Il mare

 Finalmente! Il mare. Dopo tanto freddo climatico e gelo ad ogni livello, ecco il mare.

Una sensazione stupenda, camminare sopra la sabbia appena pulita e vedervi e sentirvi ogni cosa che il tempo e il mare avevano tenuto per loro. Nascosta, sommersa. E ora riaffiorano. Come i ricordi.

Un po’ come quando termina l’alta marea. La bassa, ci restituisce tante cose. Riportandoci a noi.

3 pensieri riguardo “Il mare”

  1. E’ fantastico, il mare. Non potrei vivere senza immergermi, almeno 3 mesi all’anno, nell’acqua salata che ti avvolge e ti sostiene. E’ come immergersi, integrarsi nella natura, nello stato originario delle cose e uscirne rigenerati. Come un battesimo. Come se si rientrasse per un pò nel grembo materno per rinascere ancora. E poi il mare custodisce un mondo sommerso, come me..come tutti in fondo…che abbiamo i nostri “segreti” e le nostre dinamiche inconsce da svelare…ma solo a noi stessi.

    “Uomo libero, tu amerai sempre il mare!
    Il mare è il tuo specchio; contempli la tua anima
    Nello svolgersi infinito della sua onda,
    E il tuo spirito non è un abisso meno amaro.
    Ti piace tuffarti nel seno della tua immagine;
    L’accarezzi con gli occhi e con le braccia e il tuo cuore
    Si distrae a volte dal suo battito
    Al rumore di questa distesa indomita e selvaggia.
    Siete entrambi tenebrosi e discreti:
    Uomo, nulla ha mai sondato il fondo dei tuoi abissi,
    O mare, nulla conosce le tue intime ricchezze
    Tanto siete gelosi di conservare i vostri segreti!
    E tuttavia ecco che da innumerevoli secoli
    Vi combattete senza pietà né rimorsi,
    Talmente amate la carneficina e la morte,
    O eterni rivali, o fratelli implacabili!”

    Charles Baudelaire, 1857

    Mi piace

  2. Bellissima la figura dell’acqua “come un battesimo”. Bellissmo interpretare il lento fluire dell’acqua, onda dopo onda,come un continuo battesimo, di noi, custodi di mille segreti….quanta strada dovrà percorrere l’acqua del fiume prima di immergersi in mare e andarsi a depositare a riva, onda dopo onda? Un camminare ed un perdonarsi, in continuazione…….come luomo. …….proprio come, e ci sta, l’acqua del battesimo, che dai capelli, fino alle soglie del cuore, dovrà fare, lentamente, chilometri e chilometri. e il cuore, così come la riva, sono li, che attendono, fiudciosi, ad accogliere, proprio come il grembo materno.

    Mi piace

  3. Ho, frugato nelle tasche, c’era del sale, di questo mare, aspettato, anelato, vissuto. Granelli…ho, alzato gli occhi al cielo,, scendeva giu’ acqua, a catinelle, mista ad umor acqueo…Torino e’ bella, anche sotto la pioggia, invoglia ad una danza sulla cenere e sulle ombre che la danza allontanera’…una musica che non smetterei di ascoltare, nonostante i giorni, le notti, le danze….il mare, una foto, briciole di ricordi, o granelli di sabbia, riposti nella tasca, a ricomporre quella che era carta sulla quale scrivesti una poesia, quel giorno che l’incontro divenne poesia “eroica”:”E’ necessario che una donna lasci un segno di se’, della propria anima, ad un uomo, perche’ a far l’amore, siam brave tutte”Ti piaceva proprio tanto, Alda Merini. Poi salimmo sulla torretta e guardammo il mare….stretti stretti ad aspettare

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...