fiori, grazie

17 12 2015 To Porta Nuova foto Borrelli Romano.Mi piace l’idea che qualcuno sopra  o sotto l’albero nell’atrio di Torino Porta Nuova possa portare dei fiori, delle rose. “Il piu’ grande spettacolo dopo il big-bang”. L’idea mi e’ piaciuta, mi piace e mi ha letteralmente lasciato basito. Avrei abbracciato, pur non conoscendola, quella ragazza, piena di mistero e fascino allo stesso tempo. Albero di Natale. Un truipudio di lettere, auspici, auguri stanno lentamente rimpolpando l’albero di Porta Nuova, cosi magrolino, in tempo di ecnomia “ristretta”.  E i fiori, “consegnati” dalla giovane donna,  il loro profumo, insieme al suo,  inebriante, una vertigine, sul precipizio. Avevo nella cartellina i lavori dei ragazzi di prima superioreTorino 17 12 2015 foto Borrelli Romano.Porta Nuova che non potendosi muovere li hanno consegnati alsottoscritto, con l’impegno di lasciarli sul belvedere dei viaggiatori. Mi verrebbe voglia di leggere una poesia, qui, davanti a tutti:  ne sfoglio tante dal mio blocco, di Pascoli, Leopardi, Montale, ma una piega del blocco si sofferma “a Laura….”…osservo le movenze della ragazza “che al cor…” e penso…”grazie dei fiori”…un omaggio a quanti in un modo o nell’altro…viaggiano.

Lacci miei

20141203_091610Torino, 5 dicembre 2014. Atrio di Torino Porta Nuova. Immobile, davanti a questo albero,  in attesa di un qualche evento o semplicemente di una normalissima voce capace di ridestarci da quell’ avvitamento. Poche lettere e molte persone si celano dietro quelle scritture che hanno “scritturato” qualcuno o qualcosa o si apprestavano a scritturare. O meglio, ne chiedono l’intercessione, a Qualcuno, a Babbo Natale o magari a qualcun* che si trova li, per una “scrittura”. La voce, capace di ridestarmi da quel torpore, stentava ad arrivare, sia da fuori, che ne so, magari l’annuncio di un treno in arrivo, in partenza, un ritardo, il “materiale” non pronto, un cambio di binario per una partenza,  sia dal di dentro, una presa di coscienza che li,”stazionavo” soltanto.  Per riavvolgere un anno di film. O il film di un anno. Nulla.  La “sveglia”, o il risveglio,  me la forniscono i miei occhi. Una delle due scarpe era slacciata e tale continuava ad essere. Il tutto, o il così poco, era così da tempo, forse tanto, forse poco, mentre pensavo ai “lacci” miei. Mi chino e metto in ordine quel che divideva la mia storia, ammortizzata dalle scarpe, e quella del manto stradale, che conteneva storie di tutti, tanti, di una moltitudine.  Di oggi e di ieri. Di lacci miei che si intrecciavano ad altri. Lacci. Davanti a questo albero, sempre più magro, probabilmente la recessione si è fatta sentire anche per gli alberi, non riproponevo i soliti auspici, i soliti sogni. Elencavo quello raggiunto, e quello quasi raggiunto, anche con poca intesa. Un bar, una stazione, e caffè, della stazione,  un saluto, che pareva un arrivederci, un rientro e poche altre partenze. Un caffè, quello, molto espresso e parecchio amaro. Un fischio, le porte chiuse e geografia da ripetere. Molte le ripartenze. Storia e storie tra gli spartiti, in continua oscillazione con parole e musica  (anche se, meglio, musica e parole) da violoncello. In cima a questo albero che profuma di caffè espresso, oggi molto corretto, metterei volentieri questo blog che ha raggiunto l’età giusta viaggiare in  “prima classe”: sei anni, grembiule dello storico della domenica e qualche fiocco. Una sigla, di tanto in tanto, tra un “pezzo” e l’altro. Dopo aver accarezzato, albero e idea, recupero la strada del ritorno. Diretto verso altre classi, o meglio, tra altre e alte classi. Prima che la campanella suoni, recupero una sedia e un libro, appena comprato. Uno studente si avvicina. Ha la disinvoltura di chi voglia chiedere un gesso. Così, come fanno i ragazzi, per allungare i tempi di percorrenza di qualche piastrella, tra l’uscita e il rientro. In classe. Le formule, possono aspettare.  Penso subito voglia chiedermi una penna, di quelle che fanno “clac-clac”, che, anche se è presto, magari vuole sentire addosso la tensione da maturità. Con qualche centinaia di giorni di anticipo. Invece vuol sapere cosa leggo. Vorrei rispondergli semplicemente che quello che leggo sono “lacci miei”. Non lo faccio, semplicemente perché ogun* ha i suoi, di lacci. E io ho questo libro, tra le mani e tra una esistenza come tante, intrisa di lacci, un libro bellissimo, che ha per titolo, per l’appunto “Lacci”. Era da un po’ che la mia curiosità si muoveva tra lacci altrui. Da qualche giorno, a seconda delle possibilità, sfogliavo una pagina, due righe, dieci righe, di quelle “valanghe” senza preavviso e che di tanto in tanto esplodono nella testa. Mi aggiravo furtivamente tra le pieghe del libro e della libreria, sotto gli occhi vigili di altri lettori. Ognuno immerso tra i lacci propri e vogliosi di “farsi” anche quelli altrui, tra pieghe altre. Un vicino, potenziale compratore e lettore, mi fissa negli occhi e mi dice: “Potessi ne cederei volentieri qualcuno in prestito, e magari riprendermeli “sciolti”. Sempre isoliti “lacci”: imperfetti, improbabili, ma intrecciat  meglio. Alla fine, per tornare all’oggi, cedo. Come tante altre volte. Difficile essere orgogliosi ed egoisti. Con i libri. So che lascero’ volentieri solo i “Lacci”, di Domenico Starnone (Einaudi). A cosa penso? Che cosa lasciamo quando lasciamo qualcuno? Che cosa quando qualcuno ci lascia? Bhe, lasciatemelo dire, “lacci miei”. E poi…..20141206_190927

