Archivi categoria: Poesia

Sabato pomeriggio: auguri sopra-sotto “l’albero”

Torino Porta Nuova 16 12 2017 Romano Borrelli fotoSono stato a Torino Porta Nuova, ieri, stazione centrale, o di testa- terminale, ove nell’atrio è posizionato da un paio di anni (sotto le feste natalizie, ovviamente) un maestoso albero di Natale. Tre anni fa, mi pare, avrebbe potuto contendersela con “spelacchia” che “troneggia” in piazza Venezia, a Roma. Oggi, fortunatamente, non è cosi. Questo non è un albero da frutta, e le mele al piu’, potrebbero crescere e raccogliersi poi, in seguito. Ora e’ tempo della semina. Le richieste, fine delle discriminazioni di ogni tipo, felicita’, spensieratezza, un sorriso spontaneo, una carezza “libera” e bella, capace di toccare il cuore, un pensiero ai nonni, e un pensiero e desiderio per tutti: ali per volare tre metri sopra il cielo.Torino st.P.Nuova 16 12 2017 Romano Borrelli foto Qui in realta’ non si deposita soltanto. Si lasciano, e si prendono anche, pensieri, propri e altrui. Inflazionatissime le richieste di 30 all’Universita (neanche poter passare un esame), il tema  lavoro poi, è presente ad ogni modo. Poi tanto amoreTorno 16 12 2017, Porta Nuova, Romano Borrelli, pace, Torino-Pta Nuova 16 12 2017, Borrelli Romano fotovoglia di papa’ senza coraggio in fuga, e tanto coraggio di un (o piu) figlio da infonderglielo, purche’ faccia ritorno, Torino.Pta Nuova 16 12 2017.Borrelli Romano fotoe l’anzianità, ma non di servizio, ma di status single, che dovrebbe aprire al diritto di avercelo, l’amore.

Fermate poetiche

Mi sono reso conto che la “produzione” del blog ha conosciuto una “fermata” da piu’ giorni. Eppure di cose interessanti che hanno suscitato curiosità e riflessioni ce ne sono state. E quindi, “inchiostro”alla penna. E anche di numerose, oltre che interessanti. Capita. A volte.  Di rilassarsi e dedicarsi ad altro. Per esempio alla lettura. Per non parlare poi dei “buoni consigli” della scuola. E quest’anno sono davvero tantissimi. Ma partiamo dai fatti da accennare. Dalla “sVentura”, alla panchina Ikea, a livello “nazionale”, prodotta virtualmente sui social dopo il fischio finale di Italia-Svezia. “Luci a San Siro” spente, o mai accese. Lacrime di Buffon per un viaggio mancato. Lasciamo pero’ tutto cio’ e dedichiamoci alle bici verdi e arancioni che spopolano  a Torino (grazie ad una app è possibile prendere a noleggio una bici con pochissimi centesimi e lasciarla non necessariamente in stalli o stazioni ben delimitate come accade per le bici gialle”comunali”. L’importante è non intralciare strade, vie, ecc.ecc.). Nello snocciolare gli eventi, non mi sono fatto mancare un’uscita presso l’oratorio della circoscrizione, ora gestito dai Salesiani, e una breve spiegazione sulla validità del sistema pedagogico del Santo sociale torinese. L’oratorio e il cortile come elementi necessari alla costruzione e conduzione della casa e/cosa comune. Ogni casa salesiana possiede un cortile e una sala giochi. Iniziativa apprezzata e lodata tra giubilo di un pallone che entra in rete, come metafora di una buona vita, ed una pallina che entra nella porta di un calcio balilla. Insomma, un’ora buona e dolce di buone pratiche e una fetta di pane e nutella a condire gioia ed entusiasmo adolescenziale. Le curiosità e le novita’, certamente, sul  percorso cittadino, non si fanno certo mancare. Nuove “fermate poetiche”sono state installate in via Pietro Micca.Difficile accorgersene, dato il frastuono e la confusione cittadina che hanno anticipato “la vigilia” di Natale.  Mi fermo, leggo, incuriosito, rifletto..all’ombra della Mole e di mille luci di luci d’artista.

