Precari e supplenti sulla cresta dell’onda

Precari e supplenti sulla cresta dell’onda
tre giorni di dibattiti e festa: un punto d’incontro trasversale
per i precari e supplenti della scuola
12,13,14 DICEMBRE 2008
…troverete info e un caffè caldo…
tendone piazza Vittorio – Torino

PROGRAMMA

    Venerdì 12 Dicembre

14.30: Conferenza stampa
15.30: Non pagheremo noi la vostra crisi ma ve la risolviamo.
Dibattito con le realtà operaie e precarie toccate dalla crisi.
Thyssen, Bertone, Fiat Mirafiori.

21.00: Daniele Contardo in School Days. Lezione-giullarata con organetto

    Sabato 13 Dicembre

11.00: Le rivendicazioni di noi precari e un confronto con le
Rappresentanze sindacali: Cobas, Cub e Flc-Cgil

16.00: Le lotte dei precari di altre realtà italiane: Liguria, Milano.
A che punto è l’onda?
Incontro cittadino con i protagonisti dell’onda:
• assemblea universitaria NO GELMINI
• assemblea del Politecnico NO TREMONTI
• precari della scuola
• precari della ricerca,
• Scuole elementari, medie e superiori, genitori

21:00: Il grande freddo, Catalano & soci – cabaret

• Domenica 14 Dicembre

10.00: Assemblea sulla legge Aprea e sulla Riforma:
Cosa sta succedendo? Il punto della situazione spiegato per ogni ordine e grado.
Intervento sulle Materne, Elementari, Medie Inferiori, Superiori, Aprea
11.30: Coordinamento genitori e la campagna iscrizioni nelle elementari e medie
Converso, Spertino
15:00: A scuola di legalità con l’avvocato Claudio Novaro: il processo al G8 di
Genova
COOSUP – Coordinamento Provinciale scuole superiori di Torino
17:00: ASSEMBLEA CITTADINA DEGLI STUDENTI MEDI
Concerto a seguire

Documento Invito Precari e Supplenti Scuola

“Uno sciopero per il futuro. Il governo sbaglia ricetta”.

Uno sciopero per il futuro. Il governo sbaglia ricetta. Questo è il titolo di Loris Campetti sul manifesto di oggi giovedì 11 dicembre 2008. Almeno un milione in piazza in 108 città, scrive Antonio Sciotto sempre su il Manifesto. Io, a Torino, sarò uno di questi: uno in mezzo ad un milione, uno che guarda al futuro, per dire basta al flusso dell’interminabile flusso di denaro transitato negli ultimi anni dai salari ai profitti ed alle rendite. Uno in mezzo ad un milione: saremo quelli che saremo, pochi, tanti, non importa che qualcuno provi a contare Piazza Vittorio, via Po o altre vie adiacenti. Quel che conta è che saremo determinati a portare in piazza le sei proposte presentate da quadri e delegati nel mese di novembre: ammortizzatori per tutti i lavoratori, sostegni ai redditi da lavoro e pensioni, investimenti e politica industriale, infrastrutture ed edilizia popolare, attenzione e più welfare e la sospensione per due anni della Bossi- Fini in caso di perdita del posto per crisi aziendale. Ieri sera, ad una cena dove erano presenti molti lavoratori autonomi, la mia era una voce fori dal coro, ma sempre pronta ad intonare la stessa musica: “la coscienza sociale, analizzando la società attuale mi porta a manifestare con forza e tenacia; ho aderito a tutti gli scioperi, condivisibili nel merito: quello di settembre come quelli di ottobre, come quello di domani. Nulla mi e ci dovrà intimorire e pazienza se troveremo qualche soldo in meno. Le grandi conquiste del movimento operaio hanno richiesto numerosi sacrifici, ed ora tocca a noi; mangeremo meno, ma ci nutriremo di altro, ci riempiremo e torneremo a mangiare e bere ai veri valori che hanno sempre contraddistinto il movimento operaio“. Ero in minoranza, ma non mi spaventa. Avanti, riempiamola la piazza, per noi, per il presente, per il futuro; la manifestazione e la lotta di domani e di quelle che verranno dovranno, e noi dobbiamo dare forza, misurarsi con la prospettiva, dove la necessità di un lavoratore deve avere una soluzione, vera, qui, ora, sempre. Ai bisogni bisogna dare risposta immediata, adeguata. Dobbiamo stare vicino ai metalmeccanici, che è come dire stare vicino agli studenti, equiparati da una identica condizione: la precarietà che sta aggredendo ogni aspetto della nostra vita. Allora, a domani, con le nostre bandiere, con i nostri giornali, con i nostri ideali con la nostra prospettiva che un mondo migliore è possibile.
Ps: ho partecipato ad una assemblea della cgil scuola: pochissimi e tra questi, su sei, da me conosciuti, uno solo era a contratto al tempo indeterminato. Ho ascoltato un intervento di uno di questi cinque: 50, due figli, da venti precario. E’ vita questa? la domanda è antica e mi fa tremare i polsi. Ma ancora un’altra riflessione mi portava a domandarmi: è possibile che nel mondo degli intellettuali, nella scuola non si sappia rispondere in maniera adeguata ad una “chiamata”? bisogna aver paura della reazione del dirigente o della propria condizione personale e famigliare che rischia di non avere una prospettiva, uno sbocco? Siamo noi che diamo la forza al sindacato, d’accordo, ma prima di tutto, coscienza sociale! A domani, vi aspetto.