1 commento su “Urgente e necessario. Non un decreto legge ma una presa di coscienza. Mobilitazione”

  1. Sabato mattina mi sveglio con il pallino di vivere una giornata senza pensieri.Giovedì le tre assemblee Fiom in fabbrica con tanto di votazioni per le due mozioni…ma qui ci tornerò dopo.Mai mi ero ammalata tanto come in questo lungo e faticoso inverno.Gli impegni mi fanno rimandare ciò che il mio corpo mi sta dicendo da tempo, di fermarmi, di prendere del tempo per digerire, assimilare e metabolizzare i troppi pensieri e doveri che mi divorano.Ora sono ferma, ma sabato sembrava una persecuzione! Una volta deciso che dovevo vivere una giornata serena e “normale”, penso a cosa mi piacerebbe fare. Voglio andare al mercato, comprare tante verdure e invitare degli amici a cena, poi voglio andare in libreria dal mio amico Andrea e fare due parole, magari mi faccio consigliare un paio di libri. Bene.
    A dire la verità forse avevo ancora un pò di febbre, ma il sole mi aspettava. Arrivo al mercato e incontro Mariella, anche lei mamma di due bambini, milita nel Partito di Rifondazione Comunista.Mi racconta subito che ha un pò di amaro in bocca, sta riflettendo tanto sul valore della Democrazia (e su certe scelte che anche il suo amatissimo partito fa). Aggiunge che non è neanche così incoraggiante da parte di tutte le segreterie di sinistra non saper coinvolgere i giovani a fare politica, il più giovane a Rifondazione ha 38 anni, la Lega Nord presenta ragazzi di 28-30 anni.Li alleva a pane ed odio, ma capisce che i giovani vanno sostenuti.Tutti i ragazzi “No Global” e gli studenti, quante risorse andate sprecate perchè nessuno o quasi ha saputo creare vicinanza e vera solidarietà! Se solo Rifondazione o i Comunisti Italiani avessero guidato fieri un treno di disperati che vogliono riscattare il proprio futuro e quello del loro paese…
    Questa idea del treno mi era già venuta in mente l’altra sera dopo che la Cgil presentava, candida, la sua mozione nella mia fabbrica. Mentre il funzionario parlava, pensavo ad un treno guidato dalla Cgil con migliaia di vagoni, oltre ai cinque milioni e settecentomila iscritti, vedevo tutti gli immigrati, i disoccupati, i precari, la scuola con tanto di bambini (come l’anno scorso…), il pubblico impiego, la sanità….Guglielmo Epifani capo-macchinista, anche lui fiero e invece non partecipa neanche alla manifestazione per gli immigrati, ma ne indice una contro le tasse forse di sole quattro ore. Firma contratti come quello dei chimici che prevede fino a 54 mesi di precariato e non riesce a vedere che tutto quello che sta succedendo non è diviso a settori, ma è un “olos”, un treno senza scompartimenti.
    Vorrei dire a Guglielmo che la sua mozione l’ho letta per bene e mi sembra “rassegnata”, ma ora ci vuole coraggio, non si può regalare secoli di lotte per gli oppressi (e qui mi riferisco anche alla mia sinistra) a chi non ha la storia per farlo. Perchè i giovani vanno alle feste di Forza Nuova o della Lega Nord? Solo e semplicemente perchè loro gli hanno offerto un’identità.Noi li snobbiamo e sembriamo tanto stanchi.
    Quando ho raggiunto Andrea ero già satura, ma la magia di una libreria mi ha riportato il sorriso. Andrea e io ci conosciamo dal liceo. Dopo la sua laurea in filosofia è andato a vivere per dieci anni a Londra e da un pò è tornato. “E’ come se avessi fatto un salto nel passato da quando sono tornato, almeno di un secolo”, mi ha detto dopo esserci salutati. Mi ha raccontato che trova assurdo provare a proporre il suo spettacolo teatrale qui, su dieci mail che manda gli arriva solo una risposta che è sempre negativa. A Londra gli bastava scrivere e subito lo contattavano per sapere di cosa si trattava e quanto chiedeva. Qui non si risponde, si snobba.
    Andrea Ughetto nel suo spettacolo parla di storie di dittatura africana, di oppressione e di riscatto, suona, canta, trasmette la voglia di lottare.
    Un altro sabato pieno di pensieri.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...