Una domanda post: maquanto devono essere allaciati questi benedetti lacci? Stretti stretti, da lasciarne il segno come un marchio nella carne, stretti a meta’, allentati, una si e l’altro no o uno si e l’altra no, evitati per trasformare il tutto a mo’ di ciabatte,  eliminati del tutto per lasciar posto alle cerniere con un colpo di zip….come?

Ps. Il mio pensiero volge al 6 dicembre 2007…Torino, 5 dicembre, corso Valdocco, foto, Romano BorrelliLi ricordiamo sempre. Tutta la città, unita, li ricorda.Torino, 5 dicembre 2014, corso Valdocco. Foto, Romano Borrelli

Torino dal sottosuolo

DSC00386La pioggia mattutina e i tuoni e  i lampi hanno avuto l’effetto di interrompere una buona lettura; il libro interrotto era “Un uso qualunque di te”, di Sara Rattaro. Interrotto, si, ma solo temporaneamente. Sull’asfalto di città, lungo il tragitto che quotidianamente si percorre tra l’abitazione e il lavoro, a terra, sono rimaste pozzanghere. Al mattino, la pioggia è stata davvero insistente. Un’abbondante precipitazione. I giochi di colore che si formavano in prossimità dei lampioni, lungo le strade, erano davvero gradevoli alla vista. Anche il suono, il tintinnio insistente delle gocce sull’ombrello, era gradevole. Gocce che si sono rivelate valide compagne di viaggio piacevoli da ascoltare tanto quanto la musica che proveniva dalle cuffiette.  Nel pomeriggio, musica senza cuffiette, per tutti, nel sottosuolo cittadino. Da Principi d’Acaja a Porta Nuova.  Se si è fortunati nel  trovare un posto libero, il piacere della lettura è assicurato. Tra una stazione e l’altra pensavo a quanto gradevole sarebbe avere dei distributori automatici contenenti libri. Non sarebbe male. Potrebbero essere, le stazioni della metro, delle mini-succursali delle biblioteche. Biblioteche in movimento. A portata di mano. Per una volta, nella “pancia”, finirebbe  la cultura. Per una sana e robusta…costituzione.Nella stazione Porta Nuova affiorano i ricordi. Dal sottosuolo. Ossimoro. Dove ora un lavoratore provvede al cambio dei cartelloni pubblicitari, inserendoli in una apposita vetrina, dopo aver archiviato secchio, colla e pennello, un tempo vi era il sottopasso. Una “manica” sotterranea che univa. Da li sotto si sentiva il rumore cel tram che transitavano su Corso Vittorio Emanuele ll. Tram che rumorosamente si apprestavano a fermarsi e tram che ripartivano. Rumorosamente. Appena sopra la testa. Diversamente da oggi, che le due “sponde” del corso Sono si unite ma in maniera davvero “internazionale”. Pochi gradini, e si confluiva tra le “braccia” di qualche negozietto. Altre volte, quel sottopasso, era il luogo d’incontro con la propria fidanzata. Forse complice la presenza di una di quelle cabine per le foto istantanee, al tempo in cui facebook non si sapeva ancora cosa fosse. Da li sotto, un anticipo di viaggio, anche solo sognato o immaginato, occhi incollati e persi tra i cartelloni gialli dell’atrio, “partenze“, era uno dei pochi modi per fantasticare vedendoci a passeggio tra le molte meravigllie cittadine