Tivoli

Pochi minuti alle 9 sotto l’atrio di Roma Termini. Lascio la capitale con il suo azzurro teso che annuncia solo caldo per tutta la giornata. Solita estete romana. I treni vomitano e ingoiano in continuazione e i giapponesi o orientali i  tutta questa girandola sembrano essefe i piu’ felici. Ho evitato la coda alle biglietterie acquistando direttamente dal giornalaio i biglietti A/R per Tivoli. Si,  ci sarebbe stato anche il bus da Tiburtina,  a… e’ fastidiosa l’aria condizionata. Quindi,  treno. Binario 11,  per Avezzano. Alcune fermate e di queste ricordo Tor di Nona, Bagni a Tivoli e Guidonia. Dopo un’ora,  ecco Tivoli. Direzione,  Villa d’ Este,  gioiello Rinascimentale. Durante il tragitto, Roma si allontana lentament e Avezzano e Pescara si avvicinano e mi riavvicinano così i ricordi. Il cielo azzurro e’ teso,  e la possibilita’ di una nuvola neanche a pagarla. La prima cosa che mi viene in mente osservando il panorama cullato come un bimbo da questa nenis indotta dal  treno è  “Pane e Vino”,  libro di Ignazio Silone. Che bel libro! Forse l’altura con le sue montagne o forse la maturita’ appena conclusa. Di ricordo in ricordo ecco la cittadina di Tivoli,  la collina,  a destra e su in cima una croce, la fontanella della stazione presa d’assalto,  l’uscita dalla stazione,  a destra,  la curva,  la strada piu’ lunga per arrivarci,  alla villa, (la passerela e’ sconosciuta a chi vi accede per la prima volta), poi Villa gregoriana,  pero”,  no,  io devo andare a Villa d’Este! . Semmai,  poi… Biglietto,  entrata e… spettacolo affascinante! Le stanze,  con tutte quelle pitture,  le storie e le 12 fatiche di Ercole,  gli stemmi,  la mitologia,  la cappella Estense,  dove il figlio di Alfonso d’Este e Lucrezia Borgia,  Ippolito II d’Este intorno al 1550,  dove dal suo convento di Santa Maria Maggiore dove era stato destinato,  si rese subito conto di come erano lontani i fasti della sua Ferrara…fino all’incarico per nuovi giardini e fioriture…

Maturità alle spalle

Da ieri,  al via gli esami orali. Il corridoio,  l’attesa,  la tesina sotto il braccio,  la camicia di lino e la giacchetta, l’individuazione della sedia,  la firma,  la penna,  e pronti partenza via per l’ultima corsa. Tre piu tre e il Presidente. Ultimi momenti,  seduta in classe prima di disperdersi alla ricerca del proprio posto nel mondo. Tesine belle,  interessanti,  talvolta proiettate,  altre no. Matematica,  igiene,  psicologia,  diritto,  inglese,  storia,  italiano,  visione delle prove e domanda delle domande o meglio,  “il domandone” al candidato: ” e ora? ” E poi, strette di mano,  arrivederci,  buone vacanze e io “complimenti per la trasmissione”.  L’uscita,  la porta che si chiude alle spalle,  quella della commissione,  riunita,  e quella del domani che si apre al futuro.  Il corridoio,  i compagni,  l’abbraccio che scarica tutto,  tensioni,  ansie,  gioie  e strizza e poi tutto si scioglie,  in lacrime o sorrisi.  L’accerchiamento al maturando di quanti,  in attesa del proprio turno,  ancora a porte chiuse, in silenzio ma anche no, domandano: “cosa ti ha chiesto”… e via a rifare l’esame di maturità  appena concluso: Svevo e la sua coscienza di Zeno,  Verga e il suo rosso malpelo,  Saba e Trieste,  Pirandello e…  e.. La porta si apre,  avanti un altro. “Il treno ha fischiato”,  avanti un altro. Gli zaini si svuotano di librie  lasciano posto alla liberta’ e all’estate che bussa alle loro porte. E la vita continua,  cantera’ questa sera Vasco Rossi.

