Scuola sottosopra. No al “bavaglio”

Da tempo non mi capitava di rivivere il sentimento, relativo ad un addio. Episodi simili, si ripetono con frequenza annuale. Nella scuola. Alla scadenza di ogni contratto. Venerdì, la prima scadenza. Non un numero. Non una dei “mille dipendenti” che si appresta, a Torino e provincia, ad essere colpita dai tagli alla scuola. Una persona in carne ed ossa. A fare da cornice, all’addio, i colleghi. Giugno: alunni “licenziati”. Lavoratori, anche. Periodo di tagli e “bavagli”. Per giornalisti, operai, lavoratori della scuola. Si, perchè il bavaglio, non soltanto non va bene al giornalista piu’ quotato, ma anche all’operaio di Pomigliano, impossibilitato ad esprimere la propria opinione, aderendo ad uno sciopero, a potersi curare in caso di malattia (almeno per i primi tre giorni), o, adempiere a funzionario pubblico durante le elezioni. Eppure in questo periodo, le vendite che vanno per la maggiore ricordano un famoso concentrato, di pomodoro: “o così o pomì”. Anche a scuola, il bavaglio. A molti, solo i no: no ai corsi sulla sicurezza, no alle visite mediche interne, no ad essere rappresentanti sindacali, no a maturare un’anzianità di servizio. Perchè ai precari si è messo il bavaglio. Ai “fissi” lo si sta per mettere, grazie ai 6,5 miliardi non contabilizzati nella manovra per il mancato contratto nel pubblico impiego. Senza citare l’intervento sulle pensioni e sulle donne.(ma non vi era una direttiva, del 1978 che lasciava liberi gli Stati per definire l’età di pensione?). Non parliamo poi dei tagli ”grazie alla riforma” Gelmini. Sabato, è stato “festeggiato”, con anticipo, dai colleghi, il termine del mio contratto. Annuale, da 950 euro mensili, senza mensa, 140 km (a/r), quasi cento euro di abbonamento treno. Fortunatamente, il “bavaglio” al cuore delle persone non lo si puo’ mettere e così, quella scuola, è diventata casa, focolare e accoglienza. Alida, Ornella, Patrizia, Gianni, Rina, Anna, Marinella e altri, non resteranno solo nomi di colleghi, ma persone con cui si è costruito qualcosa, persone che esprimono fede nella solidarietà e nell’attenzione verso chi è precario. In controdenza in questo periodo, che “imbavaglia” e distrugge, diritti e rapporti personali. E mentre quel posto sto per perderlo, uno, non retribuito, ma importantissimo e con immenso valore so di averlo conquistato. Nel cuore dei colleghi. “Grazie per averci portato un po’ di movimento, diverso dal solito, per averci fatto compagni e donato un po’ di allegria. Ci sarà sempre nel nostro cuore un posto riservato a te”.

Non siamo piu’ nel Novecento, ma non voglio essere proiettato nell’ottocento.

Un pensiero su “Scuola sottosopra. No al “bavaglio””

  1. Caro Romano,
    ieri sera vedo un’intervista al ministro Sacconi, gli chiedono un parere su un eventuale governo tecnico, lui risponde che questo governo deve trovare una via per il dialogo perchè non si può consegnare il Paese a partiti come l’Idv o il Pd che sostengono la Fiom (cita proprio la Fiom), facendo riferimento ai fatti di Pomigliano.
    Oggi il Tg apre sulla proposta del sidaco di Roma, Allemanno, di instituire una tassa sulle manifestazioni, perchè costano troppo alla città (il comune non ha soldi per pagare straordinari e ripulire la città) e, unica citazione a cui fa capo esplicitamente è la Cgil.La cita forte e chiara, solo lei.
    Non siamo i soliti quattro gatti alle manifestazioni?’
    In questo clima di repressione ora ci prendono anche il diritto della piazza, che quasi sembra il nuovo copiright del Pdl.
    L’attacco all’unico Sindacato superstite va avanti, non si tratta di resistere, si tratta di arrabbiarsi.In piazza e senza pagare un bel niente, non si può dare un prezzo alla rabbia, è come barattare i diritti.
    Un abbraccio.
    Barbara

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...