del nostro Bel Paese. Poi lo sferragliare del tram ci riportava allaa realta’, fatta di libri, di “ragio” e partita doppia, di diritto ed economia. Il tempo per fantasticare era gia’ concluso. I bus 34 e 35 tornavano a “ripopolare” la zona sud di Torino dopo una giornata di lavoro. La parola Lingotto si impastava di molto: lavoro, turni, tute, catena di montaggio, scioperi a catena e margini di profitto da erodere al capitale, per stare tutti, tutte, indistintamente un pochino meglio. Era di un altro oro, quello operaio, purtroppo nel loro lavoro, poco apprezzato. Anzi. Eppure era una classe.

I capitoli, del libro, tra una  fermata e l’altra hanno portato il pensiero ad altro Capitolo, che lentamente si avvicina, da Roma. Quello che i Salesiani terranno qui, a Torino, sabato. Per l’elezione del successore di don Bosco.

DSC00388

DSC00387

L’attesa infinita

DSCN3780DSCN3736La giornata sotto la mole, ai piedi della Mole, volge al termine. Poche ore  e poi via all’operazione saldi anche nella nostra città. La città della Mole un po’ sotto-sopra, non solo per una storia romantica lasciata a metà, rimasta al chiuso dell’ascensore antonelliano. E’ Sotto-sopra per l’operazione Fiat nella speranza già auspicata che possano aprirsi spazi lavorativi per i tantissimi operai che del lavoro hanno bisogno. Insomma, abbiamo bisogno tutti di un brindisi. Non solo le borse.

Nei locali, intanto, si continua  a dipanare la storia che ormai è divenuta un ritmo…Perchè l’amore nasce da un dettaglio. Da un particolare. Al tavolo, ora sono in “diciotto”.  Il conto, al termine della serata, si paga in euro. Con qualche riferimento a Bill, parla di Bill che “entra” in metropolitana, come un uomo qualsiasi. Molto “normale”. Uomini, donne, personaggi che vivono nel quotidiano, e quel quotidiano è lo specchio del noi. Situazioni che ci appatengono. E forse, la maggior parte dei seduti a quel tavolo, preferirebbe non parlare della coda al bancomat, per le banconote nuove di zecca da avere subito, tra le mani, della festa in Lettonia, del brindisi  iniziato da poco per festeggiare l’evento.  No. La normalità è inscritta all’interno di storie come  quella di Veronica e di Vincenzo. Delle loro lettere al Presidente della Repubblica e ricordati per dare voce al disagio, richiamati come esempi, come valori, in questo Paese che pare essere “senza”, nella sera del discorso di fine anno, per l’imminente Capodanno. Veronica e Vincenzo. Che parlano di noi. Sono nostri rappresentanti. Del nosttro disagio. Del lavoro che manca, che si cerca. Alienato, assente. Un fatto storico, un fatto antico, quello del lavoro. Così antico che è da Antico Testamento. Da Genesi. E noi inscrititti all’interno di quella polarità dialettica: “fatto di pena”? o “fatto di riscatto” e di costruzione del sè? Fatto che risponde alla domanda del “chi sono io” e cosa sono. Domanda intima e domanda pubblica che si intersecano. Così come la storia di Diego e Marilisa, una storia che parla di noi. Del mistero di un incontro. Loro e nostro.

