Ciao, Diego

la notizia mi coglie impreparato, tra uno spazio meet e un altro. ” Diego” è morto. Diego, il grande, a soli 60 anni. Il periodo attuale mi toglie tante motivazioni ed entusiasmo, forse complici queste serie di monologhi davanti al una scatola che si chiama pc. Però, Diego, un saluto qui sopra lo merita, eccome. Ricordo ancora quel 30 giugno, data ultima per concludere l’affare per il passaggio a Napoli. Che poi non era la mia squadra, quella per cui tifavo, ma pensare di avere un campione cosi in Italia, la cosa mi piaceva. E molto. Mi risvegliai il primo di luglio sul treno, verso il Salento, appiccicato ad un sedile simil pelle col profumo del mare, del sole, del caffè e dell’estate addosso e nelle narici. Maradona era stato comperato dal Napoli. Epiche le partite poi coi grandi olandesi del Milan e le sue punizioni, fino ai fischi, forse immeritati nella finale di Italia 90. Che dire? Le cose sarebbero tantissime, ma….resto all’essenziale: ciao Diego e grazie per aver creato occasioni di divertimento.