Marta e Olmo e…Tolstoy

Torino non sta mai ferma. E io neppure. Una giornata ricca di eventi. Da tempo avevo prenotato presso il Rifugio Antiaereo Torino rifugio 25 9 2015 foto Borrelli Romanodi Palazzo Civico di TorinoTorino, rifugio 25 9 2015 foto Borrelli Romano lo spettacolo “Marta e Olmo”. Torino, ore 16.30. Municipio, si scende: Torino rifugio antiaereo.foto Borrelli Romanoscalini, gallerie e ancora gallerie. Torino rifugio antiaereo, foto Borrelli RomanoSiamo nel rifugio del 1940 e nello spettacolo,  nel 1915. Siamo un bel gruppo. “Marta e Olmo” ci attendono. La radio con le stazioni dell’epoca, di quelle militari, gracchia, in sottofondo.Il rifugio ammutolisce.Le luci si spengono.Solo il volto dei protagonisti si illumina.Marta e Olmo.Torino 25 9 2015.Borrelli Romano Comincia lo spettacolo. E’ intenso,  con punte drammatiche…il ruolo degli adolescenti e delle donne “che ora eseguono ogni tipo di lavoro, come gli uomini” (dice Marta), e poi, l’amore che c’era perche’ qualcuno prima che accadesse la guerra, Marta se la guardava “ma ora non piu'” continua lei.  Forse non ci si pensa piu’, all’amore. L’amore messo tra parentesi. “Ora si deve pensare al pane” ci racconta. Da condividere. Marta, “portatrice”, la prima linea e seppellisce, seppellisce, seppelisce i corpi abbandonati ora dell’uno ora dell’altro schieramento. Di qua o di la della linea di confine. Marta che sale, sale, sale…montagne fino a un carico di 30 o 40 kg. Le portatrici potevano avere dai 15 anni ai 60. Marta e’ giovanissima.Olmo, figlio di una italiana e una austriaca…si incontrano. Lui e’ “piccolo”, lei e’ piu’ grande. Lei e’ bellissima anche quando  prima di cominciare trema, e i capelli pure e il viso impaurito, ma forte. E’ bella. Lui corre, meglio, mima una corsa, cappello in testa, cercando di essere grande, di fare la sua parte nel  contesto. Uno spettacolo che scivola via, piacevolmente, per un’ora. Poi, Marta termina regalando un fiore ad un signore, preso dalla cesta a centinaia, a migliaiaTorino Marta e Olmo. Foto Borrelli Romano., poi una carezza ad una signora fino a incrociare me, mi allunga la mano e mi dice che “trovero’ un tesoro e non sara’ solo oro”. Poi, una candela accesa…Marta e Olmo scivolano via. La radio torna a gracchiare. Li saluto, li ringrazio e corro verso il cimitero monumentale: la lettura di Jvan Il’ic di Tolstoy 20150925_181237attende.Torino, Tolstoy al cimitero.Foto Borrelli Romano. Esibisco il mio biglietto acquistato giorni prima al Circolo dei lettori ed entro. Dove? Al cimitero monumentale dove la lettura integrale di Tolstoy, “In morte di Jvan Il’ic, attende. Che spettacolo. Alle ore 18 il porticato pare trasformato in una tribuna: sedie, le riservate e quelle no, collocate appena sotto “foto” e “fiori” e nomi , cognomi e date e pensieri: di nascita e morte. Tanto loro, i morti non “paiono” essere disturbati da questo via vai del nostro voler riflettere e scoprire “di che pasta siamo fatti”. E mente e anima di una citta’ intera ricercano “L’impasto umano-Fatti di terra, guardiamo le stelle”. Io qui, altri in 30 luoghi diversi della citta’  con 120 incontri e 150 voci da tutto il mondo: spettacoli, conferenze, meditazioni, reading. Per l’undicesima edizione di Torino Spiritualita’. Dal 23 al 27 settembre.

4 pensieri su “Marta e Olmo e…Tolstoy”

  1. Bravissimo e bel servizio. Complimenti per l’articolo e l’impegno….immagino che restitiuisci a scuola quanto fatto. Bella la narrazione di quanto fatto al rifugio antiaereo, non sapevamo che ci fosse e che fosse organizzato un evento. Deve essere stato emozionante vedere Marta venire incontro e dirti quella frase dello spettacolo. E bello anche l’incontro lettura di Tolstoy al cimitero monumentale di Torino. Vedrai che davvero i ragazzi e la scuola intera riconosceranno il tuo buon e bel servizio. La cultura ti è sempre piaciuta…..bravissimo Romano. Complimenti.

    Mi piace

  2. Marta una ragazza come tante…cge interrompe la cosa piu bella della vita: potersi innamorare e far innamorare perche’ la guerra fa crescere troppo in fretta. Marta con i capelli corti o lunghi….perche tante erano le portatrici.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...