L’attesa

DSC00005DSC00003Odore di neve, intorno e sopra la nostra città. Aria fredda e gelida. In lontananza un acronimo ricorda gli auguri da rivolgere ad una “piccola scatola”, che ha avuto il pregio di farci sentire sempre in prima fila. A casa nostra. Se abbonati. Certo, ha conosciuto surrogati validi e validi concorrenti, ma resta sempre “mamma Rai”. Da 60 anni, una presenza importante per la nostra città. E un Paese intero.  In quei pressi, via Verdi, dove era stato rinvenuto un biglietto, d’amore, che era una poesia d’amore,  e un fiore, non colto, come tantissimi amori, non è più rimasta traccia. Palazzo Nuovo, più giù. E altro ancora, ancora piu giù. Chissà dove. Quel biglietto, divenuto pubblico, e forse voluto tale, libra sul cielo della nostra città, muovendosi e cambiando casa, di volta in volta, alla riscoperta dell’altra metà, del cielo. Per ora, bisogna attendere. I personaggi interessati, e il biglietto, vivono e sono vissuti da molti a mezz’aria, librati, in attesa. Come stelle sul finire della notte. Ancora danzanti, ma, leggermente percettibili. Che suscitano ancora stupore. Danzanti tra le stelle, riusciamo ad immaginare Diego e Marilisa. Il bis non è solo dei volti noti, di personaggi olimpici. Anche loro ne hanno diritto, scrittori di un amore olimpico. Ora, sono sospesi. Personaggi chagalliani. Diego e Marilisa, si tengono ancora per mano, meglio, li teniamo ancora per mano in uno sfondo da storia d’altri tempi. Chissà in quanti sono in attesa di avere notizie, di quell’amore, di loro due, di poterne sapere di più di quel momento, del bacio, primo, generatore di tutto, per il momento, volato via. Diventato oggetto chagalliano pure lui.  L’augurio di alcuni, davanti ad una tazza di caffè,  nel posto più “social” d’Italia, il bar, è  quello che tutti auguriamo a noi stessi. Un medesimo paesaggio, seduti, in piedi, passeggiando, condividendolo, in silenzio, le sue fore, gli odori, la luce, in una unità di intenti. Che sia poi il mare, che sia la montagna, non importa. Il mare, magari, conosce forme di autentico romanticismo. Il mare d’inverno. Il mare al tramonto. Il mare di marzo. Il mare di novembre. Il mare sempre. Ci aiuta, forse il volo dei gabbiani, il confine indefinito fra cielo e mare. La schiuma, il rumore, così forte, il suo fischio, nelle orecchie. Forse. Quando un semplice bastoncino  viene restituito dalla sua schiuma biancastra, per molti, quello, muta  forma; un lapis, una matita ideale, un oggetto di scrittura, pronto all’uso, per scrivere, sulla sabbia. Pezzi di storia. Tracce. Date, di incontri, di baci, di nomi. Poi, non è dato a noi saperne la durata, l’intensità. Segreti. E li, sulla sabbia, ti capita di godere del momento, e berlo tutto. E perderti. Oppure, ti scappa la domanda fatidica: “ma tu mi ami?” E comprendi che non esistono persone da amare o non amare. Esistono le storie, tutte diverse, da ascoltare, per chi ne ha voglia.  E le cose scritte per  chi non aveva voglia di ascoltare, il mare, prima o poi, se le riprenderà.  Perchè le ricacciamo noi. Era un prestito, quella matita. Un mare da amare se la riprenderà, prima o poi. Un bene collettivo, che prima o poi, il mare restituirà ancora e ancora, a qualcun altro, innamorato, a chi passava di li, a caso, per caso. E nasce qualcosa, forse. Ma l’altro non lo si sceglie mai a caso. C’era un progetto. “Facciamo che io sono e tu sei…” Di ogni cosa, averne cura. E’ un lascito, per tutti. Prima o poi, la ruota girerà ancora. La rotazione terrestre ripeterà ancora e ancora e ancora…Basta aspettare. Il mare concederà. Granelli di sabbia prendono forma, danno corpo a qualcosa di intenso. Castelli, a volte di sabbia, con porte che si chiudono troppo in fretta, “insabbiati” al primo stormir di fronde. Come granelli di farina. Se poi dello stesso sacco, la storia prenderà corpo. Se capaci di “mettere un tramonto nella tazza”, l’amore poi, è garantito. Nel posto più social, poi, qualcuno sostiene che ci manca sempre qualcosa. Anche una carezza. Anche un bacio. Che arrivano tardi. A volte si pesca il biglietto sbagliato.

