Quella rosa che torna ogni anno Il fascino degli amori che resistono La storia di Diego e Marilisa commuove i lettori: decine di lettere alla “Stampa”

diego-marilisa-amore-perdutoQuella rosa che torna ogni anno Il fascino degli amori che resistono La storia di Diego e Marilisa commuove

CRISTINA INSALACO SU LA STAMPA DI OGGI
Caro Diego, sapessi a quante persone hai fatto scuotere il cuore. Quanta gente si è commossa per te e per se stessa, quanta si è incuriosita e rattristata.
Quanti messaggi di solidarietà, commenti e confidenze ci hanno scritto i lettori. Che hanno avuto l’occasione per riflettere sul senso dei ricordi e
sull’insostituibilità delle persone.
Sulla meraviglia, o la condanna, di fronte al fatto che nella vita ci sono affetti che non si riescono a rimpiazzare.
Il cuore che duole Di lei non sappiamo quasi nulla, se non che l’ha lasciato, e forse un po’ violentemente. In questi giorni ci sono arrivate moltissime mail di lettori che hanno voluto raccontarci qualcosa della loro vita, che hanno trovato in Diego qualcosa di sé edegli stati d’animo simili ai
suoi. Altri hanno scritto commenti e impressioni su un amore che se non fosse vero sembrerebbe la trama di un film.«Io non ce la farei mai a lasciare fiori e lettere per Torino, ma mi capita di passarci davanti al bar dove il mio ex fidanzato ed io ci siamo dati il primo appuntamento. A volte entro e ordino qualcosa. E ripenso a quelmomento. Perché mai uno dovrebbe cancellare i ricordi? », scrive Sonia.
Problema di testa
«Come lo capisco! I sentimenti sono più forti di noi. Come si fa … CONTINUA
Articolo completo de LA STAMPA:
Diego e Marilisa, de “La Stampa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...