Firenze-Faenza -Bologna

firenze-foto-borrelli-romanoLasciata Firenze,  le sue meraviglie e bellezze,  la destinazione e’ Faenza. 100 km di strada ferrata e “quasi mare di colline” e oceano di alberi spogliati e senza parrucca bianca,  separano il capoluogo fiorentino con la citta’ romagnola,  adagiata  quasi al confine con la Toscana. A meta’ strada,  un saluto al luogo natio di Dino, (Campana)  a quello dell’amore sui con Sibilla,  alle rose e al loro “viaggio chiamavano amore”.  E uno sguardo quindi al contenitore di tutto cio’: Marradi,  terra di sagre e di castagne (tutte le domeniche di ottobre).  Un’ultima occhiata a qualche documento,  la’ dove studio’ il grande Dino Campana (presso i Salesiani),  Istituto non piu’ dei Salesiani e un altro a quel che resta dell’edificio  in via di ristrutturazione.  faenza-3-1-2017-sales-d-bosco-foto-borrelli-romanoSuperato il portone di un antico e nobile palazzo,  l’atrio,  ecco a sinistra una “manica” dove sono collocate  aule,  forse luighi per corsi universitari,  forse logopedia.  Numerose targhe ne ricordano il direttore e i benefattori e ovviamente,  il passaggio di Dino Campanafaenza-3-1-2017-foto-borrelli-romano. All’interno del palazzo si apre uno di quei cortili cosi tanto simili ai  quelli salesiani,  fondamentali nella pedagogia di don Bosco20170102_171259 20170103_211935. A chiedere che ne è  stato di tutto cio’ alcuni ne sanno davvero ben poco.  Un gruppo di ragazzi si ritrova tutte le sere,  nel cortile,  un ritrovo, forse ignari di chi era don Bosco. Faenza e’ una bellissima cittadina dotata di  una stupenda piazza,  “Del Popolo”,  colorata al suono di una musica;  un loggiato,  un Duomo,  Cattedrale,  20170102_171259del 1400 (iniziata nel 1474 e terminata nel 1515)circa,  il cui vescovo è  Monsignor Mario Toso.  faenza-3-1-2017-foto-romano-borrelliUna scalinata,  una fontana ed un albero di Natale separano quello della piazza.   faenza-3-1-2017-foto-borrelli-romanofaenza-3-1-2017-foto-romano-borrellifaenza-3-genn-2017-foto-borrelli-romanoUna staffa di cavallo con due porticati e tanti localini uno piu bello dell’altro. Il freddo e’ pungente e nella nebbia ci si perde. Nebbia fitta e luci e dolci melodie si spandono nel centro cittadino. Su molti scalini che dividono porticato e loggiato sostano elfi e babbi natale. A sera la piazza del mercato e’ un posteggio con macchine in sosta per chi ha deciso di consumare la serata in citta’,  in centro,  scegliendo tra uno dei molti  locali aperti.  Al mattino,  prima di riprendere la strada verso Bologna,  non mi faccio mancare una buonissima colazione presso il bar Rossini,  gia’ testato in precedenza. Le ragazze del bar  sono affabili e professionali. Il locale e’ animato,  pur essendo passate da poco le 7 del mattino. Sul bancone fanno sfoggio paste che si presentano davvero buone. 20170103_081830Il cappuccino è  servito in un tazzone enorme che andrebbe bene per due clienti.  Sui tavolini,  ogni tipo di quotidiano aspetta per diffondere a moltitudini di mani le voci del giorno ptima. La Voce e’ uno di questi. Due chioschi di giornali distribuiscono alcune copie di quotidiani a clienti appena arrivati li in bici. Dopo aver pagato e scambiato qualche parola con i giornalai, le bici si perdono,  tra le stradine di questa graziosa cittadina. Ma per perdersi,  qui, basta davvero poco. Nebbia. faenza-3-1-2017-foto-romano-borrelliTutto è  famigliare e i rapporti cordiali;  animano il centro rare persone a piedi che recuperano il centro della piazza per buttare l’occhio a terra dove luci di ogni colore disegnano chissà  cosa di speciale,  per poi sparire alla mia vista, verso la lunga via Mazzini,  la direttrice che avvicina alla stazione.faenzs-2-1-2017-borrelli-romano-foto20170102_170711 La stazione e’ al fondo del viale,  subito dopo l’Istituto di ceramica. Il mio treno e’ annunciato. Bologna e’ li che aspetta,  come sempre. Faenza e’ bellissima. Ci tornero’. Peccato che l’Istituto Salesiano non esista piu’ dal 1999… Faenza,  anni fa la abbinavo ad un treno,  una canzone,  un viso di una cantante timida,  giovsne,  una maturanda,  degli anni ’90,  la Pausini. Ora so che Faenza e’ davvero tantissimo. Molto. Faenza e’.. 20170104_084128bologna-4-1-2017-foto-romano-borrelli