Mentre l’attesa continua, per entrare al Museo Egizio, a Torino, alcuni brindano, e così in altre zone del Paese, o del mondo. Le borse. Speriamo che questi brindisi si accompagnino anche alla creazione di posti di lavoro, veri, per far brindare anche chi vorrebbe lavorare.

Inanto “casa Diego e Marisa“, sfrattati dove avevano chiesto asilo, un cancello,  sono stati ospitati nell’atrio di Porta Nuova, insieme a tante altre storie che piene di speranze.  In attesa. Che qualcuno le ascolti. Per il momento sono librate. Nell’aria. In attesa di brindare. Pure loro.

In attesa, prima di rientrare anche io, a casa. Un caffè. L’insegna, rossa, dice “Hotel Roma”.  E allora, ricorda che “Sei terra che dolora e che tace. Hai sussulti e stanchezze, hai parole, cammini, in attesa”. (Cesare Pavese).

Un viaggio: dalla passione alla passione

DSCN3734DSCN3709“E’ una notte bianca. Spendida. Una notte incantevole, una di quelle notti come ci possono forse capitare solo quando siamo giovani. O anche no. Il cielo è un cielo così stellato, così luminoso che, a guardarlo, non si può fare a meno di chiedersi: è mai possibile che esistano sotto un simile cielo persone irritate e capricciose?” (Dostoevskij, Le notti bianche).  E’ bello volgere al presente questo capolavoro che continuamente rivive nella storia dell’amore di ciascun innamorato, corrisposto o meno. E’ piacevole non rinunciare mai ad un sogno, ad una passione, ad un viaggio, al ricordo di un amore catapultato nel presente, anche quando, avvolto ormai dalle nebbie, si dirada e si sbiadisce nel tempo. Tempo fermo, immobile a quell’unicità irripetibile, forza dirompente di una mano  e dita che intrecciano e allacciano altre dita e altra mano in un gioco intimo; tempo irripetibile di un bacio donato, di un cuore che si apre, al futuro, al desiderio, alla speranza, alla voglia di… Ricordo e tempo riproposti.  Sono le notti bianche, dei biglietti, ferroviari e non, vergati a mano o al pc, nel chiuso di qualche stanzetta o al bar della stazione;   documenti storici, testimonianze dirette, vissuti, in prima persona.  Fino in fondo. Nell’era dei social network la scrittura umana e non solo da tastiera riprende il sopravvento. Le persone si materializzano, si espongono e con esse i sentimenti, e ci provano e ci riprovano. Non più a connettersi ma entrare nella storia dell’altro, altra, assorbirla fino in fondo. Finalmente! Era ora.Ora è altra era. Non più bacheche pubbliche, ma luoghi pubblici, trasformati in un santuario dove riprodurre il mito e ritualizzarlo: un atrio di stazione, il primo viaggio, una porta, il primo incontro. Un pertugio che ne suggella quell’istante. Un santuario aperto o chiuso, dove ritualizzare. E depositare un fiore, fiori.  Esibire, forse a sè stessi, o forse ad altri, un amore in viaggio o il viaggio di un amore o l’amore di un viaggio. Un viaggio chiamato amore. Probabilmente esposti per noi stessi, a infonderci coraggio, così, un po’ per “riprovarci” in qualche modo. Contro tutto e tutti. Con quell’energia rivoluzionaria e la fantasia del visionario.  E il mezzo per dirsi assume la forma di un biglietto. Di ricordo, di supplica o di elogio dell’unico amore. Andato, e vissuto. E per dire grazie, di quella bellezza avuta. Come per D 3,8 baciato una volta da NM. Auguravo un biglietto di sola andata, ma ora, provvedo ad augurare anche un ritorno. Per NM, verso D. O un augurio solo per D 3,8, per ritrovare NM. Chissà. Un riprovarci diversamente.  