Luci e bici

DSCN2722DSCN2726Il gelo è sceso, su Torino e su gran parte d’Italia. Neve anche al mare. Un violino, una chitarra, emettono musica dolcissima. Le luci ricordano l’approssimarsi della festa, quella religiosa, di un bimbo, nato in povertà, così come ne continuano a nascere dopo 2 mila anni nella medesima condizione. Il rifiuto, all’ora come oggi. L’amore gratuito, spesso non compreso. Povero bimbo. Spesso ne abbiamo paura, dell’amore. Altre volte non lo riconosciamo.  Altre vorremmo incatenarlo, legarlo…ma siamo così cinici, da legarlo, legarci,  vicino ad un cestino, un cassonetto. Non si sa mai. All’ora come oggi. Nella società dei consumi. O ci si lega, o ci si rifiuta.  Siamo ladri di………biciclette.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...