23 ottobre. Buon compleanno

20161023_123439Fa freddo e piove a Torino. Cielo grigio,  plumbeo.  Poi smette. La seconda. Mentre resta addosso la prima condizione atmosferica. Dove sei andata a finire,  “Bella estate” di pavesiana memoria? N emmanco addosso. L’abbronzatura è  lavata via da un bel pezzo.  Sfoglio rapidamente il quotidiano. In alto a destra,  la data: 23 ottobre 2016. Oggi è un compleanno importante,  festa,  torta e incontri. La torta e i pasticcini sono della Sida.  Porta Palazzo è  in festa. Cento anni e li porta bene. “1916” recita la cifra siopra l’orologio della tettoia in questa piazza che era Emanuele Filiberto. Oggi tutto”open”. 20161023_121218Sotto la tettoia dei contadini,  dove un tempo stazionava il tram 7, gli studenti del Colombatto,  istituto superiore torinese,  organizzano una bella attività : cucinano e cucineranno una bella zuppa,  un pranzo con offerta libera con un occhio e una mano tesa alle popolazioni terremotate. torino-porta-palazzo-23-10-2016-borrelli-romano Non e’ obbligatorio mangiare ma un’attenzione del cuore,  questo si,  che sarebbe necessario. Nelsettore coperto,  gli stand sono aperti e in festa e la gente compera e assaggia quanto i commercianti offrono in piattini abbondanti e curati. torino-porta-palazzo-borrelli-romano-23-10-2016È  festa,  sotto l’orologio della tettoia. Per la fiornata sono programmate letture e poesie,  a due passi da qui,  a Borgo Dora,  vicino la Holden. Occorre osservare. Attentamente. Col cuore.

22 ottobre 2016

Fa freddo. Il convegno su adozioni,  affido,  bes,  dsa  ecc. volge al termine. Una lunga giornata trascorsa seduto su una delle tante poltrone di questa aula magna (di un grande Istituto di Scuola  Superiore),  cartellina in una mano,  come tutti,  e biro stretra in pugno,  teso ad ascoltare  specialisti e non,  che restituiscono esperienze personali,  socializzate dal palco, su adozioni,  affido e crescita famigliare-scolastica-sociale negli anni nei vari ambienti scolastici con altri esperti a “snocciolare” dati e  disposizioni normative e linee guida. Sotto la Mole e  a  due passi da questa,   appena fuori da qui, una  “fabbrica scuola” a volerla guardare nella sua non indifferente “mole”; un po’ di ore che scorrono via,  veloci,  inframnezzate da una piccola pausa,  cercando sprazzi di luce,  per far pace con le emozioni; nel pomeriggio, nella sala attigua il barista pulisce la macchine del caffè  facendo fuoriuscire grandi getti di vapore:”sffffff”   intento alla pulizia del macchinario che sbuffa e cosi lui,   mentre ripone nello scaffale le ultime tazzine di una giornata lunga,  come i molti caffè  “lunghi” che da dietro il banco ha servito per ore. Chissa’ quante storie avra’ sentito raccontare e se a qualcuna in particolare ci avra’ prestato l’orecchio. Perche’ si sa,  “per certe cose,  ci vuole orecchio,  anzi parecchio” (Jannacci). Entro, qualche attrezzo di pulizia ‘stazione’ nel limbo,  segnalanudo all’attenzione,  quella esterna nel movimento e quella cognitiva (“ehi,  guardate che qui si chiude).  Ci sarebbe posto per un ultimo caffe? “Si”.  Così mi  accingo alla cassa,  ne ordino uno;  lo scambio è  immediato: euro contro scontrino e la risultante  di questa “transazione” e’ il mio caffè.  Giro il capo verso sinistra e oltre le scope un corridoio a croce. Una giornalista su di una panchina del corridoio appena fuori dall’aula magna sembra stia “confessando” una delle “attrici” del convegno. Sorseggio e termino ripensando alle cose da fare.  Recupero l’uscita velocemente. Respiro,  cambio un po’ d’aria. Dall’altra parte del corso,  sul viale,  il tram doppio,  arancione ha appena richiuso le porte centrli”bam”nonostante le guarnizioni in gomma,  “sfiuuuu” e la ripresa lenta grazue al pantografo lo muove verso Porta Palazzo. Le signorine appena scese sono carine e incappottate e si dirigono a puedi verso il centro con l’aria di chi la sa “universitaria”. Hanno chiome a coda di cavallo, occhiali da studentesse e ridono e muovono il capo come se stessero ripetendo frasi di alcune canzoni. E mentre parlano o cantano sorridono smuovendo la coda. Le chiome degli alberi invece sono di altra bellezza nell’esporre  le loro prime modifiche “cromatiche”. L’autunno ormai ha lasciato le porte ed è  entrato a tutti gli effetti dentro di noi. C’era una volta,  qualche mese fa e anno fa  (nel senso di scritta da Cesare Pavese) “La bella estate” ormai terminata. Domani è  domenica 23 ottobre. Una giornata ricca di storia: non perdiamola. A Porta Palazzo d’ “ora” della festa,  di “sguardi diversi” poetici e belli.