A lieto fine. Dove D 3,8 ha ritualizzato ancora una volta l’evento e lo ha fissato, stretto, richiuso ad una simil porta. Speriamo possa essere girevole. Andata, ritorno, e non di quelle che attraversiamo negli autogrill, dove i personaggi si sfiorano senza sapere nulla, di loro, si scambiano un’occhiata, ma… Ha legato stretto stretto, il suo ricordo, mai sopito, mai sbaidto. Lo ha cementato, asfaltato. Un amore, vissuto 365 h24, alla seconda,  ricordato, rimpianto, teneramente e rinnovato, a quanto le sue parole lasciano capire. Un orologio interiore, fermo, di un anno, poi due, poi….. L’inchiostro della stampante si materializza e gronda, tasuda, dal foglio A4,  in foma di piombo, pesante e leggero allo stesso tempo. Triste ma vissuto intensamente, anche se lacrime amare, si possono immaginare sul suo viso, condite,  a speranza inespressa. Un amore andato, dopo una panoramica veloce di qualche mese,  un breve viaggio  sulle ali dell’entusiasmo all’interno di un bossolo “sparato” a mille come il suo cuore, nella pancia della Mole, per approdare fin sulla sua stella. Panchine trasformate in simil lettini rossi, buoni da sdraiarsi e riposarsi, stendendo le gambe e lasciarsi andare. Chissà. Un viaggio breve e lungo, come soli certi amori sanno creare. E’ la grande bellezza torinese, per D 3,8. Una bellezza tutta sua. Ora forse, non  piu’ sua, fisicamente. Idealmente, si. Quando si dice la forza delle idee. Forse “la sua situazione personale” era talmente forte da “impedire a NM di poter vivere in maniera spensierata, anche nel rapporto”.  O forse assorbiva tutta la storia di NM e l’aveva fatta sua per intero. NM, L, E…Senza mezza misure. Magari come si comportano altri spensierati e spensieratamente vivono e lentamente e volutamente feriscono: F, con moglie a carico e figlio di scorta a cercare di riempire i suoi vuoti esistenziali,  NM…Ma lui, D 3,8,  no. Non riesce ad essere spensierato, nella sua diversità, nella sua sensibilità. Lui assorbe. Ama totalmente, non a metà, come F, ammesso che F sappia cosa voglia dire amore. NM ha chiuso la porta girevole dell’amore a D 3,8, così, senza motivo, dicendogli “fine del viaggio. Un Romeo che ha avuto nel giro di poco la sua Giulietta.  E in altro poco è stato scaricato. Se fin da subito o dopo, nulla è dato sapere, di questo.  Si aspetta un ritorno. E chissà. Un richiamo, qualcosa. Un urlo, un grido, nel pomeriggio, silenzoso. O solo il desiderio di dire grazie,  e “di felicità che hai dato ad un altrui cuore, solo, riconoscente”.  (Dostoevskij). Nelle notti bianche di Torino come in quella di Pietroburgo. Un amore, il suo, di D 3,8, la cifra di…ora….Disperato, forse. Ma non da oggi.O forse da mai. La testa di D 3,8 è ancora lì sopra, su quel balcone o terrazzo del simbolo torinese e del suo amore. O su quel tavolino ripiegato. Su di sè. Le sue labbra sono ancora bagnate, da quel bacio di vita, per la vita. La sua. Le dita della  mano sono ancora umide, appiccicaticce, dalla stretta di NM, che non mollava, allora, la presa, NM che da molto ha mollato lui. E lui non ha ancora scaricato il ricordo di lei, e del suo bacio. Quell’inchiostro, piombo, trasformato in lacrime, sembrano petali che lentamente si abbandonano al loro destino, in questo freddo torinese. Rose, fiori, mazzi di fiori. Chi non ha portato in omaggio un mazzo di fiori, sfiorare la persona amata per poi, non rivederla piu’ o rivederla dopo tanto? un anno? due? di piu’? Le rose, i fiori…Vien voglia di recitare una poesia, di Dino Campana. Le rose. “In un momento sono sfiorite le rose. I petali caduti. Perchè io non potevo dimenticare le rose. Le cercavamo insieme. Abbiamo trovato delle rose. Erano le sue rose. Erano le mie rose. Questo viaggio chiamavamo amore.”  Un viaggio chiamato amore. Quel cuore di lapis è un cuore che pulsa. Merita di essere ascoltato e vissuto.  Intorno ad un tavolo, penso e ripenso alla storia. Si potrebbe dare un seguito, in fondo, anche La Stampa, augurava, “ci riproviamo?” E’ una notte stupenda. Si sente odore di neve. Qualcuno schiamazza. Comitive di ragazze e ragazzi, bicchiere alla mano stazionano davanti ai numerosi locali che affollano questo cuore di Torino e  pensieri nel cuore dell’uomo, di quell’uomo, di questo cuore, di quel cuore.  Camminando sul lastrico lucido di questa piazza, in una notte ormai fonda, continuo a pensare che in fondo  D 3,8, dovrebbe riprovaci. Anche quando il viaggio che si chiama amore potrebbe chiamarsi, o trasformarsi, dalla passione alla passione.

