Giù, in Salento

20190809_101059“Il treno ha fischiato”, ed è  come essere al cinema, quando il passaggio a livello  chiude,  in attesa che la littorina a cherosene, bianca e azzurra con la striscia rossa, lasci le impronte del suo passaggio “puffff, puffff”. Sembra un giochino elettrico, di quelli dell’infanzia, dolce. Intanto tutti si godono il passaggio, osservandola come una bella signorina, sulla massicciata, tra fichi d’india, alberi di fichi non ancora maturi, vigne, ulivi….Gente che esce dell’abitacolo della vettura, gamba fuori e una poggiata, insieme al braccio, tra finestrino e portiera e abitacolo. È ‘ una immagine da film,  in bianco e nero, bella, che ha lo scopo di portare tutti, indietro negli anni.  Il gregge delle pecore, poco distanti, e un cane pastore che le tiene a raccolta, il pastore alza il bastone, verso la pettorina, come a dire, “guardate, guardate”.

20190809_194223A sera, all’ora del tramonto, non può mancare un posto in riva al mare.