Nel frattempo recupero Feltrinelli per gli ultimi scampoli di questo “Sabato pomeriggio”,  a cavallo tra la poesia,  la musica e il religioso.

Perugia, buongiorno

Perugia,  buongiorno! 'Perugia'.30 7 2016 foto Borrelli RomanoPer amare veramente una città  “non deve essere madre ma amante” scriveva Pavese. Così scriveva Cesare Pavese sul suo diario;  Pavese,   langarolo doc e innamorato del capoluogo torinese con i suoi km di portici,  ideale per passeggiare in qualsiasi condizione atmosferica. Cosi leggiucchiavo tra le mazzette dei vari quotidiani presenti  ieri su uno dei tantissimi tavolini, in uno dei bar perugini,  dalle parti dell’Università . E allora amiamola questa benedetta citta’,  afosa ma insieme opera d’arte,  musica,  da ascoltare e citta’ ancora da leggete con libri da scambiarsi. Ora,  il capitolo  di questo viaggio volge quasi al termine. Ma momentaneamente. Certo non si finisce mai di conoscere una persona,  una cosa, una  città come una  disciplina ma Perugia mi è  decisamente piaciuta. Fin da subito.  E molto anche. È  davvero una città  giovane. Universitaria e universale. In esposizione. Le cose che mi  resteranno dentro  sono tantissime (e certo ho già  messo in conto un ritorno) ma oggi  per questo blog mi soffermero’ sulla descrizione di cose… “perugine” nel senso  di… più… leggere.  In parte (bacio,  scritta muraria,  bici). Come la sua metro,  appunto (Fontivegge,  stazione ferroviaria,  Cupa,  destinazione),  29 7 2016 Perugia foto Borrelli RomanoPerugia.29 7 2016 foto Romano Borrelli. Estate,  “aperta per amori” fin dall’adolescenza,  con l’affiorare della soglia del desiderio e quindi,  tempo di baci e bacio che non sia il classico,  al cioccolato. Perugia 30 7 2016.Borrelli Romano fotoE quando l’amore cresce qualcuno trova anche tempo e modo di dirlo apertamente  e scriverlo gridandolo sui muri cittadini che poi l’amore è  vita e altro non si possiede (“ha” nelle intenzioni dell’autore,  frase però  già  brevettata e cantata nelle Chiese). Perugia.30 7 2016 foto Romano BorrelliE quando “l’amore c’è ” o è  ci si mobilità. Tutti.  E’ l’elogio della mobilita’. In bici, in due senza mani,   parcheggiandola poi chissà  dove,  anche sul muro se necessario. Perugia 30 luglio2016.Borrelli Romano fotoE se poi non fossero disponibile,  bici e muro,  bhe’,   in fatto di mobilità  qui la sanno lunga anche se in… “mini”. Perugia; 30 7 2016 foto, Borrelli RomanoPerugia 30 7 2016 foto Botrelli RomanoPerugia è  davvero giovane ed il titolo lo merita tutto. Quale? Capitale italiana dei giovani 2016. Perugia.29 7 2016.Borrelli Romano, fotoA parte questo e’qui presente una importantissima e conosciutissima Universita’ per stranieri. E poi qui davvero  tutto potrebbe essere arte. Vederla e metterla da parte. Perugia 30 -7-2016, Borrelli Romano fotoE ascoltarla,  perché  qui è  musica dolcePerugia foto Borrelli Romano. Molto. Perugia.30 7 2016 Borrelli Romano fotoAnche Perugia,  la bella statuina della fontana ci ricorda l’importanza delle arti. E anche la lettura fa la sua parte o due. O in due. E poi,  non e’ questa la patria di Sandro Penna? E poi,  qui,  il tempo è  nostro. Dimentichiamoci l’orologio. 20160730_115433 Perugia 30 7 2016,foto Borrelli RomanoE allora,  che dire? Buon viaggio e… visitate Perugia. 20160730_201427Ora colazione… giornali. E… andare. Ultimissima cosa. Qui a Perugia… Perugia 30 7 2016 foto Borrelli Romano31 7 2016 Perugia foto Borrelli Romano
20160729_144846