A Porta Nuova. La voglia di riprovarci parte anche da un albero di Natale.

DSCN3698DSCN3718“Ci riproviamo?”, così, il 24 dicembre titolava La Stampa. Alcune letterine, di bimbi e adulti non più da recitare a memoria come accadeva un tempo, all’inizio del Santo pranzo, letterina deposta con la complicità della mamma sotto il piatto del papà. Bimbi in piedi, su qualche seggiola, a recitare a memoria. Tutti in piedi, adulti compresi, ad ascoltare, una letterina, un augurio, già sentita o percepita in religioso silenzio da mesi e mesi in qualche parte della casa, e facendo finta di nulla, a tratti meravigliato, tanto per non rovinare la sorpresa. Così siamo stati e così erano i nostri padri. Attenti, meravigliati, fini uditori, pronti, al termine della recita, a prenderci in braccio e farci sentire un fragoroso battito di mani. Eravamo i più importanti. E così, allo stesso modo, l’atrio della stazione di Torino Porta Nuova si è trasformato, la vigilia di Natale, in una una grandissima sala, mica d’aspetto. Quella esiste. Più avanti, in fondo all’atrio. No, una sala. Da pranzo, ma senza il pranzo. Tra sconosciuti. Nasi all’insù, occhi lesti ad individuare altri pensieri, magari già anticipati, rubati, personali, condivisi. Una sala, tipo pranzo, dove il il pavimento illuminato da faretti assume le sembianze di un grande palcoscenico. “La voglia di riprovarci parte anche da un albero di Natale“, titolava oggi La Stampa (articolo di C. Insalaco). Quali desideri espressi, in punta di lapis, affissi sulla sommità di un albero che puntualmente, da dicembre a gennaio accoglie e rinnova desideri e passioni di torinesi e non? Tra chi vorrebbe superare un esame universitario, chi formarsi una famiglia, chi ritrovare un oggetto smarrito, chi, come il sottoscritto, continuare ad inseguire il “proprio viaggio” senza smarrire mai la passione interiore. Un viaggio in cammino, o in cammino nel viaggio o verso il viaggio, destinazione, una  stella, inteirore, una meta, un orientamento, un incontro. Qualcosa in cui credere. Un uomo senza passioni non è uomo. Un viaggio interiore o un viaggio verso  qualcuna, qualcuno. Comunque una tensione a qualcosa, nell’anno della maturità e dell’infinito viaggiare. Già, proprio in una stazione, l’infinito viaggiare, dove a volte pare anticipare la fine di alcuni viaggi. Un viaggio che profuma di panettone e pandoro, dono di sè, amore e cose buone. Un viaggio che ha il gusto di tutti gli altri viaggi: attese, speranze, desideri, abbracci, baci. Arrivi, ripartenze. Pronti sempre. A tutte le partenze. Bar della stazione. Un caffè, una bottiglietta d’acqua. Giornali che si sfogliano. Un altoparlante gracchia qualcosa. Occhi su, direzione tabelloni. Tempo ne rimane. Una mano accarezza una lapis e questa accarezzata si lascia condurre sul foglio a comporre parole, disegni, vita. Linee di grafite che sembrano vene, si congiungono per dare vita: è la nascita di un cuore. Comincia lentamente a battere e pulsare. Le lancette corrono. Quelle lunghe si lanciano in una folle rincorsa su quelle piccole. Il tempo corre e scorre. Giornale riposto. Dall’altro lato del tavolino un uomo ha le dita incrociate e un trolley al suo fianco. Il lapis continua a tratteggiare altro. Pensieri di una giornata intensamente vissuta. Il cuore ormai va, da sè. La matita ha espletato il suo dovere. Le persone anche. Il tutto ormai non è più qualcosa allo stato  embrionale. Il tempo stringe. In altro tavolino qualcunonsoreseggia una birra, un altro un caffè, espresso, in un anticipo di quel che sarà e verrà.  