Agli amici della Skf: tutti.

skf-airascaUn ringraziamento a tutti gli amici della Skf che scrivono e si confrontano qui sopra. Grazie per la  fiducia che state accordando al Blog. Grazie a te, Barbara, grazie a te, Grazia e Rosina. Le mie posizioni sono chiare e conosciute; ritengo che qualsiasi contributo venga dalla classe operaia sia il benvenuto, in questo spazio. La mia scelta di stare con “Voi” tutti, che con il vostro salario contribuite a “formare” il mio stipendio, di lavoratore statale, la dice lunga sul mio schieramento: sempre e comunque dalla parte del lavoratore. Cerco tutti giorni di ricordarmi e di rispettare che “il servizio” che presto allo Stato è compensato con i vostri soldi. Cercherò di rispettarli. Barbara, nessuno, né te né altri “rompe le scatole” e il contributo che date, dialetticamente, è enorme. Il movimento operaio non deve essere frantumato. Qualsiasi strumento che cerchi l’unità tra i lavoratori è il benvenuto. Partecipazione e democrazia, opinioni (educate, come finora) di tutti sono davvero le benvenute. Sono contento e vi ringrazio. Io ringrazio voi, che continuate a tenermi una finestra aperta sul mondo “dell’economia reale”,  del vostro lavoro e delle vostre preoccupazioni. Mi aiutano a ricordare di me, dei miei genitori; mi aiutate a tenere a mente il mondo delle fabbriche, che è vivo, anche se molti vorrebbero farci credere “morto”, un mondo dove sudore e stanchezza non sono finti, non sono scommesse come tanti “titoli spazzatura” che ci hanno portato alla rovina e al tracollo. Non posso non incoraggiare Barbara, che con molte difficoltà sta portando avanti un bel lavoro,  che si sta dimostrando responsabile e degna di essere una brava delegata, rappresentante di tutti. E ringrazio anche te, Grazia, di dare un contributo prezioso. L’antagonista è un altro. Dobbiamo imparare, tutti, a incanalare la rabbia. Dirigerla verso i veri responsabili di questo stato di cose.

Grazie a tutti voi, e continuate, questo blog deve essere una finestra  aperta, per tutti, dal momento che  abbiamo davvero poche  possibilità per raccontarci. Ricordiamoci che dobbiamo essere importanti non solo ora, che rappresentiamo dei numeri, oggetto di indagini, se rientranti nella terza o quarta settimana, o se facciamo o meno la coda alla Caritas, o se prendiamo i moduli per la richiesta di disoccupazione. Ricordiamoci che “con il nostro lavoro ed il nostro sudore” abbiamo fatto la ricchezza di altri, che troppo spesso, e direi sempre, lo hanno dimenticato. Pronti, sempre, a “socializzare le perdite e privatizzare i profitti”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...