La ragazza del 3

Foto Borrelli Romano, MilanoUn ragazzo vede una ragazza.Sul tram. Il tre a Milano. Le piace. Parecchio. Forse anche a lei, ma questa scende dal tram. Lui per timidezza non dice nulla. Lui, solo. L’obliteratrice, gli altri, lo sferragliare nella testa:”quanto sono scemo”. Maledetta paura. Gia’ immaggino come gli battesse  forte il cuore e come non avra’ dormito la notte successiva. Non ha osato ma fara’. Fara’ stampare 700 volantini in cui la descrive, cerca aiuto, vorrebbe ritrovarla. La ragazza del tram. Una storia d’altri tempi. Dolce. Forse come quella storia tra Diego e Marilisa, avvenuta e consumata. Qui no. Roberto, questo il suo nome, fa di tutto. Sarebbe bello scriverci su, un libro, un racconto. A volte ci si trova, dopo anni, a volte, dopo poche ore, o un giorno.Gia’ perche’ parrebbe che Roberto sia riuscito a trovare lei. A volte ci si trova e ci si incontra, dopo un anno. In questo caso, invece, ecco la sorpresa, di Pasqua, del dopo Pasqua.L’amore, questa bellissima parola, cosa e quali magie non sa fare…Mi, 6.1.2015 foto Romano Borrelli

“Un amore senza fine”

20160313_181509Il tempo e la condizione ne hanno permesso la sua fine, ad “Un amore senza fine”. La storia di una passione ( o due) di David e Jade, libro di Scott Spencer, un classico americano pubblicato nel 1979. Una storia iniziata il 12 agosto del 1967 e terminata lel 1976 con tante parentesi, una piu’ bella dell’altra. 581 pagine nella versione Sellerio Editore Palermo. Ho spesso pensato “e se ci fosse stata una virgola, dopo un amore? Prima della fine?” E’ la narrazione di un sentimento assoluto, messo a nudo e crudo. Una passione, motore della vita. E’ bello averne una, nella vita, di passione. Lo giro e rigiro tra le mani. Ne riprendo alcune pagine. L’ho trovato bellissimo, vivo, intenso, autentico, forse a tratti di tutti, o vissuto da molti “combattenti” o “eroi” dell’amore. Bello, e come sempre, personaggi che ti aderiscono sulla pelle. Per non dimenticarli piu’. La tv mi rimanda musiche di Lucio Battisti…”na-na-na-.. “riprendo il libro, le pagine piu’ intense pregne d’amore. Riprendo i giorni, i primi incontri, lettere…Jade!!Oh Jade! Gennaio e’ il mese in cui inizia qualcosa, marzo e’ l’inizio della primavera. Ne ho respirato tutta la forza dirompente del mare.

Volgo la memoria e le spalle ad una lavagna. Torino 26 2 2016.dalla scuola.foto romano borrelliUna mano ha scritto qualcosa di notevole. Vorrei non cancellarlo. Lo leggo, rileggo e lo mando a memoria. Poi fra gli scaffali della biblioteca (si, ci sono ancora, gli scaffali, tra i pc) incrocio una scritta, di Alda Merini. 12 3 2016, foto Romano BorrelliRicordo ancora chi me la fece scoprire con un amore senza fine.