Il tempo stringe anche per loro. Il cuore  è ormai completato, e così il suo contenuto, non tutto espresso ma mostrato con gioia . Alcuni post it lo incorniciano dando forma ad altre vite che gli appartengono. Sono giorni, ore, minuti, passati. Oggi. Tra un incontro e l’altro e quelle che mancheranno per il prossimo e quelle che non ci saranno. Bellissime e intense  storie. Di vita. Le assorbi. Forse con quel cuore, forse con la testa. Il movimento che le assorbe è identico a quello del cuore, alla carta assorbente, alla spugna. Le assorbi, quelle storie e dai loro vita, materializzandole, per poi risputarle fuori. Il cuore è composto. Batte. Lentamente comincia pero’ a straziarsi. Gli occhi sono velati di tristezza. A quando il ritorno per chi ha materializzato il cuore? A quando la partenza, per chi lo ha rivento e  assorbito ? Occhi velati. Qualcuno, sentendo gracchiare l’altoparlante che annuncia l’arrivo del treno afferma, per vincere la tristezza, che forse “non sono gli ultimi giorni di Pompei“. Altri viaggi verranno, con l’energia rivoluzionaria e la fantasia del visionario. Energia che si riproporrà e si riprodurrà. Chissà perchè viene in mente Catullo: “amami quando meno lo merito, che è quando ne ho più bisogno”. Pochi minuti, il treno arriva. Il riotrno. Dalla passione alla passione. Che non puo’ spegnersi. Che non può ferire. Una passione resta e vince. La tensione pure. E allora, la stella, resta questo foglio di giornale del 24, incorniciato come una stella, in cima all’albero, che al posto dei festoni è addobbato da desideri, speranze, auspici. Un augurio che è una pagina di giornale, e tantissimi biglietti di trenitalia, vidimati, con ritardi ma di arrivi certi, la cifra di un infinito viaggiare, con le passioni a bordo. Che mai si esauriranno. Neanche a viaggio ultimato. Neanche dopo l’otto di gennaio. Anzi. Altra luce le farà brillare. Biglietti che testimoniano i transiti, i passaggi, le partenze, gli arrivi, mossi da una grande passione. La stella, come quella della nostra cara Mole Antonelliana. La stella, come il desiderio, da raggiungere. La stella, come ogni cosa che nasce. Da sempre. In quel Santo giorno. Con l’amore. E un cuore, nato da un lapis o da storie di vita che si incrociano. Pensi e auguri che il prossimo biglietto sia di sola andata. Arrivi a Torino e Porta Nuova pare una vecchia signora che si rifà il trucco, con tutte quelle impalcature. Due luci spuntano da quella serie interminabile di tavole per la ristrutturazione. Un balcone acceso, appena sotto gli occhi, pare essere un sorriso. Nell’atrio, l’albero. Una copia de La Stampa affissa e incorniciata da numerosi biglietti, di andata e di ritorno. Sembra una bandiera, un lenzuolo, con l’augurio: “che il prossimo biglietto possa essere di sola andata”. E un augurio. Di buon Natale.