Pedoni sul lato opposto

DSC00797
Torino. Piazza San Carlo sotto la pioggia.

Il giorno dopo. The day afterTorino sotto la pioggia. Pioggia insistente, noiosa, fatidiosa. E le previsioni del tempo, non promettono nulla di buono.  Occhi al cielo. Ho provato a mettermi alla ricerca del blocchetto con gli appunti di storie, di lavoratori e non, scivolato via, ieri, tra la calca e il fuggi fuggi, ma nulla da fare. Evidentemente, certe storie, devono andare così. La via, Roma,  e la piazza, San Carlo, oggi,  almeno intorno alle undici, per l’esattezza, erano quasi vuote. Complice la pioggia. Ma non solo. Forse l’acqua ha  fatto si che pescassi nei ricordi delle superiori qualche nozione di fisica.  Ho ritrovato  infatti il principio dei vasi comunicanti e ho cercato di applicarlo alla situazione di quel momento, torinesi e turisti in coda, arrivando a comprendere il perché in quelle via e piazza regnasse la “solitudine”. Molti   infatti si erano trasferiti nella via laterale. Torinesi e turisti  in coda, in religioso silenzio, ombrello alla mano, in attesa di entrare al museo. Alcuni, simili ad operatori Doxa, riparatisi sotto qualche portone, osservavano, da buoni spettatori, il flusso, del principio: velocità, minuti trascorsi da un angolo all’altro dell’isolato prima di attraversare il varco e accedere così al museo.  Orologio alla mano, qualcuno cronometrava, non solo il movimento, tra un passo e l’altro, ma anche dopo quanto avveniva la “desistenza”. Posto “riempito” velocemente dai nuovi arrivati. Insomma, un via vai continuo. Una volta tanto, “code” e “rallentare” non sono due termini  in voga soltanto sulle autostrade italiane. Termini affiancati dai famosi bollini rossi o blu, vicino alla Salerno~Reggio Calabria o sulla A 4. Pare che i musei stiano andando alla grande. Anche a ritmo rallentato su una “corsia” non appropriata. E anche gli ombrelli venduti nei pressi, conoscono una gettonata richiesta. Ma in questo caso, per i pedoni collocati “non dalla parte opposta” un’eccezione, bisogna pur farla. Una volta tanto la meta non è mare o monti, ma la cultura. Per questo, si puo’ tollerare anche se i pedoni non  sono collocati “sul lato opposto”. Ovviamente, per la cultura, si puo’ derogare. Ps. Il blocchetto contenente  le storie raccolte ieri, purtroppo, non l’ho piu’ ritrovato, ma, questa coda e questi ombrelli sono un ottimo tema per raccontare storie. Storie di ombrelli dimenticati, lasciati, scambiati, a volte volutamente. E gli ombrelli, si, che ne conoscono di storie…

DSC00791
Torino. Turisti e torinesi sotto la pioggia. In coda e in attesa di poter entrare al Museo Egizio.
DSC00794
Torinesi e turisti in coda, sotto la pioggia per accedere al Museo Egizio. Via Maria Vittoria. “Pedoni sul lato opposto”.

Un pensiero su “Pedoni sul lato opposto”

  1. ho letto sulla stampa l’articolo di insalaco sui blog su torino, beh, “girare” sul tuo Romano, per torino, è un altro viaggiare!!!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...