No agli ultimatum – il PRC è contro il TAV”

ARMANDO PETRINI (SEGRETARIO REGIONALE PRC Piemonte):
“Urge un confronto politico nel centro sinistra in vista delle elezioni
amministrative.
No agli ultimatum – il PRC è contro il TAV”

“Se il buongiorno si vede dal mattino, il 2009 non nasce sotto i migliori
auspici.
Le recenti dichiarazioni di alcuni esponenti piemontesi del PD di fatto contro
la sinistra d’alternativa, e contro il PRC in particolare, non ci paiono un
buon viatico per la stagione politica che da oggi ci porterà alle prossime
elezioni amministrative.

Non è certo con degli ultimatum che si possono costruire alleanze politiche.
Piuttosto con la capacità di dialogo e con la volontà di tenere conto della
effettiva complessità delle forze in campo e della rispettiva rappresentatività
sociale e politica.

La nostra opinione è che sia necessario aprire al più presto un confronto
programmatico fra tutte le forze del centro sinistra in vista delle elezioni.
E che a partire da un confronto sul merito di ciò che si intende realizzare si
possa verificare la volontà o meno di una prospettiva comune e perciò di
un’alleanza.

Le forzature non aiutano questo percorso.
Su alcuni temi delicati sarebbe bene misurarsi con le posizioni in campo senza semplificazioni che non servono alla discussione.
Sulla TAV le posizioni del PRC sono molto precise e ben note da tempo.
Piuttosto non ci capisce davvero -se non con un ulteriore sintomo della
degenerazione dei modi del fare politica- come mai alcuni che si sono sempre battuti insieme a noi contro quel progetto siano diventati oggi i primi sostenitori dell’opera.
La posizione del PRC sulla TAV è dunque chiara, e ancora ieri ribadita da
Vittorio Agnoletto. Un confronto programmatico serio, e che miri a un risultato positivo, dovrebbe misurarsi con questo dato, non rimuoverlo”.

Armando Petrini
Segretario regionale PRC Piemonte
Torino, 3 gennaio 2009