“People” di…Torino

 

DSC00724
Torino. Fermata bus don Bosco del 52 e 60. Corso Umbria.

A volte capita di incontrarle per la strada. Cosa? Le stranezze. E così, con alcuni pensieri in tasca, e altri che girano “liberamente a ruota libera”, avvolto in un parka che forse non è più ora, ci si domanda invece, di cosa potrebbe essere scuola, si sarebbe detto al nostro interlocutore:  “sai, sono davvero fortunato. Ho la fermata del bus proprio sotto casa“. Invece,  a volte, ti trovi costretto ad invertire un po’ il senso delle cose. L’interlocutore, avrebbe detto, ieri: “Sai, sono fortunato perché ho proprio le bancarelle del mercato…alla fermata del. Scendo, compro e poi risalgo sul bus“.

 

E se invece fossero bancarelle incorporate alle fermate? In ogni caso, e parte gli scherzi, lodevole l’iniziativa presa dalle istituzioni per “decentrare” un’area mercatale. Troppo “comune” l’idea delle bancarelle sotto il municipio. Meglio spostarle. Decentrarle per valorizzare le “periferie”.  Vedremo come sarà nelle prossime settimane (al mercoledì, corso Umbria).

Curiosa anche l’iniziativa di una mamma, alla ricerca di un “totem” erogatore di biglietto di sosta per…..il passeggino. Un passeggino sulle strisce blu! Troppo forte. (Via Industria).

Per non parlare poi, di un locale (presumibilmente) il cui terrazzo ricorda (a mio modo di vedere) la forma di “nave”. Con le lampare. “Avanti tutta!” Sulla terrazza, la zona fumo. Ma, a questo punto, magari, era per le candele. Per una buona cena a lume di candele. (locale zona Borgo Dora).

Per restare più seri, invece…

La luce e i raggi del sole filtrano attraverso le colonne del porticato. Tutta la via è animata da un via vai continuo che fa dimenticare la vigilia della festa. Dalla vetrina del negozio di scarpe filtrano invece ricordi, di quando andavano di moda le zeppe. Quelle verdi. Chi le fotografava e archiviava e chi spediva altrove.  E chi ancora veniva spedito in “altri paesi”. “Roba in saldo” ma pur sempre cara. Altri tempi.

Nel corso contiguo e al termine di questo, fervono i preparativi. Alcuni scatoloni contenenti candele giacciono ben custoditi sul muretto di Piazza Arbarello.  Un paio di signori lavorano per la manifestazione-fiaccolata. Alle 20. 30, puntuale, la fiaccolata, partirà e si snoderà lungo il centro di Torino. Per non dimenticare.

Ora e sempre, Resistenza.

DSC00721
Torino. Via Industria. Strisce blu a pagamento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...